Il flop delle aree ecologiche a Palermo

Area ecologica di Romagnolo

Viviamo nell’era del consumismo e questo si sa bene ormai, ma assieme al consumismo dovrebbero anche aumentare le aree da destinare alle discariche o trovare soluzioni di riciclo reale, è assieme a queste dovrebbero anche aumentare i servizi di raccolta, altrimenti il rischio colera può essere dietro l’angolo.

Oltretutto a Palermo soprattutto, ma non solo a Palermo, ci sono ormai le zone di “serie A” e le zone di “serie B”, basta andare nella Palermo bene, frequentata da gente prevalentemente colta per ritrovarsi con un servizio di raccolta rifiuti da parte di AMIA, pressoché impeccabile. Dove i rifiuti vengono raccolti prevalentemente a fine giornata, senza creare inutili code di traffico nelle peggiori ore del giorno. Qui viene fatta anche una selezione tra i rifiuti, con altrettanta differenziazione, evitando così i cattivi odori che assumono una volta mischiati, la raccolta differenziata ricordiamo anche che in periferia si è provato a farla, ma tutto è rimasto bloccato, seppur, si tratti solamente di differenziare nella raccolta, ma realmente questa non viene riciclata per niente, anzi, bisogna ringraziare la gente che raccoglie cartone e metalli vari dai rifiuti, e ciò nonostante sono anche a rischio sanzioni.

Oggi pero però ci sarebbe da dire, che se da un lato il comune di Palermo ha provato a creare delle ottime e attrezzate aree ecologiche per i rifiuti ingombranti, e stanno anche aumentando in città, queste purtroppo non funzionano a dovere. Come nel caso dell’area ecologica di Romagnolo. Qui molto spesso i cittadini lamantano il fatto che le aree molto spesso non prendono i rifiuti che la gente porta, creando non pochi problemi ai cittadini e spesso alla città.

Oggi per esempio uno dei tanti cittadini di Palermo, dopo essersi recato sul posto, gli è stato impedito di acaricare un divano, alle 17:20, perché non facevano servizio, uno dei dipendenti ha espresso (malamente) che il centro adesso fosse aperto solo la mattina.

Immaginate quanta gente porta un rifiuto ingombrante e non avendo spazio da nessuna parte, o per via del lavoro, si ritrova costretta a non poterla riportare, oltretutto, anche i traslocatori che effettuano questi lavori, troppo spesso si ritrovano bloccati, con rifiuti nei furgoni, o con lavori che non possono effettuare perché si ritrovano i furgoni pieni. Quanti scaricheranno poi per strada accanto ai contenitori? È colpa del cittadino? O per una volta è l’AMIA che non sa offrire questo servizio?

Tra l’altro oggi è stata fatta la negativa, sostenendo che lo spiazzale nel pomeriggio fosse soltanto a disposizione dei dipendenti della Rap. E in nessun modo è stato consentito di scaricare il divano.

Quel che è peggio, è che i cassonetti di tutta la zona, si trovano nelle condizioni come nella foto sotto, da premettere che i contenitori della foto distano dall’area ecologica 300 metri.

Discarica all’aperto a 250 mtb dall’area ecologica

Per cui ci ritroviamo i cassonetti pieni di rifiuti pericolosi come nella foto scattata oggi subito dopo il problema nell’area ecologica, i dipendenti dell’area che dirigono soltanto il traffico e rifiutano qualsiasi deposito aumentando poi il lavoro dei colleghi della Rap, oltre la situazione indecorosa che ai viene a creare, oltretutto è uno spreco, poiché spesso bisogna intervenire con le ruspe per togliere i rifiuti, oltre che capita qualcuno che ingenuamente li brucia, non pensando quanto sia tossica l’aria che respirano anche loro dopo.

Sperando che l’articolo arrivi a chi di competenza augurandoci che l’AMIA possa svolgere il suo lavoro senza creare problemi a catena.

Fate girare intanto, affinché questo degrado posso finire.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: