Analisi delle influenze stagionali

Partiamo intanto dai dati sui periodi nel quale tutte le influenze stagionali trovano le migliori condizioni.

I dati citati vengono dall’istituto superiore di sanità. Iss

Le influenze stagionali iniziano in genere dalla 42° settimana dell’anno per terminare alla 17° dell’anno nuovo, da metà ottobre a fine aprile.

Quanti decessi erano previsti nella sesta settimana del 2020? Seguendo la media stagionale dei decessi per influenza stagionale, 238.

Quanti in realtà se ne sono registrati? 217.

Come si verifica l’aggressività delle influenze stagionali? Con il numero di decessi, più è maggiore, e maggiore è l’aggressività del virus.

Allo stesso tempo mentre il Sismg registra tutti i decessi senza calcolarne le varie cause, poiché ne è impossibilitata, per cui interviene l’Istat a calcolare i vari decessi suddividendo le cause, ma questo non può avvenire prima di due anni.

Per poter quantificare in tempo reale i decessi per influenza stagionale, ci si affida a un terzo sondaggio, ma questo può essere calcolato soltanto sui decessi, questo però può essere calcolato solo in base alle persone che siano state in terapia intensiva.

Secondo quest’ultimo calcolo, l’unico al momento al quale possiamo affidarci, da ottobre del 2019 ad oggi, sono stati registrati tramite terapia intensiva 164 casi di influenza stagionale grave, tra questi, 33 sono deceduti, e 132 dei 164 soffriva già di gravi patologie. Al momento però, oltre questi dati, non si può sapere altro sulla reale situazione di questa attuale influenza stagionale. Arriverà però il giorno di questi dati calcolati uno per uno. Poiché è importantissimo poterli calcolare, per qualunque causa siano decedute tutte queste persone.

Nel 2017 però, abbiamo avuto il doppio dei decessi dell’anno precedente, per influenze stagionali, con 663 decessi, mentre 316 nel 2016. Attenzione però, questi decessi sono avvenuti esclusivamente per influenza. Ma ci sarebbero poi ulteriori decessi, che non vengono calcolati come decessi per influenza, ma decessi che prendendo l’influenza stagionale e avendo altre patologie gravi, muoiono prendendo l’influenza. Come ha spiegato il virologo Fabrizio Pregliasco dell’università degli studi di Milano. Passando così dalle poche centinaia all’anno per sola influenza agli oltre 8000 decessi annuali per complicanze preinfluenzali.

Per cui se si considerano i 5.000 decessi per sola influenza dal 2007 al 2017, questi arrivano ad oltre 100.000 negli stessi anni con aggiunta di gravi patologie preesistenti. Fermo restando, che i calcoli variano da anno in anno in base l’aggressività del virus.

L’Iss attribuisce una media fissa di 0.1% deceduti per influenze stagionali su chi ha contratto il virus.

Quante persone secondo l’Iss ogni anno prendono i virus stagionali? Circa il 9% dell’intera popolazione. Questo dato oscilla in anni come il 2004-2005 con il 4% e anni come il 2017-2018 con il 15%. Ossia da un minimo di 2.4 milioni di persone fino a un massimo del 2018 di 9 milioni di persone.

Ma quante persone quest’anno hanno contratto il virus stagionale? Da ottobre 2019 a febbraio 2020, hanno contratto il virus 5.632.000 persone, i dati per marzo e aprile non sono ancora arrivati, ma con molta probabilità potremmo avvicinarci alla normale media come nel 2018, con 9 milioni di contagiati.

Ma cosa può influenzare l’aggressività e il maggior contagio di una influenza? L’inquinamento e il meteo in primis.

Perché si fa la corsa ogni anno a fare nuovi vaccini? Perché i virus stagionali cambiano, e si abituano ai nostri vaccini, finendo per non avere più forza contro i virus.

A voi le conclusioni.

One thought on “Analisi delle influenze stagionali

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: