Ombra sui decessi delle Rsa

Le scene che spesso arrivano dalle case di riposo, sono certe volte scioccanti, anziani presi letteralmente a bastonate e calci, per questo motivo, la procura della Toscana ha bloccato subito tutte le cremazioni, afficn si possa fare chiarezza sugli eccessivi decessi arrivati dalle Rsa.

Le indagini sono già in corso, verranno effettuate le autopsie a tutte le persone morte nelle Rsa. Secondo la procura, tra i deceduti potrebbe esserci qualche deceduto per casuse non epidemiologiche. E soltanto le autopsie potranno fornire le risposte, visto che si potrebbero incenerire anche le prove incastranti.

A tal proposito, numerose sono state le denunce pervenute alle varie procure, a Milano ad esempio, alcuni parenti di una vittima, hanno denunciato di un loro parente, che risiedeva all’interno di una Rsa, a partire dal 17 marzo accusò sintomi di coronavirus, e così i parenti chiesero ai sanitari dell’azienda di richiedere un tampone ma questo venne negato. Da li i parenti si impegnarono in prima persona, a chiedere alle varie associazioni sanitarie di intervenire, ma questo venne negato da tutte le associazioni. Il 29 marzo la persona morì, e non seppe mai se morì di coronavirus o meno, e venne subito cremato come da prassi per i casi di emergenza. I parenti adesso chiedono giustizia alla procura. Come loro tantissimi altri.

Nel mentre arrivano notizie, secondo cui i cadaveri anche dopo la morte, per un tot di tempo sarebbero altamente infetti, a sostenerlo il direttore dell’istituto di parologia dell’università di Berna, Aurel Perren. Per quanto tempo siano infetti ancora non si sa avrebbe sostenuto, ma bisognerà comunque procedere attrezzati di tutto punto. Da Basilea arriva la notizia, che i medici, per effettuare queste autopsia non asportano più gli organi uno oer uno, ma vengono visualizzati all’interno del corpo stesso, solo i polmoni vengono estratti. Questo per evitare al massimo il contatto con le parti più infette. L’epatite C per esempio arriva a zero soltanto dopo 24 ore.

Seguiranno gli aggiornamenti sulle varie autopsie.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: