Sicilia Chiusa

Grande onore va il sindaco Cateno De Luca, sindaco di Messina, che da questo pomeriggio staziona al porto di Messina, assieme a tutti gli enti per i controlli sull’emergenza coronavirus.

I primi controlli sono già stati effettuati in Calabria a Villa San Giovanni, nel mentre sono stati bloccati i ticket ordinabili online, che slittano al 20 giugno, si potrà arrivare nella regione solo con compravate motivazioni, numerosi sono stati i rinvii di tantissima gente, vari sono stati i ricorsi, ma resta il grave problema per la regione Sicilia, che i cittadini sbarcati la notte passata non sono stati ne scritti ne catalogati, per cui non si sa ancora chi di questi si autodenunci svolgendo il proprio periodo di auto quarantena nelle proprie residenze. Gli isolani potrebbero ritrovarsi con casi positivi al proprio fianco, perchè, ricordiamo che anche se sia stata misurata la temperatura ai sbarcati della scorsa notte e dei precedenti sbarchi, anche se se questa fosse nella norma, potrebbe trattarsi di casi asintomatici.

Ore 22.20 traghetto appena arrivato al porto di Messina, ad attendere allo sbarco i primo cittadino di Messina <<il sindaco De Luca>>, 28 le auto e 62 passeggeri verranno identificati.

Ore 22:30 il primo sbarcato viene intervistato proprio dal sindaco, ad effettuare i veri controlli se ne occupa il corpo forestale, anche se questo ente non sembra proprio idoneo a questo genere di controlli, ovviamente si creano assembramenti dovuti dalla tensione, con agenti della protezione civile che inducono a prendere le giuste cautele sulla distanza, il sindaco da oltre due ore continua a parlare con giornalisti, con enti vari e con gli sbarcati senza alcuna mascherina (diciamo che questo non è un buon esempio).

Ore 22:40 continua l’attesa per gli altri sbarchi, la dimostrazione di De LUca sembra più a scopo politico che difensivo, ma apprezzabile il suo impegno nonostante l’orario e la tensione, gli assembramenti sono inevitabili, molti senza mascherine, giornalisti compresi. Nel mentre esperti ammettono che il picco nelle zone del siciliano potrebbe arrivare nei giorni di pasqua, ricordiamo in questo momento che la città della regione col più alto numero è Catania.

Ore 23:15 persiste sul posto il sindaco, grande onore per un sindaco che come pochi si mette in prima linea. I controlli sono minuziosi, tutte le forza sono presenti. Qualche controllo sembra essere passato da Villa San Giovanni, ma ancora non è sceso dal traghetto, diverse le auto che non sono potute partire dalla Calabria, circa 30 auto con rispettivi passeggeri.

Ore 23:30 le auto con problemi di certificazione al momento sono due con 4 passeggeri in totale, che inspiegabilmente sono riusciti a partire dalla Calabria, questo non è ammissibile per il sindaco giustamente. Sembra che per rispettare la legge bisogna la presenza del sindaco, non bastano le forze dell’ordine. Probabilmente l’Italia sta facendo più decreti contro il popolo che contro la continua immigrazione dalla Libia. Nel mentre le auto sono diventate 3, non si capisce più chi non stia effettuando bene il suo lavoro, le denunce per irregolarità salgono a 10.

Ore 23:45 da Villa San Giovanni arrivano foto e video di circa 150 auto che dovranno entrare in Sicilia, tra questi è normale che ci saranno irregolarità. Le auto sembra che siano state fatte mettere in giro per la città evitando di dare all’occhio nella coda per la Sicilia, nel mentre il sindaco da appuntamento per domani mattina alle 6:40 nelle stesso posto, affinchè il decreto di arrivare in Sicilia venga rispettato. Al momento i bloccati provenienti da vari stati dell’Europa sono in stato di blocco. L’appuntamento è rimandato a domani mattina, nel mentre gli sbarcati dovranno stare in auto quarantena, non controllati da nessuno. La situazione non è facile da controllare. Arrivare in Sicilia sembra difficile, gli sbarcati verranno registrati tutti, sarà permesso solo a chi si sposta per lavoro attraversare lo stretto.

Ore 00:00 il Sindaco De Luca merita un grande applauso da parte della Sicilia. La sua permanenza rimane ancora al porto di Messina, sarebbe rimasto volentieri, ma non rimane soltanto per il fatto che questa notte non ciano altri sbarchi.

Dati confermati 30 pedoni, 3 auto non in regola, 20 auto di pendolari, 26 auto in totale, passeggeri non in regola 10 su 68, 12% la media non in regola, si attendono ulteriori sbarchi oggi 24 marzo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: