Giorni contati per l’Unione Europea

Il Coronavirus sta devastando l’economia europea, sembra che il virus stia iniziando a colpire anche i paesi europei fuori dall’Italia, a seguito dell’emergenza dichiarata dal suo inizio in Cina e seguita sino in Italia con tragici risultati, dove questo sembra ancora non rallentare la sua corsa, soltanto a Bergamo città del nord Italia si contano almeno 50 morti al giorno. L’isolamento è necessario in alcuni paesi addirittura obbligatorio per contenere la diffusione del virus, che inesorabilmente si è integrato nella vita degli europei, il rallentamento della nostra economia è palese, e per non portare allo zero la crescita bisogna ancora tenere qualche impresa aperta, sia per il fabbisogno cittadino che sanitario, ma non sappiamo ancora per quanto tempo queste imprese possano restare aperte. Ecco perché è stato deciso di sospendere il Patto di stabilità. La decisione, spiega von der Leyen, fa sì che i governi nazionali “possano pompare nell’economia quanto denaro vogliono” per evitare il peggio.

Tutto ciò ovviamente avrà notevoli ripercussioni sia sui cittadini (con tasse che non potranno sostenere) sia a livello di liquidità, poiché si rischia di “sbancare” la banca centrale europea, motivo per il quale si vocifera che oltre il 60% delle banche fallirà.

Se tutto ciò avvenisse, e sta già avvenendo, l’unione europea potrebbe non arrivare al 2021, potremmo ritornare alla moneta sovrana mantenendo l’unione, staremo a vedere, ma qualcosa bolle. Provate ad immaginare quando l’intera unione europea avrà una crescita pari a zero e preleverà le risorse stanziate negli anni, cosa potrebbe rimanere?! Quando paesi come Francia e Germania si fermeranno per l’emergenza e l’Italia non sarà ancora tornata a lavoro a pieno ritmo.

Ursula Von der Leyen ribadisce Si accantonano le regole di bilancio al fine di evitare il collasso dell’economia europea e del suo mercato. Nella comunicazione ai governi in cui si richiede l’attivazione delle clausole si ricorda che le previsioni già indicano una contrazione del PIL dell’UE dell’1% per il 2020, ma “scenari più negativi, collegati a un impatto più profondo della pandemia, non possono essere esclusi, anzi sembrano già scontati”. Dunque occorre agire subito

“Non possiamo comportarci come se niente stesse avvenendo”, sottolinea il commissario per l’Economia, Paolo Gentiloni, che avverte: il conto del Coronavirus per le nostre economie “sarà estremamente salato“. Troppo presto per parlare di grave crisi economica, ma è bene considerarne la possibilità visto l’andamento drammatico della situazione.

L’attivazione delle clausole di fuga del Patto di Stabilità “apre la strada a una risposta forte e coordinata all’immensa sfida economica che dobbiamo affrontare tutti insieme”.

Questa sospensione del Patto offre ai governi la flessibilità necessaria per proteggere i propri cittadini.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: