Juventus-liverpool la finale della morte.

La prima coppa dei campioni, vinta dalla Juventus il 29 maggio del 1985 fu in realtà una falsa, anzi, una tragedia. Quel giorno era in programma la finalissima europea tra i bianco neri e i “red’s inglesi del liverpool. Lo stadio era l’Heysel, di Bruxelles, un impianto fatiscente, dove già poco tempo prima, vi furono strani scricchiolamenti, scarso anche il servizio d’ordine, quella sera, ed inoltre, gli stessi agenti, erano dotati di radio malfunzionamenti. Insomma, c’erano tutti i presupposti, per non dover disputare l’importante incontro, in condizioni simili. Sugli spalti si registava il tutto esaurito, l’inizio era fissato per le 20,15, ma la tragedia era in agguato. Dal settore Z della curva dove erano assiepati, nella parte inferiore i tifosi juventini, nell’anello superiore quelli inglesi. Quest’ultimi, ubriachi come sempre, cominciano a spingere verso i tifosi avversari, forse per intimorire, a tentare di calmarli un “cordone” di polizia, formato da soli 8 uomini. Ad un certo punto la ringhiera che divide le due tifoserie cede, è il panico, la gente si accalca, nel frattempo i calciatori, ancora negli spogliatoi, assistono alle immagini riprese dalla Rai, un disastro.

Le notizie si susseguono, Bruno Pizzul, dalla cabina dei giornalisti, parla di numerosi feriti, forse anche qualche morto. La gente cercava riparo ovunque, chi acavalcava alte ringhiere per raggiungere altri settori, altri trovarono “scampo” scendendo in mezzo al campo, ma li trovano, incredibilmente, poliziotti che li respingono a manganellate, assurdo!!!! Partita rinviata? No, negli spogliatoi attendono notizie dalla Uefa, nel frattempo, alcuni giocatori entrano in campo, nel tentativo di calmare gli animi, invano, ormai il danno è fatto. Si attenderà oltre un’ora dopo l’inizio, quando la Uefa decide di disputare la partita. Una falsa, perché sugli spalti, a terra sul bordo campo, erano distesi, decine di persone, morti per soffocamento. Alla fine si contaroni 39 morti, ma l’avidità del Dio denaro, fece si che la oartita si disputasse, in un clima surreale, per la cronaca, l’incontro fu “DECISO” a seguito di un Errore!!!!! Arbitrale, assegnando un calcio di rigore fantasma, alla Juventus ( tanto per cambiare). Ma la cosa piu ripugnante, fu vedere i calciatori bianconeri, esultare a fine partita, gioiendo sotto la curva dei tifosi (quelli rimasti vivi!!!). Lo stesso Marco Tardelli, ammise durante un’intervista alcuni anni dopo, di essere pentito, a nome di tutta la squadra, per quella vergognosa esultanza. Una coppa insanguinata, la Coppa della Morte!

Scene di una vergognosa esultanza

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: