“E penso a te – Lucio Battisti – 1972”

Correva l’anno 1972, Mogol scrive questa poesia che entrerà nella storia della musica leggera internazionale. Un brano magistralmente interpretato dal grande Lucio Battisti, e cantato negli anni, dai più grandi cantanti, italiani, come Mina, Fiorella Mannoia, Giuliano Sangiorgi, Arisa, Bruno Lauzi, ed altri, ma anche da grandi della musica leggera mondiale.

Il brano fa riferimento ad un amore finito, ma impresso nel cuore e nell’anima, tanto da non saperlo dimenticare, invano tenta, un’avventura con un altra donna, il suo amore per l’altra è indelebile ma non corrisposto, probabilmente Mogol, scrivendola, faceva riferimento alla sua ex moglie, che pur separandosi da lei, rimase il suo grande amore, a lei, infatti, dedicò numerosi brani. e penso a te, è uno di quei brani, che rimarranno per sempre, impresse nelle nostre menti, cantata, tutt’oggi dopo 50 anni, anche da giovanissimi. Un brano, ed una interpretazione da ascoltare.

Lucio Battisti 5/3/1943-9/9/1998

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: