Pugno duro di Italia e Spagna sul tavolo europeo

Grande presidente Conte, Macron non sa da che parte stare

Il presidente Conte e il presidente Sanchez si sarebbero alleati in forte no agli interventi proposti dall’Europa per i due mesi, che sono i due paesi con la maggiore emergenza virus, e i due paesi europei col debito pubblico più alto. L’unione europea vorrebbe che i due paesi andassero in bancarotta, perché? Oggi rifiutando gli accordi proposti, Italia e Spagna si sono tirati fuori da uno stato di schiavitù che sarebbe durato 30 anni, motivo per il quale il presidente Conte avrebbe espressamente e nobilmente rifiutato l’accordo proposto dall’Europa.

“Se qualcuno dovesse pensare a meccanismi di protezione personalizzati elaborati in passato allora voglio dirlo chiaro: non disturbatevi, ve lo potete tenere, perché l’Italia non ne ha bisogno”.

Da grande presidente e rappresentante di nazione, è stata la risposta di Conte data al tavolo europeo. Avrebbe dato all’Europa dieci giorni di tempo per pensare ad una nuova proposta, nel mentre in Italia, paese che partecipa attivamente a stanziare soldi in Europa ogni anno, non arriveranno gli aiuti sperati, l’Italia dovrà avere pazienza, ma non possiamo piegarci all’usura in uno stato di emergenza, non è l’Europa che volevamo questa. Il presidente Conte vorrebbe inoltre approfondire con l’Europa, a cosa servono i fondi stanziati in 20 anni di UE per i casi di emergenza, se non vengono erogati in situazioni come quella attuale? Adesso speriamo che l’Italia e la Spagna continuino il pugno duro in Europa. È probabile che all’Europa importi poco dei paesi come l’Italia, in casi di emergenza, ma è probabile che siano li solo a gestire i miliardi di euro che ogni anno ogni paese versa all’Europa, ma a quale fine? E se qualche paese extraeuropeo dichiarerebbe guerra a Italia o Spagna? L’unione Europea resterebbe sui suoi passi, allora perché rimanere in Europa? Per mantenere la Bce?

L’italia potrebbe tenere il pugno duro perché sa che in questo momento ci sarebbero Cina e Russia a mandare qualsiasi aiuto all’Italia, come gli aiuti sanitari, ma è probabile che l’Italia possa tornare a diventare una delle prime potenze mondiali se unita a Cina e Russia. Conviene all’Europa scherzare ancora? L’Europa potrebbe stare a guardare i traffici economici nel mediteranno, e tornare allo splendore del Mediterraneo, lasciando l’Europa nei mari del nord, mai fruttiferi.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: