L’italia tornerà capolista in Europa, Germania sprofonda

I due paesi trainanti per l’economia europea sono Germania e Italia, anche se l’Italia a causa del suo elevato debito pubblico in Europa ha avuto poca rilevanza politica, ma la nostra rilevanza economica è a livello globale, soprattutto grazie ai grandi marchi che mantengono alto il valore della nostra nazione.

Ma lo sai che la Germania nel silenzio dei media e dei giornali sta entrando nella peggiore recessione di tutti gli stati Europei?

Una delle normali motivazioni è il fatto che la Germania ha tante piccole e grandi fabbriche che muovono l’economia del paese, che in questo periodo si sono dovute fermare a causa dei blocchi. Mentre in Italia seppur ci siano tante famose fabbriche che in parte hanno dovuto chiudere ma non tutte (vedi la Ferrari ha prodotto respiratori polmonari), in più in Italia seppur negli ultimi anni a causa delle folli norme europee abbiamo dovuto aumentare l’importazione di beni alimentari, c’è comunque alto il livello di produzione alimentare, questa durante l’epidemia non si è mai fermata, anzi, talvolta la produzione locale si è preferita l’importazione, oltre che da due mesi l’Italia sta ritornando più forte di prima nella produzione alimentare in Italy.

All’inizio del virus le previsioni del Pil erano più deboli in Italia rispetto alla Germania, ma si prevedeva che la ripartenza del Pil sarebbe arrivata allo stesso livello. Oggi invece c’è un colpo di scena, perché il Pil della Germania è sceso più delle previsioni.

Nei primi 3 mesi del 2020 ha registrato un meno 2.2% del Pil.

Il 4° trimestre del 2019 si era già chiuso con meno 0.1% (va ricordato che da quando si registrano i dati del Pil, questi, per aumento del fabbisogno, sono sempre stati in aumento). Secondo i dati economici mondiali, un trimestre col meno si può recuperare, due trimestri già sono dannosi e difficili da recuperare, ma se dovesse succedere anche un terzo trimestre che registri il meno, l’economia di un paese può crollare, finendo per perdere la stima su tutti i fronti.

A questo va ricordato che in Italia il 15% del Pil lo registra il turismo, dati sicuramente più alti rispetto al turismo tedesco, e se consideriamo che dal 3 giugno, le frontiere italiane saranno aperte per il turismo, e senza vincoli di quaramtena se si viene da paesi europei, è certo che avremo un’aumento del Pil, che sorpasserà la Germania.

La Germania è quindi ufficialmente in recessione. È la prima volta dal secondo dopoguerra.

La Deutsche Bank stima una perdita pari al 14% per il 2020, e le previsioni per il secondo trim non sono tra le migliori. Va anche ricordato però, che gran parte dell’economia italiana è legata al settore terziario tedesco, anche se fortunatamente negli ultimi anni l’Italia registra continui aumenti di esportazione verso il paesi dell’Est Cina in primis.

A questo punto se la Germania non riparte a causa del virus sarà un brutta recessione per il paese, rischiando il fallimento di tantissime attività.

Italia, Francia e Spagna hanno registrato segni di meno superiori a quelli della Germania, ma va ribadito il fattore turismo, che oggi in Italia sarà vitale.

3 pensieri riguardo “L’italia tornerà capolista in Europa, Germania sprofonda

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: