Ripartenza in Sicilia, le ong inondano il Mediterraneo

La Sicilia non regge più questa folle inondazione da oarte delle ong che continuano a far arrivare migranti nella regione.

Sono passati appena 3 giorni dalla riapertura, e nonostante le ong non avessero cessato di arrivare neppure durante il nostro periodo di quarantena, seppur siano rimaste davanti le coste senza attraccare, come si evince nell’immagine sotto e come si può ben vedere in questo Video.

Ong tedesca e spagnola arrivate quasi insieme a Palermo

Le due ong non hanno tardato ad attraccare il 4 maggio alla riapertura e l’equipaggio tenuto in quarantena a bordo della nave Tirrenia è potuto anche fare il loro sbarco unq volta atrraccata in porto la nave che per ordine del presidente Musumeci, non doveva attraccare durante il periodo di blocco, il 4 maggio sono arrivati circa 180 migranti con le due ong, che in teoria hanno aspettato qui affinché facessero la quarantena, per riportarli in Spagna e Germania, cosa che a quanto pare non è avvenuta.

I centri di Lampedusa adesso sono strapieni, per cui non possono più ricevere ulteriori migranti, considerando anche che questi dovranno svolgere il loro periodo di quarantena di 14 giorni, nei centri lampedusani. Per cui sarà inutile inondare la splendida isola, che adesso dovrebbe anche pensare al suo turismo, visto che l’isola vive soltanto di questo nel periodo estivo. Se esplodesse un’epidemia nell’isola adesso, per i lampedusani sarebbe uno degli anni più bui della loro storia. Già messa a rischio visto i numerosi blocchi aeroportuali e navali nel mondo.

Questa notte 150 migranti hanno dovuto passare la notte sul molo, e credo che non sia corretto che le ong vengano a “scaricare” in questo modo esseri umani. Non mi sembra questo il modo di aiutarlo. Palesemente dietro c’è un forte business, per il quale saranno pagati solo per recuperarli e portarli in Italia.

Tra i 150 c’erano anche donne e bambini, e dovranno svolgere la loro quarantena fino al 25 maggio, ci auguriamo non nel molo, ma di certo la Sicilia in questo momento di “prova alla riapertura” non si può permettere questi sbarchi fuori controllo.

Evidentemente Lampedusa non è un porto sicuro come si è sempre detto, ma credo che in questo momento nessun porto al mondo possa essere sicuro, per cui se non si interrompe presto, o se non si rallenta questo folle svuotamento dell’Africa, ben presto per la Sicilia, per l’Italia e per l’Europa, non rimarrà che una terra colonizzata.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: