Ecco come arredare il vostro giardino

Hai mai pensato di acquistare una piscina ma sei preoccupato per i prezzi? O pensi di non avere lo spazio? Bè anzitutto riporla nella scatola quando non serve nei periodi invernali, ti costerà soltanto ripiegarla all’interno della scatola, mentre per l’estate, ci sono piscine di tutte le dimensioni, per cui non è un problema trovare quella giusta per ognuno di noi, oltretutto, con il torrido caldo estivo degli ultimi anni, mettere una piscina nel proprio giardino, o nel proprio balcone, è veramente un’ottima idea, vedrete, la comprerete per i vostri figli, e alla fine la userete anche voi, e talvolta anche i vostri animali a 4 zampe. Vediamo insieme le migliori scelte.

Piscina rotonda 305×76 cm da 4.500 Litri a soli 98 euro, questa viene venduta anche con una misura di 50 cm in più con un prezzo notevolmente maggiore, la piscina 305×76 cm invece è già completa di filtro nei suoi 98 euro in offerta al momento, ma la si può acquistare anche senza filtro per 76 euro, il tempo di montaggio è di circa 30 minuti in due, la struttura reggente formata da paletti in acciaio inossidabile, mentre la tela è sempre in PVC a triplo strato, con lo strato centrale in poliestere. Facilità di montaggio 4.6 stelle e 4.5 rapporto qualità prezzo. Intex offre due anni di garanzia sui suoi prodotti.

Piscina rettangolare 300x200x75 cm a soli 191 euro, di forma rettangolare, con una capacità di 3.800 Litri senza filtro, con filtro il prezzo arriva a 560 euro, anche se si possono usare altri filtri col quqle potrete risparmiare parecchio, tela in PVC a triplo strato, PVC i lati esterni e poliestere l’interno dei tre strati, con predisposizione per attacco filtro, la piscina è di facile installazione. Con 5 stelle sulla qualità del materiale, 4.6 sulla facilità di montaggio e 4.6 su qualità prezzo. Di questo modello esiste anche la misura da 220x150x60, fino alla nisura 450x220x84. Coperta da garanzia di 2 anni intex.

Piscina rettangolare 549x274x132 cm 672 euro pagabile a rate, con una capacità di 17 mila litri, il suo montaggio può tranquillamente avvenire in 60 minuti, non male se considerate che questi generi di piscine vengono montate una volta per tutta la stagione estiva, questa è anche l’unica piscina che viene venduta provvista di scala, questa viene anche venduta con filtro e pompa di movimento incluse nel prezzo, e un completo set di pulizia come retino a scopa per pulire le pareti interne, il telo di copertura offre la massima resistenza, come solo intex sa fare con i suoi prodotti, oltre la completa garanzia di 2 anni.

Il nostro consiglio comunque è sempre quello di pulire bene la base della vostra piscina, e per chi vorrebbe fare una shiccheria maggiore, può pensare ad apporre un tappeto in erba sintetica sotto la piscina e attorno ad essa, come nella foto qui sotto.

E se a tutto ciò vorreste aggiungere un comodo salottino in resina con poltrone e tavolino? Bè per chi può farlo, questo è veramente il modo migliore per rendere il vostro spazio esterno il top. In offerta al momento per soli 189 euro, compreso di cuscini come nella foto sotto.

E per ultimo, per completare la vostra zona piscina relax, non potrete farvi mancare un tavolino frigorifero, questo tavolino a prezzo pieno costa 88 euro, approfitta del super sconto a 56 euro, un vero toccasana, quando metterai le bevande al fresco dentro la ghicciera, sicuramente un po di ghiaccio per mantenere la temperatura ottimale, non guasta proprio, il tavolino è esattamente quello della foto qui sotto.

Infine non dimenticare l’ombrellone con piede laterale per creare la zona ombra per chi non vuole ustionarsi con il sole, o per tenere all’ombra il vostro tavolino frigorifero, meglio se l’ombrellone sia come quello in foto, in modo da non avere il piede al centro della vostra zona comfort.

Spero che l’articolo sia di vostro gradimento e che possa darvi qualche indizio per il vostro giardino.

Qui trovi sempre i prodotti migliori al prezzo migliore.

La nuova pinza multiuso che sta spopolando su Amazon

Un’accessorio che a tutti capita di averne bisogno, e sai perché sopratutto? Perché non gli manca assolutamente nulla per poter riparare qualsiasi oggetto.

Si tratta della pinza multiuso 25 in 1, già il titolo dice molto, ma vediamo insieme di cosa si tratta e perché sta facendo un gran successo.

Iniziamo dal prezzo di soli 17 euro, il materiale è acciaio inossidabile, ovviamente è sempre consigliato asciugarlo se usato con sostanze bagnate, 11 dei 25 accessori sono punte da cacciavite, combinate tra inserti italiani, americani ed esagonali, la pinza ha degli innesti per poter innescare le punte per poterle usare con massima semplicità. La pinza oltre gli 11 inserti possiede anche una normale pinza, lima, coltellino, forbici, cavatappi, seghetto, tenaglia, prolunga per inserti, e per concludere una comoda fondina che vi permette di portarlo attaccato alla vostra cinta, zaino esterno pronto all’uso, insomma, abbiamo capito perché è un’oggetto che sta spopolando, sia per il prezzo che per le recensioni. Per tutto il resto potete cliccare il link sopra o la foto sotto il titolo.

Un accessorio fondamentale per la tua auto

Ciao, quante volte ti sei ritrovato in panne con il tuo mezzo, e non sei potuto andare a lavoro, o da qualsiasi altra parte? Immagino ti sia capitato, e se tutto ciò avvenisse quando sei in vacanza? Se ti capita quando sei in una salita? Cosa puoi fare? Una vera noia la batteria che si scarica, e purtroppo non ci da quasi mai alcun preavviso, ci lascia a piedi senza avvertirci, magari in una calda giornata, a causa della luce dimenticata accesa, insomma succede.

Ma una soluzione semplice ed efficace ci sarebbe, oltretutto non costa neppure molto, per cui il mio consiglio, è di tenere sempre un avviatore di batterie in casa, vediamo un’ottima occasione qui sotto.

Su Amazon vendono per esempio l’avviatore BuTure da 1600A per auto e moto, anzitutto il prodotto al momento è in offerta a 54 euro invece di 69. Il suo funzionamento è semplicissimo, va caricato a presa da 220 volt, e lo potrete riporre in auto pronto all’uso, o al massimo, quando questo sarà scarico, basterà caricarlo qualche minuto per poter far partire l’auto, basterà soltanto collegare i cavi positivo e negativo alla vostra batteria, e accenderlo, a questo punto dovrai soltanto mettere in moto il veicolo, inoltre una torcia inclusa vi aiuterà se occorre nelle ore buie della giornata, per altre informazioni, potrete cliccare il link qui sopra o la foto a inizio pagina. Non dimenticare accessori essenziali, prima o poi capita a tutti di restare a piedi e dover cercare elettrauto, cavi, e quant’altro, in questo modo sarai totalmente indipendente.

Rimuovere i graffi dalla propria auto non è mai stato così semplice

Se anche tu ti ritrovi dei graffi nella tua auto e ti da fastidio vederli aumentare, ti capisco perfettamente, c’è chi riesce a non vederli nella propria auto, ma ci siamo anche noi, quelli che quando prendiamo la nostra auto, e sappiamo che ha un graffio, l’occhio ci va sempre lì.

Proprio per questo motivo vorrei consigliarti un prodotto in particolare, che fa veramente miracoli, è il Ma Fra rimuovi graffi, un prodotto veramente eccezionale che con soli 10.99 euro vi permette di far scomparire i graffi.

Basta semplicemente passare un po di questa crema nel punto da trattare, e massaggiare ripetutamente il punto con il tubetto stesso, questo farà azione come una vera gomma, cancellando esattamente il graffio, infine, una volta asciugatosi il prodotto, bisognerà passare una sorta di spugna, già inclusa nel pacco, per togliere i residui superflui e omogenizzare il punto.

Ma Fra è una società operativa nel mondo delle auto dal lontano 1965, non produce prodotti scarsi o inaffidabili quindi.

Lampedusa è stracolma di migranti, ma le forze dell’ordine controllano la movida

Ciò che sta avvenendo negli ultimi giorni è sempre più scandaloso, qualcuno si preoccupa per i nuovi contagiati e per gli aumenti da coronavirus, qualche altro pensa che ci sia qualcosa sotto che non ci dice la reale verità.

Del resto, come si spiega, che riaprono porti, aeroporti, serie A, hotel, se nel mondo ci sono luoghi dove il coronavirus non è mai andato via? È logico che al di la del fattore economico, al di la di cercare di dare un’aiuto all’economia, ci sia anche il fatto che dopo tanto distanziamento, non è normale che le persone partono da luoghi altamente contagiosi e vadano in vacanza o tornano alle proprie città natale, o ancora peggio partono totalmente fuori controllo dall’Africa per raggiungere L’Europa, tramite l’Italia, approdando tutti a Lampedusa.

Non crediamo sia normale tutta questa rapida riapertura quando nel mondo ci sono ancora molti casi di covid, che esista a no, è bene salvaguardarsi.

Ma sapete cosa è ancora più scandaloso?

Ieri sera sono uscito nella mia adorata Palermo, e sinceramente, trovare una “movida” formata più da forze dell’ordine di qualunque livello, a sostare tra le vie del centro storico, francamente non ne capisco l’utilità. Cioè lo stato paga fior di quattrini, per far che? Per vigilare il passeggio della gente? Ma lo stato lo sa che a Lampedusa si sta rischiando il vero caos? Cosa aspetta ad intervenire? Chi c’è dietro la tratta dei migranti da oscurare gli occhi anche ai procuratori? È veramente disgustoso pensare che fanno finta di tutelarci quando in realtà hanno un piano di smantellamento dei luoghi maggiormente frequentati il fine settimana, è palese.

Noi crediamo che aiutare il più debole sia importante, noi non siamo la destra razzista, ma non vogliamo essere neppure la sinistra con tutto in comune e tutto a pari livello, meno che i stipendio dei dirigenti politici che vorrebbero tutto ciò per il popolo, ma non rispettandolo i primi loro. Noi crediamo che a Lampedusa bisogna soltanto limitarne l’accesso ai migranti, non è possibile che continuino a sbarcare anche senza una motovedetta della guardia costiera che li affianchi, sbarcando persino nella meravigliosa Isola dei Conigli, considerata una delle più belle spiagge del mondo. Dove nepoure i residenti possono sostare a 200 metri dalla riva con le proprie imbarcazioni, essendo riserva naturale, pena salatissime multe, ma a questo punto perché loro possono addirittura sbarcare in spiaggia tra i bagnanti? Bisogna soltanto limitare gli arrivi, filtrarli, o tra poco sarà il caos a comandare, l’Italia rischia di perdere Lampedusa.

Quando lo stato si assenta, il popolo deve prendere le redini e sostituire lo stato.

Scrivo questo articolo, affinché la gente che legge possa condividere e far arrivare in tutto il mondo la notizia, visto che in Italia non ci ascoltano, almeno ci facciamo ascoltare dal resto del mondo, o magari, diciamo al resto del mondo cosa avverrà presto anche nelle loro città.

Ecco perché comprare guanti e mascherine di riserva

Dopo aver letto questo articolo, sarai anche tu disposto a fare come me, e cioè ad acquistare guanti e mascherine (per riserva), meglio averle in più a poco prezzo ora, che spendere una fortuna dopo, quando ti serviranno ma non ne avrai, o quando potrebbe esserci di nuovo l’assalto all’acquisto di queste.

Ieri sono andato alla posta per spedire un pacco con una premura notevole, quando “disgraziatamente”, dopo essere arrivato e parcheggiato, mi rendo conto di aver dimenticato l’unica mascherina che avevo, fin qui può capitare, di sicuro non è l’oggetto di tutti i giorni che vorremmo ricordarci di portare sempre con noi. A questo punto “entrato” nella prima farmacia vicina, mi viene detto che se voglio acquistare delle mascherine posso prenderne o una “lavabile” senza alcuna sicurezza sanitaria, ne sull’impacchettamento tipo casalingo, ne sulla dicitura che qualcuno gli attacca alla busta, oppure posso acquistare un pacco da 25 a 50 euro, sinceramente ho pensato che non dovevo smerciare mascherine, e che 50 euro non le avrei mai spese per entrare alla posta uscire. Per cui acquisto quella da 1.80 euro, trovate scontrino e foto della mascherina qui sotto.

Per farvi capire la truffa che gira attorno a questa situazione, leggete.

A questo punto, per evitare altre situazioni simili, perché capisco che adesso è diventato business, e non più protezione collettiva, specialmente con una mascherina venduta da una farmacia, che di protettivo non ha nulla, decido ad acquistare un pacco di mascherine e un pacco di guanti (visto che in pochi lo sanno, ma in realtà, in molti negozi sono obbligatori anche questi), e li divido, un po nella mia macchina, un po a casa e un po a lavoro.

Ed ecco che mi decido subito ad acquistare tramite all’affidabilissimo Amazon, un pacco di guanti in vinile da 100 pz a 21 euro, ottimi sia per chi è allergico a polvere o lattice, e tra l’altro interminabili, e un pacco di mascherine chirurgiche da 50 pz, a soli 38 centesimi a mascherina, almeno ho una mascherina a triplo strato, almeno posso dire che un minimo di protezione adesso ce l’abbia, senza la presa in giro e il furto da parte di chi ci dovrebbe proteggere, le farmacie.

Francamente adesso sono pronto per la nuova ondata che tanto stanno creando per settembre.

Zaino da trekking 45 Litri in offerta

Ecco il nuovo zaino da trekking che sta facendo girare la testa a tanti ragazzi, e specialmente al nuovo prezzo in offerta di soli 21 euro in offerta, perché il suo prezzo originale è di 34 euro, probabilmente vi farà ricordare che acquistare lo zaino per le vostre vacanze a questa cifra non potrete farlo tutti i giorni.

Si tratta dello Zaino da Trekking impermeabile da 45 Litri, blu, nero, rosso e verde sono i colori disponibili, la sua capienza come avrai ben capito è di 45 Litri, è anche impermeabile, inoltre la parte della schiena è ergonomica, per cui nella schiena non si sente nemmeno.

Inoltre è ricco di tasche e cinturini esterni vari, per cui è comodo sistemare i vostri accessori, così come sarà comodo legare una bottiglia d’acqua esterna, o un sacco a pelo, o una tenda da campeggio, unisciti anche tu così che potrai dare la tua votazione a questo splendido zaino.

Mini Drone HD in offerta a soli 40 euro su Amazon, corri

Ciao, sogni di acquistare un drone anche per poterlo provare? Ti capisco, e forse è anche giunto il momento.

Oggi Amazon propone il Mini Drone HD in offerta a soli 40 euro invece di 55, cosa aspetti? Approfitta dei super sconti del momento grazie anche al nostro sito che te li ricorda. Questo drone possiede due batterie, con un’ottima capacità di volo, controllabile in diretta da smartphone, tripla velocità, rotazione a 360°, IL 28% DI SCONTO. 4 potenti eliche ti permettono anche la sospensione in aria, fotocamera HD a 720 mp, 30 fps, possibilità di scatrare foto dall’alto in movimento e da fermo. Considera che è l’oggetto più richiesto su Amazon oggi, ci sarà un motivo, quindi non aspettare, clicca nel link o nella foto qui sotto ed entra sul mondo Amazon.

Non perderti l’occasione, altoparlante Bluetooth Dynasonic in offerta

Ciao se cerchi la cassa altoparlante Bluetooth, col quale puoi fare anche karaoke, senza bisogno di cavo elettrico, che funzioni con batteria sei nel posto giusto. Ma affrettati perché sarà in offerta a 38 euro soltanto per altre 15 lre su Amazon.

Si tratta del Dynasonic altoparlante Bluetooth 10 watt e 2 microfoni.

Questo altoparlante lo trovi con due microfoni già inclusi, due altoparlanti da 10 watt, radio fm, lettore usb e microsd, Bluetooth, e tanto altro.

La cassa è disponibile con varie colorazioni, con un’altezza di 32 cm, una larghezza di 14 cm e profondità 12 cm, non è nemmeno molto ingombrante, possiede già una batteria interna, ma si può prolungare la durata con delle batterie esterne.

Su Amazon ha già raggiunto 4.1 stelle su 5, vedrai come farà il boom a questo prezzo, pensaci.

Ecco il necessario per una reflex

Ciao ti scrivo questo articolo, perché essendo possessore di una splendida Nikon d5600, sarò sicuramente in grado di darti qualche buon consiglio sugli accessori che ti potrebbero servire, sia che tu sia possessore di una Nikon che di una Canon o altro, poco importa, gli accessori che si utilizzano sono comunque comuni a tutte le marche. Non mi dilungo sulla macchina in quanto il mio obiettivo è elencarti gli accessori più utili, ma ti assicuro, che basterà fare una piccola ricerca per scoprire di che oggetto parliamo, puoi leggere qualcosa nel Sito originale Nikon, ti anticipo, che possiede si ci e Bluetooth, per cui non avrai più bisogno di collegare cabi vari per scaricare le foto, oltre ad avere uno schermo totalmente snodabile, come poche nikon hanno, e il display è anche touch. Un vero spettacolo ad un prezzo non troppo alto.

Nella mia Nikon anzitutto monto due obiettivi diversi, uno per scatti da vicino, per esempio ritratti o paesaggi, compleanni ecc, e questo lo faccio con il semplicissimo obiettivo nikon af-s 35 mm dx, l’obiettivo più simile all’occhio umano, penso di acer detto tutto già con questa frase, arriva a f 1.8, quindi parliamo di un’obiettivo molto luminoso, che supporta la messa a fuoco manuale, e manuale/automatica, con la manuale automatica, lui mette a fuoco da solo, ma è sempre consigliabile regolare ulteriormente in modo manuale. Questo obiettivo riuscirà a farvi innamorare del suo eventuale acquisto, credo che sia veramente un’obiettivo che tutti dovremmo avere nel nostro zaino. Prova a vedere qui qualche informazione su questo obiettivo Nikon 35 mm af-s dx 1.8 g.

Il mio secondo obiettivo è il Nikon 70-300 af-p dx, questo a parer mio è un’altro capolavoro, un teleobiettivo che nuovo si aggira sulle 600 euro, ma vale la pena vedere con i propri occhi cosa è in grado di fare, per farti capire, la foto qui sotto l’ho scattata a mano libera e l’ho ritagliata per vederla più vicina, e ridotta a 22 kb da 6 mb originali. Ovviamente se avessi avuto un cavalletto, come quello che ti mostrerò in questo articolo, ci sarebbero stati molti più dettagli. Credo comunque, che avrai ben capito che è un super obiettivo, che a questo prezzo meglio non trovi, garantito.

Questa qui sotto invece è la foto dell’obiettivo di cui ti parlo, se vuoi comunque leggere qualche informazione in più anche su questo gioiellino, ti mando sempre al sito nikon, che ti assicuro è abbastanza onesto nelle sue descrizioni.

Grosso modo di tutto ciò ti ho anche accennato in Questo mio articolo, dove vedrai qualche foto in più della mia attrezzatura fino a qualche mese prima di questo nuovo articolo, dove riporto anche il confronto con la mia vecchia d3200 e ti mostro meglio uno degli zaini che ti consiglio per la tua attrezzatura.

Uno degli accessori fondamentali che non deve mai mancarti nel tuo corredo è anzitutto avere due micro sd, in teoria una potrebbe bastare, ma non vorrei essere al posto tuo se per caso una si dovesse riempire, o se si dovesse bagnare ecc, per cui il mio consiglio è di prendere almeno una Micro Sd 128 gb extreme, ricorda di prendere ultra o ancora meglio Extreme, queste influiscono sulla velocità di salvataggio nella memoria, se la tua macchina può salvare 10 fotogrammi per secondo, ma la scheda si limita a 6, la macchina automaticamente va sotto sforzo, non riuscendo a salvare tutte le foto o video, istantaneamente, finendo per avere scatti mossi o video non perfettamente fluidi, infine, come ti dicevo accompagnerei con una seconda scheda anche di piccola memoria, per esempio una Micro sd da 64 gb, questa registra fino a 100 mb/s, supportando fino a 4k di risoluzione, e ha la comodità con soli 12 euro, di avere anche l’adattatore.

Sicuramente a questo punto avrai bisogno di uno zaino o borsa, io personalmente uso il monospalla, prima di acquistarlo credevo fosse un po scomodo, niente di più falso. Anzi posso dirti che questo zaino è più comodo dei classici a doppia fascia. Lo zaino esattamente è l’Endurax zaino monospalla, questo zaino anzitutto come tutti gli altri possiede la comodità che i divisori interni si possono togliere e spostare a proprio piacimento, inoltre possiede internamente una cerniera per piccoli accessori come le sd, una tasca superiore dal quale potrete mettere tranquillamente due reflex affiancate con obiettivo montato, una cerniera frontale apre inoltre lo zaino quasi totalmente, a mio avviso è comoda se volete spostare i divisori o conaervare qualcosa nella parte inferiore (tipo i carica batterie), infine una terza cerniera laterale fa sempre comodo se volete mettere la vostra macchina in modo orizzontale all’interno dello zaino per esempio. La parte frontale è conunque ottima essendo anti urto, fatta con un materiale più resistente. Nella parte esterna inderiore dello zaino trovate invece le cinghie per allegare per esempio un cavalletto. Indubbiamente è molto comodo questo zaino, potrete metterlo a tracolla, dietro i davanti come meglio preferite.

A questo punto l’accessorio che dovrebbe completare il tuo corredo base dovrebbe essere un bel cavalletto, ti consiglio di prendere un cavalletto in alluminio abbastanza leggero, per non caricarti troppo le spalle, anche perché non è detto che ogni qualvolta ti porti la tua reflex farai foto, potrebbero anche non ispirarti molto le zone in cui ti trovi. In ogni caso dovresti avere sempre un cavalletto come il Treppiede tacklife da 1.36 kg, questo cavalletto arriva ad un’altezza di 136 cm da terra ed è completo di custodia. Tra l’altro al momento è in offerta a 28.99 euro invece di 39.99 euro.

A questo punto il tuo corredo fotografico di base sarà quasi completo, ovviamente non sarà il caso di acquistare tutto in una volta, ma sicuramente con questo articolo avrai un’idea su cosa realmente ti servirà e avrai anche un’idea su cosa ti manca da acquistare.

Non dimenticare a comprare comunque un kit professionale di pulizia, non occorre spendere tantissimi soldi per questo, ma occorre non acquistare prodotti scarsi, e ricorda che l’obiettivo va pulito regolarmente se vuoi ottenere scatti puliti, puoi anche pulire il sensore della fotocamera con questo kit, ma fai molta attenzione, fallo usando la massima attenzione.

Se per caso hai una sola reflex e un solo obiettivo potresti anche prendere una semplice borsa porta reflex, anche se ti assicuro che la scelta finale sarà avere entrambe le borse, perché dipende dove dovrai andare ti basterà la borsetta invece dello zaino, quindi portando con te un solo obiettivo, in ogni caso io uso la Fondina Case Logic come borsetta che ho acquistato quando avevo la Nikon d3200 con l’obiettivo nikon 18-55, ma ti assicuro, capita che la uso ancora ora quando non voglio portarmi tutto lo zaino.

Infine se possiedi più di un’obiettivo, e anche se avrai eventualmente lo zaino, ti consiglio vivamente di acquistare una custodia per obiettivi, perché comunque se non lo usi sarà meglio non fargli prendere polvere e soprattutto starci attento se dovesse cadere. Solitamente quando acquisti gli obiettivi ti danno il paraluce e la custodia, ma non sempre questo avviene, possibilmente per non far lievitare i prezzi, o perché li prendi usati e il vecchio proprietario si trattiene sempre qualcosa. Quindi in base alla custodia che ti manca prendi quella che ti serve come misura, inutile acquistare prima la custodia e poi l’obiettivo. Secondo me il top sono i 4 sacchetti con moschettone che trovi su Amazon, sicuramente avrai tutte le misure che ti potrebbero servire con soli 12.99 euro.

Spero di averti aiutato con questi consigli, tutti i link ti portano all’affidabilissimo Amazon, per qualsiasi informazione sarò a tua disposizione anche nei commenti qui sotto.

Rimani aggiornato e Seguimi.

Da non dimenticare per le vacanze di agosto

Quanti di noi ci ritroviamo certe volte a stare scomodi nelle nostre vacanze, e diciamo sempre che per la prossima volta acquisteremo una determinata cosa e poi lo dimentichiamo sempre?

Bene oggi sono qui a ricordarti alcune cose, semplici ed utilissime, per tutti noi che amiamo in estate andare in vacanza e stare comodi, che sia in montagna, che sia in una spiaggia o in un campeggio. Vediamo insieme cosa sicuramente ci potrebbe fare comodo.

Sicuramente uno degli oggetti che non dovrebbe nai mancare, è un bellissimo Materassino gonfiabile ultralight, questo comodissimo materassino da 216 cm, ha la grandissima comodità, che non solo ha le varie fughe a quadrati così da scolare l’eventuale acqua senza bagnarvi voi, ma evita che la sabbia vi si attacchi alla pelle. Inoltre con il suo spessore di circa 5 cm, si potrà gonfiare senza bisogno di portare anche una pompa, in totale arriva ad un peso di 500 grammi. Comodissimo anche il suo cuscino, e il vero lato ancora più positivo, il fatto che acquistandone due, li potrai unire tramite cerniera, diventando così un materasso matrimoniale. Per completare il materasso si richiude all’interno di una sacca adibita ad esso.

Un’altro comodissimo oggetto, che certe volte ti fa odiare alcune la spiagge la sua mancanza, perché come tutti sappiamo, non sempre si va in spiagge di sabbia, talvolta possono anche capitare spiagge di scogli o pietre, ed è un vero peccato rifiutarsi di fare il bagno li soltanto perché non avete acquistato una comodissima Scarpa da mare Mares. Talvolta non ci pensiamo e fatichiamo a camminare in queste spiagge, ricorda che queste scarpe ti mettono anche sicurezza, perché entrare in acqua attraverso scogli di alghe scivolose, non sarà più un problema, inoltre questa scarpa ha la comodità di avere i buchi di aspirazione abbastanza piccoli da non far entrare le pietroline più piccole. Ricordati che le scarpe, e tutto ciò che va a contatto con acqua di mare va sempre lavato con acqua dolce, se acquisti queste scarpe, ricordati, che queste vanno prese sempre qualche punto in meno di quelle che usi giornalmente.

Un’altro accessorio non meno utile di quelli sopra, è l’asciugamano in microfibra Eono, una vera manna dal cielo per chi si ritrova a preparare zaino e borse per trascorrere una settimana fuori, tutti ci ritroviamo a volerci caricare di bagagli meno possibile, e proprio per questo motivo ti consiglio questo asciugamano, che confronto a quelli tradizionali occupa circa 75% in meno di spazio all’interno del tuo zaino. Ce ne sono di svariate colorazioni e anche varie misure, arriva persino alla misura di 200×100 cm, quasi una piazza e mezzo per intenderci. Offre anche la comodità di avere un’ottima assorbimento ma anche un’ottima asciugatura in termini di tempo.

E se ci tieni a bere le tue bevande ben fresche, non può sicuramente mancarti la Borsa frigo da 30 Litri, la comodità di questa borsa è proprio il fatto che ce ne sono uguali sia da 15 litri che da 40, personalmente opto per queste pieghevoli nelle mie vacanze, per comodità di trasporto a piedi, 30 Litri è la misura esatta se intendi mettere dentro 1-2 bottiglie da un litro, io solitamente le congelo prima di metterle dentro, così che mi fanno anche da ghiaccera e rimangono più a lungo fredde, ma se ti trovi ad esempio in un campeggio dove solitamente ti fanno mettere le ghiacciere in freezer, o hai la possibilità di mettere delle ghiacciere in freezer, tanto vale che ne compri qualcuna come queste stesse Gina 2 ghiacciere, considera che queste hanno uno spessore di 3.5 cm, quindi stanno più a lungo congelate.

Altro accessorio, a mio avviso eccellente, se ti piace visitare i fondali marini, e dipende dove ti trovi, non potrai lasciarti sfuggire questa splendida occasione, ti consiglio la maschera Cressi Pluma Bag, questa maschera è tra le più alte come concentrazione di silicone gommato, quindi aderisce sempre abbastanza bene, in più è già completa di tubo, e se ti può interessare è anche completa di pinne. Sinceramente, io abito in Sicilia, quindi so cosa significhi andare al mare ben attrezzato, per questo motivo non ti ho consigliato la classica maschera da snorkeling, quella grande stile Decathlon, che di buono ha che si appanna meno grazie alla grande quantità di aria al suo interno (maggiore aria all’interno significa meno appannaggio), e ha una visuale di 180° quasi, ma per il resto, se vorrai provare a visionare una tana più da vicino, e capita, stai tranquillo che non riuscirai a scendere neppure di 50 cm sott’acqua, proprio a causa della grande quantità d’aria che ti spingerà a galla, esperienza personale.

Per ultimo, per i più sfiziosi, ma di meraviglioso utilizzo, vi consiglio la Canoa gonfiabile Intex, tra l’altro al momento è in offerta a 115 euro invece di 155 euro su Amazon, ma non so per quanto tempo possa rimanere in offerta del 26% in meno, quindi, se vuoi acquistarla pensaci adesso che risparmieresti 40 euro. Questa canoa è lunga 312 cm e larga 91, la parte interna è larga 48 cm, il suo peso è di quasi 14 kg, e richiusa occupa uno spazio di 68.5×45.7×28. Può trasportare fino a 180 kg, ma sicuramente trattandosi di un gonfiabile, potrà tranquillamente portare qualche kg in più. Al suo interno ci sono anche gli schienali gonfiabili, che si possono anche togliere, le maniglie esterne ne favoriscono il trasporto. Inoltre ha due camere d’aria, per cui sarà difficilissimo bucarlo totalmente, e queste due favoriscono anche il rapido gonfiamento e sconfinamento. La canoa è già completa di pompa di gonfiaggio e 2 pagaie.

Ferroli e il ritorno al made in Italy

La Ferroli negli ultimi anni sta facendo parlare di sé, sta lentamente entrando nelle case di tutti gli italiani, che sia per uno scaldabagno, che sia per una caldaia, per condizionatori, insomma, una garanzia made in Italy, per ritornare un po alla qualità, visto che di elettrodomestici scarsi abbiamo invaso anche le discariche.

Adesso è giunto il momento di fare guadagnare le nostre fabbriche, lo stop alle esportazioni è chiaro che sta avvenendo in tutto il mondo, e questo è un bene per far ripartire la nostra economia.

Se sto pubblicando questo articolo è proprio per darti il mio consiglio su elettrodomestici Ferroli da me provati nella foto qui sotto per esempio come puoi ben vedere c’è proprio la caldaia installata da 3 mesi a casa mia, tra l’altro si risparmia una buona somma se mi segui.

Ho sostituito la vecchia caldaia in quanto accendeva e si spegneva continuamente già da un mese, probabilmente occorreva sostituire la scheda per la seconda volta, ma se trovi un tecnico affidabile, capirai presto che una caldaia dopo 20 anni di uso la puoi soltanto dismettere.

E così ho ordinato su Amazon (imformandomi prima tra varie marche e modelli), una Caldaia Ferroli divacondens 24 Kw con kit Fumi, e come puoi ben vedere ho messo sotto anche i due filtri per depurare l’acqua di entrata alla caldaia, che ti consiglio di utilizzare, sia se hai acqua di pozzo, sia che hai le cisterne o che arrivi diretta, almeno che non ti vuoi ritrovare con la caldaia intasata dopo pochi anni. Il prezzo è stato di 628 euro, e chiamando un tecnico mio di fiducia, con 828 euro in totale ho avuto la caldaia installata, contro i 1000, 1100 che tutti chiedevano minimo. Successivamente, dovrai chiamare un tecnico Ferroli che con la fattura e la caldaia già installata, ti avvia la procedura per iniziare la garanzia, che puoi decidere tu per quanto tempo averla, con eventuale costo in più se la vuoi oltre i due anni.

Sinceramente fino ad oggi mi sono trovato perfettamente bene, per me è anche la migliore per qualità prezzo, inoltre risparmierai sulle bollette di acqua e luce essendo che è realmente a risparmio energetico. Fammi sapere cosa ne pensi e come ti sei trovato, e cerchiamo di far tornare a vivere il made in Italy.

Questi occhiali stanno facendo il boom

Quest’estate le ragazze soprattutto stanno prendendo il sopravvento puntando all’acquisto di questi occhiali da sole, si può dire stile vintage, ma dai colori vivaci ed estivi, un perfetto stile Hawaiano insomma.

Il loro prezzo si aggira sui 53 euro su Amazon, se ti può interessare il link qui sotto trovi il link che ti porta direttamente su Amazon.

Occhiali da sole Hawaiani

Ecco perché conviene acquistare un termometro digitale

Questo virus sta cambiando un po le abitudini di tutto il mondo, prima ci siamo ritrovati a non trovare mascherine, se non a prezzi esorbitanti, mentre adesso probabilmente conviene acquistare proprio il Termometro Digitale a Infrarossi, e il motivo è semplice.

Come hai sentito a Ostia per esempio, è stato trovato un cittadino straniero a lavoro in un lido balneare, che aveva febbre da diversi giorni, ma andava ugualmente a lavorare, purtroppo, ancora non è chiaro se avere l’influenza sia sinonimo di avere il Coronavirus o se si può avere anche una normale influenza, perché sembra quasi che avere appunto l’influenza significhi avere il virus, secondo noi non è così (ma non siamo ne medici, ne virologi), ma un dato è certo, a causa di questo dipendente beccato a lavoro con influenza, hanno chiuso due lidi balneari.

Sarebbe bastato per il proprietario avere un Termometro Digitale a Infrarossi da 30 euro, per evitare tutto ciò. Come avete sentito nei tg già danno notizie che diverse regioni sono giunte a livello di chiusura, il mio consiglio, per chi può farlo, è di acquistare uno di questi termometri, sia perché puoi risparmiarti la chiusura del locale, e sia perché con ovvia probabilità, questo accessorio potrebbe anche diventare obbligatorio come l’uso delle mascherine. Te ne elenco qualcuno qui sotto, sono tutti scelti da Amazon, in base al prezzo e alle recensioni.

Termometro Digitale a Infrarossi Cloc, in offerta a 30.99 euro invece di 99.90 se lo compri adesso, con 4 stelle su 5, e spedizione gratuita. Il prodotto è anche a marchio CE, e larte da 32° e arriva a 42.09°, per funzionare ha bisogno di temperatura atmosferica tra i 10 e i 40°. Inoltre riesce a misurare le temperature ad una distanza tra 5 e 15 cm.

Termometro Digitale a Infrarossi Flowerdas, questo è tra i più venduti su Amazon, con 4 stelle e oltre 2.000 recensioni, a soli 5.90 euro in offerta invece di 13.90, riesce a misurare tra i 32° e i 43° da una distanza di 3/5 cm, la sua comod è che il display si illumina anche di verde, giallo o rosso in base alle varie temperature.

Termometro Digitale a Infrarossi Etekcity, questo termometro a mio avviso, rapportato con tutti gli altri, è il migliore per qualità/prezzo. Al prezzo di 29.90 euro, e con 4.5 stelle su Amazon, e con oltre 3.200 recensioni, è il termometro digitale più venduto su Amazon. Riesce a dare la temperatura esatta di oggetti che possono essere tra i -50° e i +550°, in sostanza con questo termometro con avrete vincoli, misura tutto ciò che puntate.

Se vuoi iniziare a fare trading, ti consiglio di leggere prima questo libro

Ciao, anche tu vorresti iniziare ad investire nel trading? Per essere arrivato qui penso proprio di sì

Capisco perfettamente chr purtroppo al giorno d’oggi, appena cerchi una parola su Google, come la parola trading per esempio, iniziano a tempestarti di pubblicità al riguardo, facendoti quasi perfwre la pazienza ad un certo punto, ma è giusto che tu sappia, che la terza persona più ricca del mondo si chiama Warren Buffett, e la sua fortuna la fa lavorando (non giocando), con il trading. Spesso si sente dire infatti la parola “giocare in borsa”, ben se vuoi prenderla come un gioco, è meglio che ti prepari a perdere il tuo capitale. Non innaginare che fare trading significhi diventare certamente ricchi, lo puoi diventare se studi.

Per questo motivo vorrei darti oggi un consiglio in particolare, anche perché, se sei alle prime armi non saprai neppure quale broker cercare per iniziare. Ma a cosa può servire cercare un broker adatto a te se non sai poi come si investe?

Come ben avrai notato, in questo sito non ci dilunghiamo molto in chiacchiere, ma andiamo dritti al sodo, per questo motivo il mio consiglio è quello di iniziare a leggere prima di tutto un libro come questo “I 7 segreti per investire come Warren Buffett“. Io l’ho appena finito di leggere, per cui se te lo consiglio è proprio perché ne vale la pena. Con appena 19 euro, hai la possibilità di imparare le basi del trading, senza parole complicate, anzi un libro abbastanza semplice, secondo me da tenere sempre sulla propria scrivania quando inizierete a Tradate. Del resto Warren Buffett ti spiega che investire in borsa non significa prendere 1 milione di dollari e investirli sulla prima società che trovi o che simpatizzi, ma ti spiega passo passo cosa cercare in una società ideale per affidare i propri investimenti, del resto non penso che ti possa piacere investire in una società che sta per fallire.

Quindi inizia a studiare esattamente da questo libro, che a mio parere è la migliore partenza per iniziare, e successivamente sarai in grado di studiare le società sul quale investire.

Se ti fa piacere segui il nostro sito, a breve avrai un’ulteriore consiglio su un’ottima piattaforma dal quale puoi iniziare ad investire. Non te la svelo adesso perché devi prima studiare il libro, non sono qui per farti perdere soldi in borsa, al contrario di molti.

Aggiornamento da Palermo, nessuno interviene

Ho allegato il link sopra che vi consiglio di vedere, affinché tutta l’Italia possa vedere con i propri occhi cosa succede a Palermo mentre il sindaco continua a dare colpe al Tar e altri enti meno che a se stesso e alla sua Amap.

Come fa giustamente notare un residente, alle ore 13.30 di oggi, dopo oltre 12 ore, passata tutta la notte, non si vede oggi nessuno a cercar di togliere detriti, auto, fango, dal viale Regione Siciliana, ricordiamo che questa è la strada che porta all’aeroporto, lo strada che collega Messina con Trapani, insomma la strada in mezzo sull’autostrada, che è totalmente lasciata al caso. Guardate con i vostri occhi, è una vera vergogna.

Durante la notte ci sono stati i vigili del fuoco fino a questa mattina, a defluire l’acqua dai due sottopassi, e giustamente una volta finita l’acqua, il loro lavoro è terminato, e adesso?

Adesso tutti i proprietari di auto impantanate stanno chiamando carri attrezzi e gru a spese proprie per far togliere le proprie auto, il comune non ha messo mano in tasca nemmeno di fronte un fatto di questa gravità, dove ci sono stati anche due morti. Una vergogna, questa politica corrotta, che pensa solo al fatto proprio dovrebbe andare via, dimettersi spontaneamente.

Il traffico è letteralmente paralizzato, i lavoratori non possono raggiungere le proprie attività, non si possono effettuare consegne, tutto perché le autorità competenti si stanno passando la palla di mano in mano.

Amap di Palermo 2.1 * con 300 recensioni, come mai?

Il risveglio di viale Regione Siciliana

Chi è l’amap di Palermo?

Azienda Municipalizzata Acquedotto di Palermo, questo è intanto il suo significato, e cioè la diretta interessata di ogni problema idrico a Palermo, sia della distribuzione sia dello scarico. Ma come mai quest’azienda arriva a 2.1 stelle e nessuno si occupa di farla funzionare? Cosa lamentano i 300 recensori? Ha colpe l’amap per quanto avvenuto ieri a Palermo?

Le recensioni di Amap

Intanto è una società a conduzione pubblica, con fondi interamente pubblici, quindi o non viene finanziata abbastanza, o i pochi finanziamenti a lei destinati spariscono (molto probabile), ha il compito di vigilare su 35 comuni del Palermitano (ci auguriamo che non vigili per tutti i comuni come lo ha fatto ieri per Palermo), con 1.2 milioni di clienti.

AMAP S.p.A. opera nei seguenti settori di attività:

  • Captazione ed adduzione delle risorse idriche dalle varie fonti (invasi, sorgenti, pozzi, derivazioni fluviali);
  • Potabilizzazione e distribuzione delle acque per usi civili;
  • Fognatura e smaltimento delle acque;
  • Depurazione acque reflue;
  • Affinamento reflui per il riuso (in fase di realizzazione).

Come possiamo ben vedere le fognature sono esclusivamente di loro competenza, compreso lo smaltimento delle acque. Ma ieri non si è visto il minimo operaio di Amap a Palermo, non piovendo da tanti mesi, è normale che le fognature, già scarse per le quantità di acqua che arrivano negli ultimi anni, devono essere ripulite con maggiore frequenza, e anche se ieri non c’era nessuna emergenza anticipata, il temporale era comunque previsto, anzi è anche arrivato all’orario esatto di diverse previsioni meteo, e cioè alle 15. Nonostante le catoie non siano state pulite, l’amap non ha inviato nessun operatore in soccorso, perché ricordiamo che sono loro a sapere dove si trovano esattamente i tombini, e sono loro ad avere gli attrezzi adatti, pompe sommerse ecc, ma probabilmente, tutta la società ieri doveva essere chiusa per la festa di Santa Rosalia.

Per lo stesso motivo, a Palermo sono morti i genitori di due bimbi piccoli, e i bimbi sono andati in ipotermia, l’acqua ha letteralmente sepolto le auto fino al tetto nei punti più alti, ma quel che è peggio, è che tutto ciò è avvenuto in due sottopassaggi della strada veloce di Palermo, che puntualmente si allagano da 50 anni, dove i residenti ogni anno si ritrovano con le auto piene di acqua fognaria, con muffa nei sedili, insomma, un punto dove non conviene assolutamente comprare casa, e dispiace per chi invece ce l’ha di proprietà proprio lì, a causa di un’incompetente società, paga il prezzo migliaia di cittadini onesti, che nonostante i disagi, continuano a sovvenzionarla con le loro bollette di acqua, ma mai un centesimo è stato dato loro da Amap per ripulire i propri garage, le proprie auto, ecc.

Scrivi qui la tua recensione per Amap

Noi chiediamo immediatamente l’intervento della magistratura contro questa società incompetente, finanziata dai cittadini, che pensa soltanto a prendere ma non a dare, se possibile adesso vota anche tu il servizio Amap di Palermo.

Facciamo girare tutti questo articolo affinché chi di competenza faccia il proprio dovere.

Orlando te ne devi andare, Palermo non ti vuole più

Guarda il video qui sotto

Dure parole arrivano da tutta la città, e sembra veramente il minimo, a Palermo abbiamo una sola strata veloce (con limite di 70 kmh), che dalla sua nascita, oltre 40 anni, vede una situazione di allagamento ad ogni temporale, ma questa volta siamo andati molto oltre il prevedibile, un’alluvione intenso si, ma durato 3 ore non con la stessa persistenza, seppur a più riprese, ma ha mandato veramente una città ko.

Ma gli operatori Amap può essere mai che siano tutti in ferie per il festino? Con un temporale di questo genere previsto da 2 giorni, proprio loro se ne sono “fottuti”, e infatti proprio l’Amap avrà sulla coscienza la vita di due persone, rimaste sepolte sotto un lago di acqua piovana del quale non sanno prendere un minimo di provvedimento, del resto è solo perché è una strada pubblica, perché se ciò avvenisse in una strada privata il problema sarebbe stato risolto dopo le prime emergenze, cioè almeno 35 anni fa.

Ma la colpa non può che cade sul sindaco di Palermo per tantissimi motivi, lui ha creato la reset, che assolutamente non funziona ed è inattaccabile, la rap, che da quando esiste, è quasi meglio se non ci fosse, non spende un centesimo per questa città, se non per mettere quattro vasi di plastica nelle zone pedonali, cerca di mettere ztl anche periferia quasi, insomma, un sindaco che non esiste, che chissà quanti soldi avrà incassato senza svolgere i dovuti lavori in questa città.

Temporale a Palermo e la fognatura va in tilt

Ospedale Buccheri la Ferla allagato

A Palermo il temporale di questo pomeriggio che sembra essere appena finito, ha creato forti danni alla città innumerevoli sono stati gli allagamenti in diversi punti, ma quel che è peggio, è che i lavori del rifacimento della rete fognaria sono stati avviati circa 5 anni fa nella zona est della città, ma questi lavori interminabili non sono stati mai stati finiti, anzi questi sono stati lasciati in asso dopo aver paralizzato la città per lungo tempo lasciando infossato un tubo in ghisa ad una profondità di circa 5 metri, che partendo dalla zona di Cuaculli sarebbe dovuto arrivare fino alla Cala, qui in teoria dovrebbe convogliare l’acqua di tutta la città per essere depurata prima di finire in mare, ma anche qui i lavori iniziati circa 15 anni fa non sono mai stati finiti.

Nell’immagine qui sotto potrete vedere i tubi depositati sulla strada nella zona di Romagnolo, dalla ditta che sembra stia ricominciando i lavori, riusciranno a finire questa volta?

Come potete vedere nella fotografia a inizio pagina, anche l’ospedale Buccheri la Ferla di Palermo è letteralmente allagato, come ogni anno come ogni temporale questo ospedale si allaga facendo correre ambulanze in mezzo alle strade allagate, vigili del fuoco, amap, vigili urbani a controllare i tombini scoperchiati, e nonostante i lavori siano iniziati, questi non sono stati ancora portati al termine nonostante gli anni. Alla foce del fiume Oreto risiedono ancora tante centinaia di metri di dubbi pronte per essere installate ma queste risiedono ancora lì.

La rabbia dei negozianti è tantissima, si allagano magazzini, cantine, negozi, il tutto come se non importasse a nessuno, nessuno si ribella, nessuno dice nulla. Questa non è la Palermo che vogliamo, il nostro sindaco adesso deve andare subito al suo lavoro e smetterla di pensare soltanto agli immigrati, smetterla di pensare soltanto alla movida del sabato sera nel centro storico, perché i problemi di questa città vanno oltre la movida. Anzi la movida proprio non crea veramente nessun disagio, anzi fanno muovere un’economia che a stento cerca di ripartire, e anzi il nostro Caro Sindaco la limita enormemente tramite decreti, che impongono ai commercianti soltanto di non lavorare e nient’altro, limitando gli accessi alle attività, e ci può stare a causa del coronavirus, ma se davvero vogliono limitare il coronavirus perché continuano a far venire turisti se quest’anno non è l’anno giusto?

Io scrivo questo articolo dalla zona est della città, ma sono certo che questo temporale abbia provocato ulteriori danni nel resto della città come ogni anno non dimentichiamo la zona di Partanna, di Mondello, che vengono letteralmente sommerse dalle acque e dopo tanti anni, i cittadini locali hanno fatto innumerevoli denunce, scioperi, manifestazioni, ma non è mai cambiato nulla. In questa città nessuno si assume le proprie responsabilità, ed è giunto il momento dei governatori maturi responsabili, che o battono un colpo o presto dovrebbero interrompere i propri mandati, se veramente fossero governanti onesti, evidentemente non lo sono. Basti pensare che lasciano un’ospedale in queste condizioni da 50 anni.

Fila di camion bloccati in via Messina Marine

Sei alla ricerca di un buono smartphone ed economico? Guarda qui sotto

Ciao, purtroppo la vita degli smartphone non dura tantissimi anni, bè consideriamo anche l’uso che ne facciamo tutto il giorno. Oggi ti voglio proporre il Xiaomi Redmi note 8 space 4gb/64Gb Dual Sim, bè credo che già avrai intuito di che potenziale parliamo, se non sei molto pratico ti do subito le giuste informazioni.

Anzitutto il collegamento di cui sopra, ti porta direttamente all’affidabilissimo Amazon, acquistando il telefono online ricevi automaticamente la fattura con i 2 anni di garanzia all’interno dello scatolo, inoltre questo telefono è al momento in offerta, e vista la crisi al quale stiamo andando incontro, ti consiglio di spendere meno, 150 euro in questo caso e avere un prodotto veramente di alta qualità. Passiamo adesso ai dati tecnici.

  • Sistema operativo Android 9
  • Fotocamera anteriore 2 mpx
  • Fotocamere posteriori 3 di cui 48 mpx, 8 mpx e la terza 2 mpx
  • Memoria 64 Gb, puoi caricare un’infinità di foto
  • Memoria RAM 4gb, lo smartphone sarà sempre fluido
  • Cover compresa
  • Processore Qualcomm Snapdragon 665 8 core (2x2GHz e 2×1.8GHz)

Su Amazon questo telefono ha ricevuto 4.6 stelle su 5, 4.7 per qualità/prezzo, 4.6 per la qualità dello schermo, 4.6 per la batteria, 4.6 per le fotocamere, penso che fin qui non dovresti avere nessun minimo dubbio. I colori disponibili sono nero, blu e bianco, disponibile da 32/64/128 Gb.

Adesso non ti resta che aprire il link di sopra, e vedrai tutte le altre informazioni sulla piattaforma Amazon. Noi come sempre offriamo solo il top nei nostri articoli.

Ecco un oggetto di grande successo, compagno ideale di tutti i giorni

Ciao ti piacerebbe avere un’aiutino in più durante le tue giornate? Penso di si, ormai siamo milioni di persone che ogni giorno stiamo con il cellulare in mano, che sia per vedere news, che sia per vedere il meteo, che sia per effettuare chiamate, per salvare i vostri appuntamenti nel calendario, ma forse non sai che c’è un piccolo oggetto che fa tutto questo per voi, tanto da esserne stati venduti milioni in tutto il mondo fino ad oggi.

Si tratta del nuovo Echo dot 3° generazione, figurati che su Amazon ha 4.7 stelle, del resto in questo sito ti diamo soltanto i migliori consigli quotidiani. Per chi lo ha già acquistato sa bene di cosa si tratta, per chi non lo conoscesse ancora, bè seguite l’articolo.

La miglior definizione è proprio sistema altoparlante intelligente, con integrato il sistema Alexa, una sorta di assistente vocale come quello esistente negli smartphone di ultima generazione, come Siri nell’Iphone per esempio, soltanto che ha circa 90% in più di opzioni.

Con Echo dot di 3° generazione puoi:

  • Effettuare chiamate semplicemente dicendo appunto ciò che vuoi fare a voce
  • Accendere e spegnere le luci di casa, aria condizionata, e altri elettrodomestici che supportino questo sistema (quasi tutti gli elettrodomestici di ultima generazione)
  • Ascoltare musica
  • Ascoltare i tuoi programmi giornalieri, o salvare i tuoi impegni nel promemoria, che lui stesso vi avviserà anticipatamente quando sarà giunto il momento
  • Impostare la tua sveglia
  • Ascoltare il meteo giornaliero
  • Ascoltare le news del giorno

Insomma, l’elenco potrebbe ancora continuare a lungo.

Per funzionare ha bisogno soltanto che questo sia collegato alla rete elettrica di casa, ma attenzione, perché vendono anche dei cover con batteria integrata proprio per questo altoparlante, una volta collegato prenderà automaticamente la connessione Wi-Fi o il vostro bluetooth. La sua maneggevolezza è più che ottima, anche se comunque non lo terrete mai in mano, inoltre esternamente è ricoperto da tessuto in antracite.

Insomma, un’oggetto tuttofare di quelli che tutti vorremmo avere al nostro fianco, forse non tutti sono d’accordo, ma ti assicuro, una volta acquistato lo porterai sempre con te anche a lavoro. Fammi sapere cosa ne pensi.

Guarda la migliore soluzione per avere sempre memoria libera nel telefono

Ciao, anche tu come me ti ritrovi spesso a dover cancellare foto o app dal telefono perché ti ritrovi sempre a corto di memoria? Bene, forse hai dimenticato che esiste una soluzione semplicissima che ti permetterà di avere sempre memoria disponibile.

Non esiste un trucco come molti vogliono farti credere, la soluzione è semplicissima e ti costa appena 21 euro e ti durerà tutta la vita. Stiamo parlando della Nuova Micro Sd da 128 Gb, che aspetti?

Le vacanze estive sono alle porte, vorrai ritrovarti a dover cancellare ogni giorno foto per mancanza di spazio? Spero di no. Del resto dovrai soltanto inserirla nel tuo smartphone (o nella tua reflex) per avere una capacità di memoria pari a migliaia di fotografie, inoltre con il link che ti ho allegato sopra, che ti porta direttamente al garantito universo Amazon, ti ho consigliato la migliore micro sd per qualità/prezzo, non si tratta di una qualsiasi micro sd infatti, a parte che da 29 euro se l’acquisti adesso ti costa soltanto 21 euro, possiede una velocità di scrittura da 30 Mb/s e una velocità di lettura di 100 Mb/s, per intenderci puoi salvare anche video in Full Hd direttamente mentre riprendi, insomma una vera manna dal cielo. Inoltre ha la possibilità di acquistare questo modello anche a 16 Gb, che personalmente ti sconsiglio seppur 16 gb di memoria sono già parecchi, io uso questa sd nella mia reflex d5600, e ti assicuro che con 128 Gb di memoria ti dimentichi quando questa sia piena, considera che con la reflex salvo foto da 6 mb in su, con gli smartphone si arriva raramente a 1-2 mb.

Fammi sapere qui sotto se ti sei trovato bene anche tu.

Mondello senza cabbine, meglio o peggio?

Mondello senza cabbine

Il grande dilemma per molti adesso è, la spiaggia di Mondello è meglio senza o con le cabbine?

Indubbiamente entrambe le risposte hanno i loro pro e i loro contro.

Sinceramente io do la mia risposta dopo aver avuto la cabbina per quasi 30 anni, ma da amante di paesaggi naturali e ovviamente della natura.

Da amante della natura, non posso che dire cbe sinceramente la mancanza di cabina offre una visuale paesaggistica che da almeno 30 anni (quanti ne ho io) mai ho visto, e cioè spettacolare, cenare alle 20 in spiaggia potendo ammirare i due monti che racchiudono il Golfo di Mondello è veramente un sogno, al posto di vedere capanne di legno solo per pochi e a prezzi veramente esorbitanti (quasi 2 mila euro per 3 mesi ormai).

Da possessore di capanna in una delle spiaggie più rinomate e più filmate per i vari repert tg d’Italia, non posso che dire che la spazzatura che ho visto in questi primi mesi di estate in spiaggia, non l’ho mai vista in vita mia, ovviamente la colpa non è solo dei bagnanti, anche se sono loro che la creano, ma sono del parere che comunque i cittadini hanno bisogno di gettare la spazzatura, e purtroppo capita la persona al quale cade il bicchiere ma non lo raccoglie, purtroppo capita il gruppetto di amici che vorrebbe lasciare il proprio sacco di spazzatura in un apposito contenitore, che non si trova. Per cui non do la colpa soltanto ai cittadini che alimentano contenitori fantasma, ma do la colpa a chi in oltre 2 km di spiaggia rilascia contenitori per l’Amia soltanto nelle spiaggie private.

Adesso a gran voce dovremmo far capire al caro sindaco di Palermo, che sembra occuparsi soltanto del centro storico di Palermo, che non esiste solo quello, anzi che l’emergenza rifiuti a Palermo è gestita veramente nel peggiore dei modi.

E qui. non vado a favore della privatizzazione italo-belga, ne della pubblica amministrazione, ma trovo sicuramente fuori luogo che i pochi turisti che convergono nella zona di Mondello quest’anno, debbano trovare una situazione come nella foto sotto (risalente a sabato 11 luglio 2020).

Un ammasso di sacco di rifiuti depositati nelle ex docce della società italo-belga di Mondello. Per giunta come se non bastasse, i bagni della ex società sono chiusi al pubblico, le docce altrett e l’impaccabile servizio di pulizia cinquantennale lasciato allo sbaraglio.

Automaticamente cresce il disaccordo tra ex affittuari di capanne che non hanno mai visto così tanta spazzatura nella spiaggia dove siamo cresciuti, e i non affittuari.

Io mi schero comunque a favore della natura, ma una cosa è certa, meglio i luoghi pubblici (ma bisogna accudirli) e inoltre, Mondello è veramente ringiovanita, una gioventù che la spiaggia non vedeva ormai da oltre un decennio.

Palermo è la nostra città, e dobbiamo difenderla, insieme, quest’anno siamo stati la 9° isola più bella del mondo, dobbiamo vantarci, portate via la vostra spazzatura dalla spiaggia di Mondello.

Facci sapere se sei favorevole o contrario alle cabbine qui sotto

Mantenere l’auto fresca durante l’estate

Quanti di noi non riescono a sopportare durante l’estate di entrare nella propria auto e trovare una temperatura veramente insopportabile?

Io vivo in Sicilia, e vi assicuro che qui il sole in estate batte molto forte, e quando non si riesce a trovare un parcheggio per la propria auto all’ombra iniziavo a preoccuparmi ancora prima di parcheggiare, fortunatamente ho trovato due ottime soluzioni che sinceramente mi fanno rimanere la macchina più di 10° più freaca di prima

Il primo consiglio è di acquistare un comodissimo parasole come questo Parasole Amazon 150×70 cm, ce ne sono diverse misure, (ricorda che puoi ricorrere anche al classico parasole) e questo è veramente il top (altrimenti non te lo avrei consigliato). Prima di acquistarlo non pensavo a questa soluzione, che in effetti è la più semplice e la più efficace, sicuramente è sempre meglio evitare di parcheggiare al sole, ma qualora non troveresti posto, almeno hai un parasole più che valido.

Il secondo consiglio che voglio darti, come ho fatto anche io prima del parasole, anche se per questo bisogna avere un po di pazienza se si vuole fare da se (e sappi che qualcuno lo fa come lavoro extra, per arrotondare), è mettere la Pellicola oscurare per vetri, questa è un po difficile da installare se è la prima volta che la metti, ma una volta imparato è un gioco da ragazzi, per questa eventualmente ti consiglio di seguire qualche tutorial su Youtube, come questo Tutorial installazione pellicola auto.

Sicuramente il parasole è scelta più semplice, la pellicola ti consiglio casomai di metterla oscurante al 30% non meno, e ricorda che i vetri anteriori però non si possono oscurare se non al 5% (almeno in Italia), quindi se devi oscurare al 5% inutile fare bile inutile perché non respingerebbe nessuna caloria.

Se credi che il mio articolo sia di tuo gradimento lascia un like seguimi e condividi, alla prossima.

Covid-19, l’Oms dichiara di attendere il picco

Mentre in Italia è in diversi luoghi del mondo il peggio sembra già passato, mentre in Italia si fa la conta su chi ha manipolato i dati sui contagi e sui decessi, portando in quasi tutte le regioni processi con evidenti rigonfiamenti sui dati, in altri paesi del mondo si fa ancora la conta sui nuovi casi in costante aumento.

Mentre la parola focolai sembra ormai una routine nella bocca dei media, tanto da non capire più se questi dicano verità o bugie in merito, oggi spunta però una brutta novità dall’oms, anzi direi quasi due.

La prima notizia è che l’oms sembra stia prevedendo troppo il futuro riguardo il covid-19, mesi prima della pandemia aveva già dichiarato lo stato di emergenza sanitaria mondiale, mentre i contagiati erano appena una decina solo in Cina, da lì fu dichiarata l’emergenza fino al 31 giugno (6 mesi), arrivati a giugno questa fu prolungata fino a dicembre (altri 6 mesi), oggi l’oms dichiara che il peggio deve però ancora arrivare, una notizia che torna a far tremare nuovamente il pianeta, anche perché fin’ora con 11 milioni di contagiati e oltre 500 mila decessi si sperava che il picco fosse già raggiunto, ma evidentemente la proroga fino a dicembre l’oms la sapeva già, e sappiamo bene che i suoi avvisi non sono molto vaghi.

La seconda notizia che fa preoccupare è il fatto che nel silenzio dei media, anche per questa notizia, gli Stati Uniti guidati dal presidente Trump, oggi hanno deciso di non sovvenzionare più l’oms e uscirne fuori, ovviamente qualsiasi paese può decidere di tirarsi fuori, ma è strano che lo faccia un paese come gli Stati Uniti (fa pensare molto questa decisione). Tra le possibili cause, il fatto che tante volte Trump ha attaccato l’organizzazione per scarso preavviso, inoltre l’America del Nord è il primo più grande sovvenzionatore dell’organizzazione mondiale della sanità, ma sta pagando il prezzo più alto, come se questa non fosse mai esistita o non avesse fatto abbastanza per limitare la catastrofe umanitaria ed economica, di sicuro sono scelte che rimarranno nella storia.

A partire dall’8 luglio 2021 gli Stati Uniti saranno ufficialmente fuori, seguiranno altri paesi mondiali? Probabilmente.

La casa automobilistica che sta crescendo più di tutte

Come tutti sappiamo le case automobilistiche quest’anno hanno subito un duro colpo, le vendite sono totalmente crollate, non si sa ancora se prenderanno il sopravvento quelle elettriche come ata avvenendo per mountain bike, ma un dato è certo, anche se in tanti non ci hanno mai creduto, ed ecco che Tesla sta lasciando tutto il mondo a bocca aperta, vediamo perché.

Anzitutto sta passando da un fatturato da 24,58 miliardi di dollari nel 2019 a un’obiettivo da 100 miliardi tra il 2020 e il 2025, ovviamente incrementando anche la catena logistica, che nel 2018 contava 45.000 dipendenti, in borsa è passata da 470 dollari ad azione a gennaio a 1.300 dollari fino a oggi. Ha già lanciato un grosso progetto da effettuare in Germania per i test prima della vendita finale, sta anche modificando la disposizione di tutti i suoi impianti di produzione per poter favorire la maggiore produzione.

Insomma per chi vuole credere in questa realtà, e vuole anche investirci dei soldi, oggi potrebbe essere sicuramente in momento migliore, indubbiamente oggi è la prima casa automobilistica al mondo. Se vuoi conoscere meglio la storia della casa automobilistica ti consiglio di leggere questo Articolo.

Ecco perché sono falsi i decreti rilancio in Italia

Da oltre 5 mesi l’attuale governo italiano, ha letteralmente invertito la fiducia ottenuta durante questi anni, è bastato poco, anche se poco non è la pandemia che c’è stata, se sia stata reale o meno, i governi devono comunque reagire di conseguenza.

Negli ultimi 5 mesi, il governo italiano per ripartire ha deciso di offrire tanti buoni spesa (si hai sentito bene, ti farebbero uno sconto se spendi i soldi che non hai guadagnato), l’Inghilterra e la Germania al contrario, ancora oggi paga l’affitto di casa ai propri cittadini che non possono lavorare a causa del lockdown imposto, la Germania tra l’altro sta diminuendo l’Iva dal 19 al 7% (un vero sconto) immaginate quanti cittadini tedeschi approfitteranno per acquistare qualcosa vista la percentuale di Iva in meno.

Mentre ecco in Italia cosa viene proposto (ma realmente non è stato ancora lanciato nulla).

  • Bonus Bicicletta, un buono fino a 600 euro se acquisti una bicicletta, proposto a marzo, in atto da maggio, ma di fatto nessuno sa come richiederlo, visto che l’app dove si dovrebbe richiedere non esiste.
  • Bonus vacanza, per rilanciare il turismo, si scarica un barcone, che presentandolo in qualche centinaio di Hotel in tutta Italia, ti permette di avere uno sconto sul pernottamento, l’hotel ovviamente non vedrà mai quei soldi nelle proprie tasche, ma saranno soltanto destinati alle tasse. Vi lascio immaginare quanti hotel accetteranno questo sconto.
  • Bonus lavori in casa, trattasi di un buono del 110%, significa che su 10 mila euro di lavori ve me rimborserebbero 11 mila, immaginate possa mai essere possibile? In ogni caso ancora non si può richiedere.

L’elenco potrebbe continuare ma credo non avrebbe alcun senso, visto che si parla sempre di bonus, ma perché non diminuiscono direttamente le tasse se realmente vogliono aiutare gli italiani? Evidentemente non vogliono dare alcun incentivo.

Coronavirus = Terrorismo Psicologico

Ormai in molti siamo abituati al terrorismo psicologico continuo non appena ci sia una qualche notizia che possa incutere paura, e il problema maggiore è che quando l’uomo ha paura lo si può manipolare con una facilità estrema. Com’è possibile che secondo l’oms il periodo influenzale va da metà ottobre a metà aprile e oggi secondo i media sembra quasi che stia scoppiando ora più di prima questo virus? Cosa c’è sotto? Perché incutere tutta questa paura alla povera gente?

Si sentono ormai notizie più false che reali, immigrati che arrivavano senza virus fino a 2 settimane fa, adesso sembra che prendano tutti il virus, che tra l’altro non dicono in Libia ci sono focolai, o la situazione libica con questo virus, anzi, sembra quasi che prendano il virus sulle navi, possibile mai che tutt’assieme tutti gli immigrati prendono il virus? Riflettete prima di commentare sui vari social.

La scorsa settimana in un matrimonio si sono infettate 100 persone tra i presenti, e lo sposo è pure morto, ma possibile mai che nessuno di loro abbia sviluppato anticorpi? Impossibile.

Oggi in Sicilia per esempio si può riprendere con i mezzi pubblici a pieno regime, riempiendo tutti i posti a sedere e non, qualcuno giustamente crede che questo possa far tornare il virus, ma in realtà, chi può contagiare se non ci sono più infetti?

E la voce ai medici? Chi l’ha tolta? Perché non vengono più intervistati? Possibile mai che in America ogni giorno si conti ancora il giorno di massimo contagio?

Avanti basta prenderci in giro, che mentre i mezzi pubblici tornano a pieno regime, mentre il campionato di serie A riparte, mentre l’Europa apre le frontiere al mondo, c’è gente come il settore degli spettacoli, che ancora non ha avuto il via libera per tornare a lavorare.

Il virus per manipolare l’economia, Covid 19-20

Con questo titolo sembra si sia già detto tutto, o quasi tutto.

Partendo dal 19-20, che il covid abbia fatto la sua comparsa nel 2019 lo dice il nome stesso, che stia continuando e che lo faranno continuare, è anche un dato certo, per questo motivo potremmo adesso chiamarlo covid 20, visto che il 19 lo abbiamo lasciato nello scorso anno.

Eppure ad oggi i conti non tornano, ci sono troppi fattori che portano a farci pensare che il covid sia voluto da chi governa il mondo, per lo stesso motivo per qualche anno non conviene debellarlo dalle menti di molti cittadini.

Vediamo esattamente quali sono i punti che non tornano su questa “pandemia” economica.

  • In Italia ha ricominciato a giocare la serie A, non tutte le altre serie, è normale che questo sia dovuto per una questione economica, ma se ci fosse una vera pandemia di un virus letale o quasi letale, non pensate che proprio i giocatori li avrebbero lasciati fermi fin quando il virus fosse debellato?
  • In un periodo come quello attuale, dove molti stati del mondo hanno già avuto il peggio, e i medici sostengono che questo virus lo abbia preso quasi tutta la popolazione mondiale senza rendersene conto, credete veramente che rischierebbero a far girare i cittadini con gli aerei che piano piano stanno ripartendo? L’Europa la scorsa settimana per esempio ha accettato di far arrivare turisti in Europa da 15 nazioni mondiali, Cina compresa.
  • Da oltre due anni era prevista la peggiore crisi economica degli ultimi cento anni, per chi non lo sapesse, siamo soltanto all’inizio della crisi tanto attesa, ma già i primi risultati si iniziano a sentire.
  • Sapete che il punto di crollo per l’economia mondiale fin’ora è arrivato il 19 marzo? Bè, quasi tutte le azioni crollarono in quei giorni, ma dopo breve tempo stavano ricominciando a decollare, come se nulla fosse, oggi un grande economista mondiale ha affermato che la crisi che arriverà a breve, durerà 10 anni, e che la ripresa sostiene non sarà a V ma sarà a U seguita da una lunga L. Quindi non fateci caso se adesso vi diranno che in molti paesi stanno richiudendo tutto, anzi, stanno preparando il tutto riaprendo così che potranno dare la colpa alle riaperture.
  • Altro dato strano, è il fatto che nel 2019 abbiamo assistito al presidente Trump (ovviamente mosso anche dal resto del governo) ha aumentato i dazi su molti prodotti di importazione, la maggior parte di blocchi dedicati a merce cinese, tutti ricordiamo che per un periodo non potevano entrare Huawei negli Stati Uniti. Bè in pochi saprete che gli Stati Uniti sono il primo paese per quantità di debito, per questo motivo tramite accordi, la Cina acquistava prima il debito americano, così che la Federal Reserve potesse continuare a stampare dollari a dismisura, ma di fatto dopo i dazi, la Cina ha smesso di acquistare il debito americano (vi lascio immaginare).
  • La Cina nel mentre è diventato il paese più ricco del mondo per liquidità, e questo grazie alla loro produzione industriale a basso costo (ovviamente con conseguente qualità bassa dovuta ai prezzi bassissimi, ma che è riuscito ad entrare in ogni aimgola abitazione mondiale), pensate che l’America avrebbe potuto digerire tutto ciò?
  • Nel mentre per puro caso è arrivato il coronavirus in Cina (fatalità o coincidenza?) eppure dopo lo scoppio della sars proprio in Cina, questa installò in tutto il paese un sistema di allarme per eventuali nuove epidemie, è possibile mai che non abbia funzionato questo allarme? Impossibile. Eppure se qualcuno pensò di limitare la corsa della Cina, bisognerebbe anche dire che nella realtà la Cina fu l’unico stato del mondo ad aver tenuto il virus dentro la città di Wuhan, per cui a livello lavorativo ebbe si un calo, ma non un blocco come per il resto del mondo che fece la quarantena (perché ricordiamo ci sono anche paesi che non hanno mai fatto quarantena).
  • E infine, com’è possibile che l’Oms dichiarò lo stato di emergenza sanitaria il 31 gennaio quando in tutto il mondo c’erano circa 100 infetti? Sapeva già tutto forse?
  • Se non conoscete la storia di un certo Mauro Ferrari, vi invito ad andarla a leggere, vi comunico soltanto che non si contano quasi le lauree in medicina di questo Professore, che alla carica della presidenza della sanità europea durò appena 3 mesi, dimesso dopo aver provato ad approfondire test su questo virus.

Non voglio dilungarmi oltre, ma sembra chiaro che questo virus non sia sicuramente spontaneo o naturale e che sia manovrato, del resto va di pari passo con l’economia mondiale, che grazie a questo virus, si sta tornando verso una piccola deglobalizzazione, la stessa che ha visto il fallimento di tanti paesi un tempo ricchi.

Ecco cosa dovremmo imparare dagli immigrati

Africano cucina gatto ucciso in strada

Mentre i politici italiani, governo Conte e 5* compresi, ci inondano di immigrati, dimenticando forse che non è il momento giusto per accogliere ne immigrati ne turisti, qualcuno giustamente sostiene questo governo a gran voce, ma forse ha dimenticato che dalle zone rosse la gente adesso può arrivare dentro il vostro negozio. Ecco nel video sopra lo squallore che portano anche alcuni immigrati, io non penso che queste siano scene che vorreste vedere sotto casa vostra, o non credo che avreste voluto vedere il vostro gatto essere ucciso per essere mangiato in questo modo, del resto non siamo in guerra, il cibo ancora si trova. Oltretutto per un fatto farsi prendere così facilmente deve essere un fatto domestico, perché i randagi di solito scappano via appena ci si avvicina.

Immigrazione si, colonizzazione no.

Come sarà il nuovo ordine mondiale?

Indubbiamente questo virus influenzale del quale ben poco si sa ancora, porterà ad un nuovo ordine mondiale accompagnato da una grave crisi economica che ristabilirà vari equilibri venuti a mancare negli ultimi anni.

Innanzitutto stiamo attraversando un periodo che ha visto l’evoluzione dell’Occidente (America) rallentare se non frenare e andare addirittura indietro, vedendo l’Est (Cina) sorpassare nettamente l’Occidente.

La Cina che da tanti anni acquistava il debito pubblico americano, si è fermata visto che il presidente Trump ha tagliato le importazioni verso la grande Mela, lo abbiamo visto per esempio con la Huawei, ma nella stessa occasione abbiamo anche visto come la Cina si è detta pronta a lanciare un nuovo sistema operativo alternativo ai due americani Android e Apple.

Stiamo anche assistendo alla ritirata delle truppe americane da vari territori europei soprattutto dalla Germania, la Russia più volte ha dimostrato di avere grande forza militare (probabilmente oggi superiore agli Stati Uniti), ricordiamo che la Russia può mantenere oggi due guerre contemporaneamente, oltre ad avere i famosi missili supersonici, ben più veloci della velocità del suono.

Indubbiamente questo virus sta portando diverse nuove usanze, abitudini, ordini, che non sono quelli che ci appartengono, a tal proposito vorremmo ricordare i numeri gonfiati sui decessi e contagiati, che poi contagiati e infetti di che? Chi è infetto non ha mica la lebbra. Vorremmo anche ricordare che questo virus lo hanno portato prima i media nel mondo che i dati reali, quando in Cina c’era qualche decina di contagiati, in Italia appena 2, i media facevano già terrorismo mentale. Eppure è molta la gente che crede a tutto ciò, molta gente cammina nella propria auto da sola con la mascherina messa, in bici, a correre, con la mascherina, quindi è chiaro, i media sono riusciti nel loro intento.

Allora una cosa è chiara, il nuovo ordine mondiale vuole che ogni cittadino stia nel proprio paese, che la merce prodotta venga venduta nel proprio paese, tornando magari ad essere anche un po più autonomi, probabilmente non ci deve più essere molta collaborazione per via del distanziamento imposto, anche se questo distanziamento sociale sembra più un modo per riunire i greggi di pecore che un piano per limitare un’eventuale pandemia.

Probabilmente si sta cercando di limitare quella folle globalizzazione del quale il mondo era ormai dipendente. Ma quanto dovremo ancora vedere? Chi comanda il mondo sa già la prossima mossa per la popolazione mondiale o la decide man mano che avanzano i fatti?

Guarda “”LA PEGGIORE RECESSIONE DALLA GRANDE DEPRESSIONE”” su YouTube

Secondo vari dati, e come dice anche Francesco Carrino la vera crisi economica probabilmente deve ancora arrivare, in parte si percepisce, probabilmente chi investe in azioni lo percepisce ancor di più.

Se vediamo il caso della Hertz per esempio, un colosso del noleggio auto negli aeroporti, è ufficialmente fallita, a causa della diminuzione del traffico aereo, della diminuzione di viaggi di qualunque tipo.

Altro settore fortemente indebolito ad esempio è il settore aereo e ancor di più quello croceristico, ad oggi su quest’ultimo gravano notevoli dubbi, visto che Royal Caribbean ad esempio, proprietaria di tante altre piccole compagnie croceristiche, ha dichiarato che riprenderà a navigare a settembre, il dubbio è se riuscirà a mantenere gli alti costi di ormeggio e manutenzione ordinaria.

Ma a questo punto, è probabile che la crisi realmente sia appena iniziata? Bè se guardate qualche dato sui mercati azionari, noterete che quasi il 100% delle aziende oggi è in perdita, eccetto alcune.

Attendiamo il futuro, ma stiamo in allerta.

Orlando interessato soltanto al centro storico di Palermo

Si parla in particolare dell’incrocio tra viale Regione Siciliana e via Perpignano, un vero disastro urbanistico, che nonostante abbia visto di recente i lavori per installare le linee del tram, sembra che di questo incrocio al sindaco Orlando non interessi nulla, molti cittadini credono sia normale la sua assenza in merito, visto che le auto blu circolano soltanto nel centro storico, dimenticando che esiste anche una “tangenziale” che attraversa la città di Palermo, tra l’altro l’unica.

Eppure sono stati spesi migliaia di euro per installare dei sovrapassaggi pedonali lungo il viale (ormai quasi ex viale, visto che gli alberi abbattuti senza il minimo consenso dei cittadini, non viene soppiantato da niove aiuole o alberi), di questi ne sono stati installati due. Tra l’altro entrambi ad una relativa breve distanza, e non risolvendo lo squallore degli unici due semafori pedonali che si trovano attraversando da Messina a Trapani, a Palermo sembra proprio si crei uno stop per chi viaggia, limitando per cui anche i trasporti regionali, creando lunghe code di traffico, talvolta, questi vengono accesi per far passare qualche stupida persona col proprio scooter, facendo per cui fermare centinaia di auto ogni minuto.

Eppure sono passati appena 4 giorni dell’ennesimo incidente mortale che ha visto coinvolto il giovane Agostino di 16 anni, che se avesse trovato possibilmente un giardareil con un passaggio pedonale sopraelevato, sicuramente avrebbe evitato di attraversare alle ore 3.30 di notte la tangenziale. Questo incrocio vede ancora dei paletti per favorire il passaggio “soltanto” ai pedoni. Assieme a questo passaggio sopraelevato, vorremmo ricordare al sindaco Orlando che i due passaggi che fece installare non servono quasi a nulla, anzi per meglio dire non servono proprio nei dur punti dove sono stati collocati.

Il sindaco dovrebbe pensare di più alla periferia piuttosto che limitare la “movida” del centro storico, che, come tanti ricordano, la movida non è un oggetto da vincolare, ma sono i ragazzi che durante la settimana lavorano e vedono il fine settimana come giorno di svago, non di limitazioni, perché se c’è un popolo che sa limitarsi, questo è indubbiamente il popolo palermitano, capace di rimproverare il coetaneo che crea schiamazzi.

In alto trovi il collegamento di una delle dirette relative all’incrocio di via Perpignano.

A quali bollettini coronavirus dobbiamo affidarci?

Proprio nel giorno in cui in Italia si tocca quota 239.221 contagiati con 34.689 decessi per covid 19.

Ma come la mettiamo se i deceduti dichiarati per covid si scopre adesso siano stati negativi ai tamponi?

Come la mettiamo se chi aveva le mani sui malati è stato arrestato da nord a sud? Per truffa alla sanità e varie.

E tutti i medici che ci dicono che il virus non ha più carica virale infettiva ma i politici ci impongono lo stesso la mascherina, conta il consiglio dei medici o dei politici?

E se come avvenuto sulle prime analisi saltasse fuori che su 1000 controlli dei positivi in realtà solo 200 lo fossero stati veramente?

Be indubbiamente non sappiamo più di chi doverci fidare, o dei media, o dei medici, a voi la scelta…, di fatto non fanno più parlare medici in tv, come mai? Non sarebbe opportuno avere qualche consiglio medico per il popolo?

La doccia perfetta per il tuo giardino

Ciao, come sempre se ti consiglio un prodotto è solo perché l’ho provato in prima persona, oggi sono qui per parlarti della meravigliosa doccia calda solare da giardino.

Il modello esatto è la Gf garden doccia solare, venduta da Amazon, il top della comodità per il vostro giardino, o per metterla accanto alla voatra piscina. La doccia viene venduta al prezzo di 100 euro, completa di tutto pronta per essere installata, compresa di un pannello solare in grado di riscaldare l’acqua tramite un termostato interno, è normale che la doccia ha bisogno di essere esposta al sole per poter funzionare il pannello solare. Inoltre potrete regolare l’acqua sia fredda che calda tramite miscelatore. Compreso nello scatolo troverete 10 metri di tubo flessibile, la comodità maggiore sarà poterla smontare quando finisce la stagione estiva e riporla nel vostro garage per essere riutilizzata l’estate successiva.

Io l’ho già acquistata, e credimi, una volta provata, farei diverse docce tutto il giorno per rinfrescarti dal caldo estivo.

Se vuoi questo è il link amazon per poterla vedere Doccia solare gf garden.

Eclissi solare oggi 21 giugno

È prevista per oggi un’eclissi solare di tipo parziale, nel quale si riuscirà a vedere il sole come nella foto sopra.

La luna passerà davanti al sole riuscendo così ad oscurarlo del 99,4%, lasciando per cui scoperta la parte esterna del sole, questo è dovuto al fatto che la luna essendo per adesso più distante dalla Terra non riuscirà ad oscurare totalmente il sole, per questo motivo si chiama eclissi solare parziale.

L’evento sarà visibile dall’Italia.

Vista da Napoli

L’improvvisa morte di Luigi Tenderini lascia un vuoto incolmabile

In molti ancora si chiedono se sia morto veramente o se sia soltanto una bufala, come in molti ci auguriamo che sia, ma sembra che Luigi sia scomparso veramente, morto in ospedale a Lecco in seguito ad un malore questa mattina. Poco chiare ancora le circostanze, attendiamo notizie certe dai familiari.

Questa è stata la sua ultima diretta, di appena 13 ore fa, dopo qualche ora era in ospedale a lottare tra la vita e la morte, ma purtroppo non ce l’ha fatta.

L’ultima diretta Facebook di Luigi Tenderini

Tuonano ancora le sue parole di libertà, una persona veramente umile e di cuore, per il popolo, sognava ideali di libertà, la libertà che ci hanno sottratto in nome del coronavirus, in nome dell’Europa unita, di una classe politica pari a zero. Ha lottato con ogni forza, fino alla scorsa settimana è partito da Assisi per giungere a Roma, erano in 4 portando sulle spalle una grande bandiera italiana. Sognava questa marcia da anni, ma sicuramente non in 4, ma con centinaia di migliaia di persone, come in una vera rivoluzione. Sognava di portare a Roma 1 milione di cittadini, in modo da dimostrare allo stato che il popolo era veramente unito e veramente stanco delle misure che con Luigi o senza Luigi continueranno ad imporci.

Appena 10 giorni fa, davanti il parlamento a tentare la rivoluzione dopo la marcia da Assisi, e nessun tg fece vedere nulla. Solo qualche libero giornalista scrisse la loro azione e la loro presenza davanti il parlamento.

Ha fondato il gruppo Catena Umana Attorno al Parlamento, che raggiunse partecipanti da record, anche se arrivati alla vetta qualcuno ha voltato le spalle formando tanti piccoli gruppetti da qualche decina o centinaia di persone, pensando di ottenere qualcosa senza numeri, di fatto oggi tutti questi gruppetti, non sono neppure usciti di casa.

Rimangono ancora impresse le immagini nella mia mente di Luigi che porta la propria bimba al parco durante la quarantena, o comunque alla fine ormai del periodo di quarantena, e straccia via la striscia bianca e rossa di lavori in corso, che ostacolava l’accesso ai bambini all’altalena, in un paese vuoto di anime nelle strade, per cui senza alcun pericolo di contagio, questo qui sotto è il video. Sembra veramente una dittatura che vieta ai bimbi di uscire a giocare col proprio papà.

Luigi con la sua piccola all’altalena di Ceriale

Nel video qui sotto Luigi e i suoi compagni di viaggio da Assisi a Roma.

Luigi da Assisi a Roma a piedi

Forse nell’ultima diretta di ieri sera si vedeva Luigi essere veramente stanco, un po affaticato, ma nessuno avrebbe mai pensato che poche ore dopo lottasse tra la vita e la morte. Le condaglianze vanno a tutta la famiglia da parte di tutti coloro che hanno conosciuto Luigi di presenza o virtualmente attraverso la sua radio Tender, nel quale era arrivato alla puntata 100 proprio in questi giorni.

Per chi lo conosce è un grande dispiacere, per il governo sarà sicuramente una spina al fianco in meno. Visto che innumerevoli sono state le denunce che ha esposto contro i vari governi abusivi italiani per il quale lottava. Non basterebbe sicuramente un’articolo per parlare di Luigi, ma sono certo che ben presto uscirà un libro che parlerà della sua storia, in memoria di un grande rivoluzionario pacifico.

Ciao Luigi, fai buon viaggio. Almeno il paradiso non sarà marcio come la Terra.
Luigi con la maschera di V durante uno dei tanti tentativi di sottrazione della sua libertà. Per zittirlo, ma piegarlo, ma mai obbedito, mai piegato, grande Luigi.

Polemica sui campionati italiani di calcio

Non tardano ad arrivare le polemiche sui campionati di calcio ricominciati quasi a pieno ritmo in Italia. Da un lato chi segua il calcio ne è contento perché ha almeno un passatempo, il passatempo preferito di molti italiani, seppur si gioca a porte chiuse, se tifosi, comunque non avrebbe senso giocare ad uno sport dove comunque non si può fare a meno del contatto fisico.

Per chi non segue il calcio giustamente, come si spiega che ai poveri cittadini sono state elevate sanzioni per andare in giro tra coniugi per fare la spesa alimentare di casa durante questo periodo, e adesso i giocatori, che neppure sono coniugi possono stare in contatto pubblicamente?

Sembra veramente una delle solite barzellette all’italiana, peccato che questo non è il momento delle barzellette, visto che anche se in Italia i decessi sono in diminuzione, ci sono paesi dove la gente che muore è in forte aumento, come in Brasile. Se per qualche incidente da qualche centinaio di morti si fa il minuto di silenzio nei campi, con tutti i decessi per covid giornalieri, le partite non dovrebbero mai iniziare.

Ma del resto si sa, nel calcio girano miliardi di euro, e attorno ad esso c’è sky, Premium, punto Snai, better e tutto ciò che me gira attorno. Che squallore.

Vedere l’arbitro che durante una punizione fa mamtenere la distanza alla barriera tra giocatori, entrano in campo divisi, per l’occhio delle telecamere, ma alla fine, in campo come si contrastano?

Bè, se qualcuno ha sentito di un ricco morire di covid, significa che questo virus uccide chiunque, viceversa, ad oggi è il virus dei poveri.

Coronavirus, il virus che viaggia in aereo

Si possiamo veramente definirlo il virus che viaggiando in aereo sta percorrendo tutto il mondo, senza lasciare posto libero, ovunque arrivino gli aerei commerciali e non, arriva anche il coronavirus.

Ma a questo punto sorgerebbe quasi la domanda, in Cina da quale altro paese arrivò questo virus? È nato in Cina e ha percorso tutto il mondo, visto che in Cina si fa innumerevoli scali commerciali negli ultimi anni? O è stato prodotto in Cina da cinesi o non cinesi per limitare la crescita economica sproporzionata al quale il mondo stava andando incontro?

Eppure molti non sanno, che ogni crisi economica creata o spontanea, dove anche il coronavirus sta portando la sua di crisi economica, fa arricchire sempre di più innumerevoli persone che dalle crisi economiche traggono vantaggio, scopriamo insieme il perché.

Molte persone che investono nei mercati finanziari, acquistano azioni di società con fiumi di denaro, investono 1000 quando le azioni x costano 1 dollaro, e queste salgono negli anni a 6-7-10-20 dollari, immaginate il surplus economico in termini di guadagno. Ma a questo punto sorge spontanea la domanda, perché vendere se un mucchio di soldi stanno fruttando molto bene? Guardate lo schema sotto per esempio.

Come potete vedere per esempio, le azioni Carnival, società di navi da crociera, è crollata a marzo-aprile, e ciò nonostante non solo non si è ancora ripresa, ma sta scendendo ancora un po, visto che la società ha prorogato lo stop delle crociere fino a settembre, visti gli innumerevoli blocchi. Immaginate quante altre società stanno subendo lo stesso declino, Hertz per esempio che affitta auto solitamente negli aeroporti di tutto il mondo, sta vendendo oltre 300 mila vetture, visto che gli aeroporti sono quasi chiusi.

Ma con questo dovete pensare, che chi ha investito per esempio in queste società miliardi, o migliaia o centinaia di euro, ha avuto il momento migliore per vendere ed incassare quindi anni di investimento. E sicuramente con il crollo, si ha anche il modo per ricominciare il ciclo, infatti se un tempo le crisi avvenivano per eccessi di qualcosa per esempio, e sempre più raramente, oggi avvengono quasi all’ordine di ogni 10 anni circa (che strana coincidenza).

Ma come mai il virus viaggia in aereo? È un modo di dire, ma realmente il virus sta girando il mondo, ma guardate l’immagine sotto.

Per chi non lo sapesse, questa immagine è esattamente la copertura del traffico aereo medio nel mondo. Bè sembra anche il giro che sta facendo il virus credo, assieme alle tratte aeree mondiali. Che strana coincidenza eh. Eppure anche il colera nel 1800, partì dall’India e raggiunse il mondo intero per via degli spostamenti, soltanto, che allora gli spostamenti non avvenendo in aereo ma a cavallo o con navi, i virus impiegavano più tempo a girare il mondo, ma vi era anche più rimedio a trincerarsi. Oggi il mondo vive in una strana situazione, dove tutti hanno bisogno di emigrare quotidianamente, si stanno perdendo le usanze locali, i dialetti, i modi di vivere, e con esso, non abbiamo ancora capito che noi umani stiamo correndo troppo, progettiamo ancora treni che percorrono velocità inimmaginabili, perforiamo catene montuose per far arrivare prima la merce, spendendo miliardi e miliardi, ma alla fine per cosa? Stiamo inquinando mari e oceani per favorire le esportazioni, anche lì dove non ce ne sia bisogno, che peccato!

Tutto ciò in nome del denaro. Bisognerebbe quindi estinguere il denaro, certo sta avvenendo, si parla già di monete virtuali, non le vedi, non le tocchi, non sono tue, se perderai lo smartphone non saprai neppure quanti oggetti elettronici chiamati criptovalute o criptomonete avrai, eppure, forse non lo sai, ma se ci fai caso, quando hai 100 lire euro in tasca progetti su come spenderli, magari cerchi anche di limitarti, ma non ci fai caso invece che quando li hai su una carta li spendi per tante fesserie del quale non hai bisogno? Pensi che le banche non lo sappiano? Certo, infatti è un buon modo per toglierteli velocemente dalla tasca. Per questo motivo si fa la lotta al contante, per impoverirti. Nessuno ti dirà mai come spendere o meno i tuoi soldi, o come usare la tua carta di credito, ma devi essere tu invece a limitarti o presto sarai vittima del sistema che ti vuole im ginocchio, o su un’aereo a girare il mondo in nome del lavoro.

Sappi che questo non è vivere, questo è distruggere. Continuate pure a girare il mondo, ma cercate almeno di conoscere prima il viale dietro casa vostra.

Problemi di acari nelle piante? Ecco la soluzione definitiva

In tanti soprattutto in questo periodo abbiamo il problema degli acari che ai attaccano alle nostre piante, talvolta uccidendole. Invani sono i tentativi di eliminarli con vari metodi e prodotti, ma ad un certo punto, se tenete alle vostre piante dovrete prendere la decisione per una volta di acquistare un acaricida.

Io da anni mi affido alla linea compo, che non è tossica come altre, e si ottengono perfetti risultati senza andare a creare danni all’habitat circostante. Ho allegato il link sotto dello stesso insetticida e acaricida che uso io per le mie piante grasse, ho in particolare delle aloe che spesso prendono acari, e se non intervengo con questo prodotto rischio di perderle come mi succedeva in passato.

Il prodotto è questo qui sotto.

Compo Insetticida Acaricida

Che dire con 9 euro vi portate a casa 750 ml di prodotto pronto, senza bisogno di diluirlo, ed efficace al 100%, provalo e mi fai sapere, se vuoi veramente risolvere il problema.

Panda 4×4 multijet, un capolavoro Fiat italiano

Quanti di voi hanno pensato di acquistare una panda 4×4 o altri modelli di auto anche non 4×4? Ma quale può essere il motivo di acquistare una 4×4 invece di una 4×2? Be sinceramente la differenza è abissale.

Partiamo intanto col dire che una macchina 4×4 bisognerebbe acquistarla solo se realmente ce ne fosse bisogno in teoria, ad esempio se siete possessori di una campagna senza strada asfaltata, o se fate un lavoro che può richiedere più o meno spesso l’uso di un mezzo 4×4.

Però in questo settore dopo anni di possesso di auto 4×4, posso assicurarvi che ci sono idee contrastanti oltre l’ignoranza in materia. Anzitutto partiamo col dire che comunque una macchina con 4 ruote motrici necessita indubbiamente di maggiore manutenzione, ed è normale visto che c’è la presenza di differenziale (anche se ormai il vecchio differenziale centrale posto nell’asse posteriore non si usa quasi più, ma è stato nella maggior parte delle auto sostituito da meccanica ad elettronico, o da meccanico tradizionale a meccanico a giunto viscoso ecc), ad esempio nella panda, del primo modello, c’era il differenziale tradizionale, che pesa tra l’altro circa 60 kg e anche più, nella seconda serie già non c’è più questo tradizionale, arrivando a quello dell’ultima serie che è totalmente a giunto viscoso.

Come dicevo sopra, indubbiamente le auto a 4 ruote motrici richiedono maggiore manutenzione, e questo è normale, per la presenza di differenziale, albero di trasmissione ecc, e vi assicuro che cambiare per esempio l’albero di trasmissione perché si è storto costa un bel po, e può capitare, essendo che queste auto possono prendere serie botte sotto la scocca.

Molti però sostengono che queste auto consumano molto carburante, in realtà non è così, nel caso della panda per esempio, parlo della seconda serie esattamente, come nel video sotto, la panda ha anzitutto il 4×4 integrale, quindi non disattivabile, anche se si possono apportare modifiche per poterlo togliere con leva accanto al freno a mano, comunque, cammina in genere con il 98% di trazione anteriore, e solo il 2% dietro, quindi consumate anche meno i pneumatici posteriori, come potete ben immaginare non c’è un reale motivo di maggiore consumo di carburante.

Un pro indubbiamente, è il fatto che avere un’auto con 4 ruote motrici, sicuramente rende la vostra guida molto più sicura, anche se questo non significa stare disattenti, o essere pericolosi con strade bagnate ecc, ma significa che a parità di pericolo confronto ad una 4×2 sarete molto più sicuri. Quando ho sostituito l’albero di trasmissione della mia panda per esempio, modificato tra l’altro, ho guidato per 2 settimane in attesa dell’arrivo dell’albero in riparazione, e vi assicuro che è stata la sensazione più pericolosa che abbia mai percepito con un’auto, abituato soprattutto a guidare la stessa con 4×4 integrale.

Adesso senza dilungarmi oltre, voglio solo dirvi che la panda, almeno la seconda serie, visto che conosco bene questa, è veramente una forza della natura, guardate il video sotto come cammina tranquillamente sulla spiaggia.

Panda 4×4 seconda serie in spiaggia

Come consumi si mantiene sui 18-20 km al litro il multijet, il bisogno di manutenzione è veramente irrisorio, inoltre tra le panda cross e non cambia soltanto la carrozzeria esterna, ma meccanicamente sono identiche.

Certamente ha una vettura col quale è meglio evitare tragitti eccessivamente dissestati, ma posso assicurarvi, che vi porterà ovunque, senza mai darvi il minimo dubbio di stentamento. Io ci sono stato anche nella neve con copertoni estivi, e sinceramente guidando in modo prudente non ho trovato il minimo problema di slittamento.

Occhio alla nuova truffa da falsi Call Center

Si tratta di una nuova truffa, del quale sta spingendo forte in questi giorni prima che la gente possa divulgare la notizia, e purtroppo chi paga le conseguenze è la povera gente che volendo credere o volendo indagare sulla questione alimenta la truffa.

Si tratta di persone, non si sa ancora se siano reali uffici o falsi, che prendono tabulati telefonici dove risulta possibilmente un vostro dato, in genere la vostra residenza, e tramite queste due informazioni cercano di farvi credere che voi avete attivato una polizza assicurativa sulla vita, o al conducente, o a un mezzo, e non avete pagato il nuovo contratto scaduto da 1-2-3 mesi.

Loro in realtà di voi non sanno nulla come reali dati privati, per questo motivo cercheranno di farli dire a voi tramite domande varie, per ogni dato della vostra privacy che darete loro compileranno il nuovo contratto, apportandovi la falsa firma e cercando di tirare qualche spicciolo dai vostri conti correnti.

Non fatevi fregare, nessuna polizza assicurativa stipula un contratto se non viene retribuita. Purtroppo anche le chiamate al 112 saranno invane, poiché in Italia deve esserci prima il reato per loro poter intervenire, e dopo che il reato sarà stato commesso, non sarà semplice recuperare le somme perdute.

Cercate di fare girare il più possibile e condividere l’articolo al fine di limitare questi stupidi traffici di soldi.

Guarda “Pastore tedesco pericoloso” su YouTube

Hera, un esemplare di pastore tedesco a pelo nero lungo, i bambini, erano il suo svago preferito, per i bambini, era il loro idolo. Nata il 12 dicembre 2005 morta il 23 dicembre 2016. Vinse 3 trofei regionali, in gare di obbedienza e utilità.

Lukie detta Hera, figlia di Unca della real favorita, e Barkley di casa Corvaja

I governi comunali escogitano il piano per provocare la crisi

Visto che la crisi economica peggiore degli ultimi 100 anni è arrivata in parte, e stava rischiando di passare troppo in fretta, vedendo le azioni in borsa che hanno subito un crollo arrivando a toccare i minimi registrati nella prima e nella seconda guerra mondiale e stavano già risalendo troppo velocemente, rischiando di far lucrare facilmente troppi investitori, i governi comunali hanno ben pensato di “affossare” l’economia.

Questa è pura follia, un governo letteralmente anti popolo, non patriota, non degno di rappresentare un popolo. A Palermo per esempio, ma non solo a Palermo, visto che nessuno si ribella, lo stato ha ben pensato di aumentare le restrizioni per limitare letteralmente l’economia nazionale.

Basti pensare che per quest’anno sono pochissimi i turisti ad arrivare in Sicilia per esempio perché le compagnie aeree hanno portato i prezzi alle stelle, infatti si dice che per quest’anno i cieli siciliami saranno liberi.

Oggi da Palermo è arrivato un nuovo test “pro crisi”, i pub, assieme alla movida serale, all’1.30 dovranno essere già chiusi, pena la chiusura delle attività e sanzioni salatissime, oltre che dalle 20 i locali non potranno comunque vendere alcolici da asporto. Significa che tutti i locali che non avranno un’area interna o esterna privata, non potranno lavorare.

Non è ancora chiaro se la casusa sia realmente limitare l’epidemia che in Sicilia non è mai esistita e oggi i pochissimi contagiati che ci sono arrivano da fuori e secondo i medici non sono più un pericolo, perché anchr se i media alimentano il terrore, la sanità smentisce.

Sorge spontanea la domanda, a chi dover credere? Ai media e ai governi, o ai medici e alla sanità in generale?

Ecco che aumenteranno le saracinesche chiuse in tutte le città, rendiamo ancora grazie ai nostri sindaci e al nostro governo.

Il Popolo

Mina-Battisti in concerto.

Lucio Battisti e Mina

Avete mai provato ad immaginare cosa, e come sarebbe mai stato sentire un concerto con i due più grandi artisti della musica leggera italiana ed internazionale? Non due chiunque, ma due del calibro di Lucio Battisti e Mina. Già, provate ad immaginare, sentire dalla voce di Lucio poesie come “emozioni”, “pensieri e parole”, “il mio canto libero” ecc.. Duettate con la grande voce di Mina, che a sua volta canterebbe “ i giardini di marzo”, “e penso a te” “amor mio” ecc, ci sarebbe voluto uno stadio da un milione di posti. Gia nel lontano 23 aprile del 1972, Mina e Battisti, si esibirono in tv, Inventandosi!! Il più bel duetto della storia della tv. Guarda https://youtu.be/m_DdQJcfGAI

Qualcosa di eccezionale, quella sera, i due, improvvisarono un concerto, iniziarono con un brano cantato da Mina, scritto da mogol e Battisti, Insieme, un grande successo, continuando, poi, con un altro grande succesdo di lucio, “mi ritorni in mente”, continuando con altri grandi successi, finendo, dopo circa 9 minuti e 13 secondi di delirio, con il brano che è entrato nella storia della musica leggera mondiale, una poesia…. “ emozioni”. Adesso provate ad immaginare Mina Battisti in concerto, sarebbe stata L’apoteosi.

Sua maestà Anna Maria Mazzini, in arte Mina
Il re della musica leggera italiana Lucio Battisti

Italia, avrebbe il metodo per combattere l’immigrazione

Negli ultimi anni sempre più immigrati arrivano in Italia, e basterebbe una guerra come c’è stata in Libia per rinforzare di nuovo gli arrivi, l’Europa non ne vuole sapere, anzi manda le Ong nel Mediterraneo per prendere gli immigrati davanti le coate libiche per portarli in Italia.

Ovviamente si creano vari dibattiti tra giovani e non, tra partiti e governatori vari, ma di fatto, non si sta facendo nulla realmente per aiutare l’Africa, anzi, così facendo si favorisce lo svuotamento delle terre più ricche, per destinarle ai paesi che stanno piantando radici sul continente Shariano. Ovviamente se varie nazioni puntano sulle terre africane, non è di certo perché sono terre povere, anzi, totalmente l’opposto.

Se ci sono italiani che non sono d’accordo con questa immigrazione totalmente fuori controllo, non è perché gli italiani siano razzisti, anzi, gli immigrati lo sanno bene che la maggior parte degli italiani li accoglie tranquillamente, ma di certo non possiamo ospitare tutta l’Africa, e allo stesso tempo, non è corretto che un partito politico, voluto solo in Padania, possa farsi forza e ricevere voti anche dalle isolette dimenticate come Lampedusa, buone solo per dare voti, ma totalmente dimenticate dai governi, non è quindi corretto che si dia forza a um partito solo perché è contro gli immigrati, anche perché, una volta risolti gli immigrati, andrebbe contro il sud Italia.

Eppure basterebbe che l’Italia intervenisse in prima persona sulla questione, evitando in questo modo mucchi di navi ong strapagate dai poteri forti che vogliono svuotare l’Africa accompagnando gli immigrati nella traversata del Mediterraneo, dove spesso l’equipaggio che lavora a bordo lo fa come volontariato, ma ricevendo poi importanti posizioni lavorative post aiuti.

Se l’Italia invece di rimanere a guardare mandasse davanti le coate libiche proprie navi, a prendere gli immigrati e portandoli direttamente nelle nazioni europee più vicine dopo l’Italia, visto che l’Italia è già satura di migranti, ma oltre a essere satura, non basterebbero più neppure i fondi per aiutare tutta la popolazione africana che arriva in Italia, del resto, dove possono lavorare tutte queste persone se ancora oggi da oltre 20 anni in Italia chiudono 200.000 attività all’anno?

Evidentemente se l’Italia non interviene significa che a qualcuno fa piacere questa situazione, allora come mai la magistratura non interviene per bene? Evidentemente anche la magistratura avrà le sue quote, o le sue comunità alloggio che fruttano parecchi soldi sicuri ogni anno.

È opportuno affermare che l’articolo non è di tipo razzista, anzi, sarebbe d’aiuto per tutti quei africani che vengono forzati ad andare via dalle proprie terre perché qualcuno vuole rubare loro le case e i terreni pee una manciata di soldi, e nessuno stato va lì a difendere le loro terre e questi popoli, anzi totalmente l’opposto.

La Sicilia rimane la meta preferita dai turisti e vecchi residenti Siciliani

Da siciliano posso capire il fascino degli stranieri anche italiani, quando vengono in vacanza in Sicilia, giustamente le preferenze cambiano da persona a persona, ma il bello della nostra regione è proprio il fatto che offre tutto, dal mare alla montagna, dalle zone più caotiche alle zone più tranquille, si può dire proprio che qui si ha l’imbarazzo della scelta, e tutto sommato a prezzi molto abbordabili.

Per non parlare di tantissimi amici stranieri, venuti in Sicilia per vacanza e trasferiti qui per il resto della loro vita, molti anche dopo aver girato moltissime città nel mondo, purtroppo per i residenti manca un po di lavoro, è questo li porta spesso a emigrare, ma non facendo scelte veramente felici ma dettate solo dalla mancanza di lavoro, anche se spesso, secondo me, è più la voglia di conoscere nuovi luoghi che il bisogno di partire per mancanza di lavoro, perché in fondo, se si cerca si trova o si crea.

Io ho 31 anni, ho sempre vissuto in Sicilia, a Palermo esattamente, città veramente folcloristica, di una quantità di arte veramente notevole, da palermitano è così normale averla attorno che quasi non ci facciamo caso, ovviamente è il centro storico la parte più ricca di monumenti, musei, palazzi storici, le vie più antiche della Città, i vecchi bastioni, anche se in alcuni punti distrutti a causa della crescita della città già dai tempi dell’industrializzazione europea, seppur Palermo assieme alla Sicilia, hanno conosciuto il loro momento di crescita industriale, che tendenzialmente va diminuendo da 100 anni circa e non più a crescere, anzi, a causa delle folli restrizioni dell’Unione Europea, è diminuita notevolmente l’attività agricola, è facilissimo infatti trovare terreni abbandonati sparsi per la regione e alberi da frutto letteralmente a marcire.

Quest’anno è un po particolare, sarà soprattutto per l’effetto di questa strana epidemia che c’è stata, non ancora del tutto finita, anche se la Sicilia non è stata particolarmente colpita, sarà anche il bisogno per alcune persone di risolidificarsi a livello economico dopo i due mesi di stop lavorativo imposto in molti settori, ma credo che in ogni caso, tutti vorremmo fare le nostre vacanze estive, magari cercando di spendere meno rispetto agli anni passati, ma una seria pausa estiva penso che la meritiamo tutti, del resto, si vive solo una volta.

Come dicevo più sopra, in 31 anni ho visitato diversi luoghi della mia regione, e sono qui per darti dei brevissimi miei pareri, se stai pensando di andare in vacanza in Sicilia. Del resto, anche io vorrei di questi consigli quando dovrei partire, per poter scegliere nel migliore dei modi.

Bene, ti do qualche piccolo accenno, anche se spero di pubblicare più nel dettaglio qualche altro articolo sulle varie località principali. Mi limiterò espressamente ai miei brevi consigli, sarete conunque poi voi a scegliere e a documentarvi meglio, ma almeno avrete già una piccola idea. Il mio consiglio, purtroppo è comunque quello di stare attenti a zaini o telefonini, a me non è mai stato rubato nulla, ma purtroppo per chi non c’è abitatuato può succedere qualche furto, questo vale ovunque andate nel mondo, ma in alcuni luoghi della Sicilia ve lo consiglio, per evitare inconvenienti. Con questo non significa che trovate ladri ad ogni angolo di strada, potete anche non trovarne neppure uno, solitamente si tratta comunque di bambini poco educati, nulla di veramente preoccupante.

Palermo, da vedere se pensate di voler uscire per esempio anche la sera tra i locali, se vi piace l’arte antica e se volete girare qualche spiaggia, anche se per quest’ultima il mio consiglio è di noleggiare un’auto in modo da essere più liberi. Ottimo anche il cibo, città abbastanza economica. Una delle spiagge da vedere sarà sicuramente quella di Mondello, meriterebbe anche di essere vista l’isola di Ustica raggiungibile dal porto di Palermo, ma qui conviene pernottare 2-3 giorni almeno. Tra l’altro andrebbe anche ricordato che Palermo ha il centro storico più grande d’Europa.

Spiaggia di Mondello

Cefalù, paese nel comune di Palermo, bellissima zona balneare e molto frequentata da turisti, i prezzi degli hotel sono in genere un po più alti, ma sicuramente vale la pena fare un giretto in tutta la zona, in questa zona si trovano le Gole di Tiberio, una sorta di canyon tra le i monti. Si trova a circa 65 km da Palermo.

Messina, si trova a 250 km da Palermo, ma è un punto molto interessante, sia per rggiungere la località di Taormina sia per ragiungere le zone costiere e paesini affascinanti costieri come Capo d’Orlando, o anche le vicine Gole dell’Alcantara. Dalla vicinissima Milazzo inoltre è possibile raggiungere le Isole Eolie, anche se qui ci vorrebbe un’articolo a parte, poiché le isole di questo arcipelago sono molte e tutte molto interessanti.

Catania, molto simile a Palermo come città, è la mia seconda città preferita dopo Palermo ovviamente, ai differenzia per essere un po più piccola soprattutto come centro storico, per le sue spiagge più scure essendo zona prettamente vulcanica. Se andrete in questa zona, sicuramente Taormina dovrà essere una delle vostre tappe. Si trova a circa 180 km da Palermo.

Siracusa, altra bellissima località, tra l’altro la prima città non solo della Sicilia, ma anche d’Italia, molto discussa la probabilità di essere la città più antica d’Europa, che a livello storico va quasi di pari passo con Palermo, dal quale dista circa 260 km. Siracusa è anch’essa una località meravigliosa, con bellissime località vicine come anche Noto, o anche molto suggestiva la zona della Riserva Naturale di Cavagrande del Cassibile, quest’ultima zona è affascinante se siete amanti della natura preistorica, natura incantata, dalle lunghe camminate a piedi immersi nel verde a fianco di un fiume, consigliabile essere muniti qui di attrezzatura da campeggio.

Ragusa, una città meravigliosa, in pieno stile barocco, assolutamente da visitare se siete amanti di arte, dista da Palermo circa 250 km, molto interessante a livello architettonico è anche la vicinissima Modica, ma assolutamente da vedere anche le spiagge da Scoglitti a Marzamemi, da passare anche da Porto Palo di Capopassero sicuramente, la località più a sud della Sicilia.

Agrigento, altra bellissima città molto nominata sin dall’antichità, incantevole la Valle dei Templi, così come bellissima la storia di Porto Empedocle, sicuramente come spiagge non potrà mancare la visita alla Scala dei Turchi. Sicuramente non sarà però da sottovalutare secondo me la più bella isola del Mediterraneo, per quantità di spiagge e calette, cioè l’isola di Lampedusa, penso che almeno una volta nella vita bisogna vedere questa meraviglia della natura, dove ai trova tra l’altro una delle spiagge più belle del mondo, Isola dei Conigli. Agrigento da Palermo si trova a circa 125 km.

Valle dei Templi

Marsala, quante volte lo avrete sentito nominare il famoso vino Marsala? Be, sicuramente se passerete da queste parti dovrete comprarne almeno una bottiglia. Marsala ha anch’essa una gran bella storia, da queste zone assieme alla zona di Trapani, si estrae il sale marino, esportato in tutto il mondo, sicuramente dovrete andare all’Isola di Mozia, è tante saranno anche le spiagge che vi attenderanno, tra cui la spiaggia di Spiaggia di San Teodoro, bellissima con i suoi gazebi e strutture varie in legno nella riva in acqua. Da Palermo circa 130 km.

Trapani, la punta più a ovest della Sicilia, a circa 110 km da Palermo, da Trapani ci sono diverse attrazioni da visitare, assieme a Marsala è la zona più ricca di terme naturali e hotel con percorsi benessere di vario genere. Da Trapani si possono visitare le Isole Egadi, con la splendida Favignana, Levanzo e Marittimo. Ma non mancano i tramonti dai mulini, considerati un patrimonio dell’umanità, inoltre se sarete in questa zona sicuramente dovrete andare a San Vito Lo Capo, che con la sua spiaggia e la sua acqua cristallina riceve spesso vari primati.

Se farete il giro della Sicilia, anche se tutto in una sola estate non si può a parer mio, se non facendo piccole toccate e fuga nelle varie località, del quale non ho menzionato le zone interne, tra cui Enna e Caltanissetta, ma soltanto perché a parer mio sono da menzionare più in ambito invernale, ma vi assicuro che l’entroterra siciliano merita tanto quanto le zone costiere. Come dicevo se farete il giro della Sicilia come elencato sopra, quindi tornando da Trapani verso Palermo, non potrà mancare secondo me una piccola sosta a Scopello con il suo splendido pane “Cunzato”, i faraglioni di Scopello, Castellammare con le sue cassatelle e con la sua immensa spiaggia.

Spiaggia di San Vito Lo Capo

Purtroppo non posso dilungarmi troppo per non farvi perdere la pazienza a leggere tutto quanto, anzi spero di essere stato breve al punto giusto, sarò felice di vedervi nella mia splendida isola, se vorrete potremo anche incontrarci a Palermo se verrete. Buone vacanze a tutti. Se avete qualche dubbio posso darvi qualche consiglio.

“E penso a te – Lucio Battisti – 1972”

Correva l’anno 1972, Mogol scrive questa poesia che entrerà nella storia della musica leggera internazionale. Un brano magistralmente interpretato dal grande Lucio Battisti, e cantato negli anni, dai più grandi cantanti, italiani, come Mina, Fiorella Mannoia, Giuliano Sangiorgi, Arisa, Bruno Lauzi, ed altri, ma anche da grandi della musica leggera mondiale.

Il brano fa riferimento ad un amore finito, ma impresso nel cuore e nell’anima, tanto da non saperlo dimenticare, invano tenta, un’avventura con un altra donna, il suo amore per l’altra è indelebile ma non corrisposto, probabilmente Mogol, scrivendola, faceva riferimento alla sua ex moglie, che pur separandosi da lei, rimase il suo grande amore, a lei, infatti, dedicò numerosi brani. e penso a te, è uno di quei brani, che rimarranno per sempre, impresse nelle nostre menti, cantata, tutt’oggi dopo 50 anni, anche da giovanissimi. Un brano, ed una interpretazione da ascoltare.

Lucio Battisti 5/3/1943-9/9/1998

L’italia ripete sempre gli stessi errori, anche davanti 33.000 decessi

In Italia si è fatto l’impossibile per far arrivare il Coronavirus in qualsiasi angolo dello penisola, anche nei luoghi più dimenticati dal governo, eppure sembra che questo non sia bastato, stanno nuovamente cercando di far dilagare il virus lombardo in tutta Italia attraverso le aperture delle regioni senza alcun criterio logico o criterio di monitoraggio.

In Italia ci sono diverse regioni, come la Sicilia per esempio che registrano una media tra lo zero e 1 contagiato al giorno, stesso rapporto per i decessi, è tutti gli ultimi contagiati provengono dalla Lombardia.

Sembra chiaro che se il governo continua a tenere la Lombardia aperta significa che vorrà far dilagare nuovamente il virus. Sarebbe più logico, come avvenuto in Cina, riaprire si, ma monitorare la situazione, se ci sono nuovi contagiati importati, bisognerebbe richiudere le regioni che producono contagiati.

È pur vero che i numeri siano piuttosto bassi, ma nessuno sa se realmente questo virus possa riprendere nuovamente forza e riprodurre nuovi focolai. Per questo motivo bisognerebbe non dimenticare i decessi stagionali che si sono registrati quest’anno sopra la media annuale, e arginare in fretta il virus nei luoghi imm cui si riproduce.

Il futuro delle case automobilistiche, verso le e-bibe

Con l’epidemia che ha colpito il mondo è scoppiata ovviamente la crisi economica, anche se ancora la vera crisi economica non è neppure cominciata, eppure il settore automobilistico perora è il più colpito di tutti, per questo motivo bisognerà optare per dei cambiamenti sostanziali verso le produzioni green.

La Valkswagen per esempio sta chiudendo numerose fabbriche perché è certa di non riuscire più a vendere tutte le auto vendute fino al 2019, la Reanualt ha annunciato che probabilmente non riaprirà più le vecchie fabbriche.

Poi ci sono alcune fabbriche che stanno iniziando a produrre mezzi green, è il caso per esempio della General Motor, che negli ultimi mesi è crollata in borsa, ma adesso sta risollevando le sue sorti, grazie alla decisione di produrre nel mercato furgoni elettrici, settore nuovo sia per l’elettrico che nel campo dei furgoni per questo marchio.

Inoltre notizia ancora più interessante, che fa capire la vera deviazione produttiva e sostenibile, per un mercato che ormai richiede sempre meno inquinamento, è il caso di Alfa Romeo, marchio italianissimo, che ben presto potrebbe essere seguito da altri marchi, con la sua ultima produzione della prima Ebike Alfa Romeo.

Un vero capolavoro, anche se Alfa Romeo non è già l’unica, è stata seguita anche da Peugeot e Ducati, che evidentemente in questo campo vedono che la gente spende di più che per le proprie auto.

Il futuro automobilistico si sta iniziando a capire, la direzione si percepisce già, è probabile adesso vedere la competizione di numerose altre case produttrici nel settore, immaginate tra quanto la Ferrari possa produrre il prototipo e-bike.

Perché in Italia nel silenzio dei tg aumentano le proteste

In Italia da tantissimi anni ormai si assiste ad una politica anti-stato e anti-popolo, si tende ormai a fare leggi solo per la tutela del governo e a sanzionare sempre meno i criminali. Continui aumenti di stipendio solo per i governatori, con sempre più controlli e restrizioni, sempre meno libertà, una magistratura che sembra non svolgere realmente il proprio lavoro, una moneta unica europea che oltre ad avere un’ottima stabilità confronto alle altre monete mondiali, favorisce solo i mercati finanziari, ma realmente si paga un costo troppo alto per avere questa moneta, che è l’euro.

Il popolo assiste continuamente a tagli nella sanità, ai vari servizi pubblici ecc favorendo così solo i servizi privati, basti vedere le strade italiane che ogni anno contano centinaia o migliaia di morti a causa dello sgretolamento del cemento e della scarsa manutenzione, basti vedere il Ponte Morandi, già ricostruito, o basti pensare anche alla differenza nord sud, con l’autostrada Palermo Catania ancora interrotta, e tante altre negligenze.

Quest’anno però si è assistito al massimo delle restrizioni raggiungibili, in nome del coronavirus, si sono attuati decreti anticostituzionali al massimo, le forze dell’ordine hanno letteralmente obbedito senza tirarsi indietro di fronte a quello che sembra uno sciacallaggio dello stato contro il popolo, effettuando una miriade di verbali, che mai potrebbero rallentare il virus, ma possono solo aumentare le casse di uno stato che chissà dove manda i nostri soldi, oltre al fatto che chi volesse fare ricorso si ritroverà intanto a fover pagare il verbale, poi un’avvocato, e se dovesse perdere la causa dovrà anche pagare il doppio del verbale, un po come dire non fate ricorso perché è peggio. Basti pensare che hanno sospeso qualsiasi lavoro e il primo che hanno riaperto è stato il gioco d’azzardo, slot machine, gratta e vinci, superenalotto ecc, è palese che non erano servizi prioritari alla riapertura, ma fondamentali per mantenere gli esosi stipendi dello stato.

Oltre che sanzionare un popolo al quale per due mesi viene imposto di non lavorare, è veramente da stato strafottente del proprio popolo, sanzionarlo mentre gli viene imposto di non lavorare.

Ma il problema adesso sta nel fatto che se il governo Conte abbia o non abbia agito correttamente, per mantenere i numeri di decessi (che comunque non sono stati mantenuti per niente bassi, anzi), non spetta a noi giudicare l’operato del governo, ma, il popolo evidentemente adesso si è stancato delle numerosissime promesse non mantenute da questo governo in termini di rilancio, se viene offerto un bonus al popolo, e viene sempre rimandato, ma giudicata una data, è normale che prima o poi vada in escandescenza questo.

È il caso del bonus ristrutturazioni, già addirittura approvato, ma non si sa nulla su come rientrarci, cosa bisogna fare per ottenerlo ecc, che poi, il governo che non è riuscito a dare un centesimo al popolo, suona strano che adesso paghi interamente i lavori delle nostre case, cosa c’è dietro?

Altro caso fastidioso è il bonus biciclette, proposto da oltre 4 mesi, viene detto al popolo solamente che chi acquista una bicicletta (non si sa se deve essere per forza elettrica) dal 4 maggio, dovrà iscriversi in una piattaforma, che ancora non esiste, è da lì riceverà il bonus. Al momento non c’è quindi un centesimo di bonus biciclette, ma l’unica probabilità è che dopo aver incassato il governo milioni di euro dai nostri acquisti, forse manderà qualcosa.

Inoltre ci sarebbero i tanto attesi aiuti economici dall’Europa, ci hanno riempito di notizie, tra Mes, Coronabond, Eurobond, Conte che si oppone al Mes, l’Europa che lo prospetta in altri modi (apparentemente meno da usurai del nornale), ma nella realtà, non arriva nulla ancora.

Ci sarebbe l’obbligo delle mascherine, nonostante non ci sia più alcun bisogno secondo i medici, eppure il governo continua non solo ad imporle nei luoghi chiusi, ma proibisce anche gli assembramenti sanzionandoli in modo pesantissimo.

Tutto questo, e altro ancora, non farà che portare a una grave recessione e gravi scontri tra popolo e governo. Non importa chi sia al governo in questo momento, l’unica cosa che il popolo vuole è che chi sia al governo debba rispettare le promesse.

Cari genitori, ecco cosa rischiate a settembre con i vostri figli a scuola

Normale assembramento di bambini a scuola

La situazione diventa sempre più grave, un possibile ritorno del coronavirus è sempre più probabile, come tutti sappiamo, prima dell’arrivo del coronavirus era prevista la peggiore crisi economica degli ultimi 100 anni, né, la crisi attesa non è ancora arrivata, siamo in una falsa ripartenza, per questo motivo il virus potrebbe fare ritorno.

Ma cosa rischiano i genitori degli alunni quest’anno?

Semplicissimo, le regolr da rispettare sono molto severe ancora ora, nonostante il virus in Italia a detta dei medici non ha più forza di attaccare, ma il governo impone ancora mascherine, distanza anche tra bambini, ecc.

Quest’anno si è assistiti al fatto che senza i dovuti vaccini i bambini non potessero andare a scuola, (dovremmo ricordarci che i bambini sono gli essere più sani che possano esistere), eppure quest’anno sarà ancora peggio, se i bambini avranno 37.5 di febbre sarà subito allontanato, chiamata l’ambulanza, e portati via in centri di malattia infettiva, dove verranno effettuati tamponi, con esito dopo 24 ore. In tutto questo voi genitori, non potrete andare a trovare i vostri figli come nessun parente è potuto andare a trovarli nei vari ospedali, potrete solo chiamare l’ospedale e chiedere informazioni. Ovviamente, sarete avvisati dai presidi delle scuole per dirvi che i vostri figli sono stati portati in ospedale con ambulanza.

Ci auguriamo che tutto questo non avvenga, ma purtroppo avverrà, ancor di più che nel periodo post estate inizia il periodo delle influenze, e il governo per non ritrovarsi come quest’anno, aumenterà la rigidità delle regole.

Gravissimo incidente ambientale in Russia

Purtroppo come previsto, il 17 maggio avevamo pubblicato questo articolo, Siamo vicini a una nuova catastrofe ecologica, evidentemente non era poi così sbagliato l’incidente avvenuto oggi in Russia, chissà se purtroppo ne assisteremo ad altri, intanto la Russia h mandato l’allarme per lo stato di emergenza per disastro ambientale, forse sarebbe bene tornare tutti in casa, è far vivere la nostra Terra.

Al nord della Siberia, si trovano le più grandi riserve di gas, petrolio e metalli preziosi, che secondo alcune ricerche, potrebbero interessare molto ad alcuno stati, è provocare un disastro in questi luoghi potrebbe favorire chi vorrebbe mettere piede per primo in questi luoghi incantati e difficilmente esplorati.

È avvenuto la settimana la scorsa, ma per ovvie ragioni, lo sversamento di petrolio in un fiume a 3000 km da Mosca, si tratta di 20.000 tonnellate di gasolio, l’allarme è arrivato solo oggi, dopo che il diesel ha viaggiato nel fiume per 20 km, lasciando i residui tossici e oleosi in un’area di 350 km2, allarme arrivato dopo che il diesel è arrivato in un secondo fiume, ma come ben si sa dalla Russia non arrivano molte notizie.

Potrete approfondire Qui la notizia.

Il flop delle aree ecologiche a Palermo

Area ecologica di Romagnolo

Viviamo nell’era del consumismo e questo si sa bene ormai, ma assieme al consumismo dovrebbero anche aumentare le aree da destinare alle discariche o trovare soluzioni di riciclo reale, è assieme a queste dovrebbero anche aumentare i servizi di raccolta, altrimenti il rischio colera può essere dietro l’angolo.

Oltretutto a Palermo soprattutto, ma non solo a Palermo, ci sono ormai le zone di “serie A” e le zone di “serie B”, basta andare nella Palermo bene, frequentata da gente prevalentemente colta per ritrovarsi con un servizio di raccolta rifiuti da parte di AMIA, pressoché impeccabile. Dove i rifiuti vengono raccolti prevalentemente a fine giornata, senza creare inutili code di traffico nelle peggiori ore del giorno. Qui viene fatta anche una selezione tra i rifiuti, con altrettanta differenziazione, evitando così i cattivi odori che assumono una volta mischiati, la raccolta differenziata ricordiamo anche che in periferia si è provato a farla, ma tutto è rimasto bloccato, seppur, si tratti solamente di differenziare nella raccolta, ma realmente questa non viene riciclata per niente, anzi, bisogna ringraziare la gente che raccoglie cartone e metalli vari dai rifiuti, e ciò nonostante sono anche a rischio sanzioni.

Oggi pero però ci sarebbe da dire, che se da un lato il comune di Palermo ha provato a creare delle ottime e attrezzate aree ecologiche per i rifiuti ingombranti, e stanno anche aumentando in città, queste purtroppo non funzionano a dovere. Come nel caso dell’area ecologica di Romagnolo. Qui molto spesso i cittadini lamantano il fatto che le aree molto spesso non prendono i rifiuti che la gente porta, creando non pochi problemi ai cittadini e spesso alla città.

Oggi per esempio uno dei tanti cittadini di Palermo, dopo essersi recato sul posto, gli è stato impedito di acaricare un divano, alle 17:20, perché non facevano servizio, uno dei dipendenti ha espresso (malamente) che il centro adesso fosse aperto solo la mattina.

Immaginate quanta gente porta un rifiuto ingombrante e non avendo spazio da nessuna parte, o per via del lavoro, si ritrova costretta a non poterla riportare, oltretutto, anche i traslocatori che effettuano questi lavori, troppo spesso si ritrovano bloccati, con rifiuti nei furgoni, o con lavori che non possono effettuare perché si ritrovano i furgoni pieni. Quanti scaricheranno poi per strada accanto ai contenitori? È colpa del cittadino? O per una volta è l’AMIA che non sa offrire questo servizio?

Tra l’altro oggi è stata fatta la negativa, sostenendo che lo spiazzale nel pomeriggio fosse soltanto a disposizione dei dipendenti della Rap. E in nessun modo è stato consentito di scaricare il divano.

Quel che è peggio, è che i cassonetti di tutta la zona, si trovano nelle condizioni come nella foto sotto, da premettere che i contenitori della foto distano dall’area ecologica 300 metri.

Discarica all’aperto a 250 mtb dall’area ecologica

Per cui ci ritroviamo i cassonetti pieni di rifiuti pericolosi come nella foto scattata oggi subito dopo il problema nell’area ecologica, i dipendenti dell’area che dirigono soltanto il traffico e rifiutano qualsiasi deposito aumentando poi il lavoro dei colleghi della Rap, oltre la situazione indecorosa che ai viene a creare, oltretutto è uno spreco, poiché spesso bisogna intervenire con le ruspe per togliere i rifiuti, oltre che capita qualcuno che ingenuamente li brucia, non pensando quanto sia tossica l’aria che respirano anche loro dopo.

Sperando che l’articolo arrivi a chi di competenza augurandoci che l’AMIA possa svolgere il suo lavoro senza creare problemi a catena.

Fate girare intanto, affinché questo degrado posso finire.

Ombra sulle attese di esito dei tamponi

Oggi l’Italia è arrivata a quota 4.014.451 di tamponi effettuati, con un primato da secondo posto nel mondo per numero di tamponi effettuati in percentuale alla popolazione.

Ma al di là del confronto con gli altri paesi, al di là che il capo reparto della terapia intensiva di Milano, dottor Zangrillo, che si è opposto alle dicerie dei media, è stato apertamente minacciato di fare silenzio su questa situazione, gli è stato obbligato di far rispettare le regole, non di continuare a dire che clinicamente il virus non esiste più come sta continuando a fare.

Adesso però si è aperto un dubbio sulle attese dei tamponi effettuati.

Questi 4.014.451 dove hanno atteso l’esito di 24 ore? In ospedale non è possibile perché nemmeno in tempi di pace ci sono posti liberi, clinicamente non sapendo se si è positivi non danno l’ordine di reatare in casa e di prendere tutte le precauzioni possibili, in quanto le precauzioni sono date solo se sussiste il problema.

Ma quindi quante persone hanno potuto “contagiare” le persone in attesa di esito?

Arrestato questa mattina Nicola Franzoni, manifestante italiano anti-Europa

Le rivolte stanno crescendo un po in tutto il mondo, i motivi principalmente sono gli stessi, perché ad oggi non esistono più dei governi per ogni nazione, ma è se ci fosse un governo per tutto il mondo, un governo globalizzato, ed è proprio la globalizzazione che sta distruggendo il mondo, seppur da un lato il mondo ha bisogno della globalizzazione, da un lato ne è anche la rovina delle nazioni.

La scorsa settimana hanno avuto inizio in Italia grosse manifestazioni, erano già scontate visti i numerosi decreti anti costituzionali e repressivi, per questo motivo il popolo italiano sembra essersi svegliato, con numerose altre date per le manifestazioni, che si susseguiranno quasi giornalmente fino al 18 giugno, giorno in cui il Presidente Conte, firmerà il tanto odiato Mes, per lui non sarà una firma, per il popolo sarà una condanna che non vuole, per questo motivo si temono grosse rivolte che potrebbero scaturire in guerriglie urbane.

Questa mattina è toccato a Nicola Franzoni, attivista anti-Europeo italiano, che già nella scorsa manifestazione aveva fatto parlare di sé, è stato prelevato questa mattina nell’alb dove risiedeva, in attesa delle prossime manifestazioni. A dare la notizia i suoi compagni, anche se al momento non si sa nemmeno in quale commissariato sia, ma è certo tramite chiamata dei compagni, che un’avvocato si sta già mettendo alla ricerca, per sapere in quale commissariato si trovi al momento.

Non si sa al momento se verrà solo verbalizzato o se verrà arrestato, è sicuro però che è un’elemento di spicco che nuoce alle forze dell’ordine, soprattutto in questo periodo.

Probabilmente il suo massimo errore come riporta il video qui sotto, è stata l’azione commessa sabato sera dopo la manifestazione pacifica seppur dagli animi molto mossi, avrebbe urinato davanti il portone della presidenza del consiglio dei ministri a Roma, seppur la polizia avrebbe però avuto largo anticipo per poterlo rintracciare prima, hanno atteso probabilmente per dare alla manifestazione di domani un’uomo in meno, perché comunque questi atti non possono essere reclusi con arresti ma al massimo con verbali.

Il video di Nicola nelle mani felle Iene

Un vero peccato è stata l’azione commessa, che seppur il presidente, non votato dagli italiani, come gli altri prima di lui, e seppur non abbia intrapreso un’azione corretta durante questa “epidemia” di influenza stagionale di tipo aggressivo, non sarebbe comunque corretto per gli edifici storici e in piena città commettere queste azioni. I compagni sperano che lui possa uscire presto, ma è probabile che gli venga assegnato l’allontanamento dalla città di Roma.

Di notte a chiudere locali e di giorno a spacciare cocaina, ispettore di municipale arrestato

Questo articolo rappresenta forse a pieno l’Italia in cui viviamo, come in questo caso, un’ispettore di municipale beccato a Catania che spacciava cocaina a bordo della sua Porsche come scritto in questo articolo (Ispettore di Municipale spaccia cocaina), mentre di giorno magari fa il finto legale, chiudendo attività per assembramento come successo per esempio ieri a Palermo (Chiusi 4 locali a Palermo per assembramento).

Come può funzionare un paese se “il pesce fete dalla testa?”

Quanto accaduto ieri sera a Palermo lascia intendere soltanto una cosa, che le istituzioni non hanno intenzione di limitare il virus che in Sicilia oltre a non aver mai avuto grande forza, adesso si è proprio estinto, sono rimasti contagiati solo alcune persone che lo avevano preso prima, e adesso sono comunque in casa.

Se veramente volessero arginare il virus non sarebbe più logico bloccare anche gli arrivi dall’Europa visto che nelle ultime due settimane il virus lo abbiamo solo importato?

Coronavirus, scontro tra media e medici

Sul coronavirus è scontro tra medici e media, chi non ha competenze sanitarie come i media, alimenta la paura da covid-19, mentre i medici da oltre un mese tranquillizzano i cittadini.

In questi ultimi giorni, tantissimi medici stanno dicendo a gran voce che il virus per quest’anno non c’è più o quasi, o che sta comunque calando la sua forza, oggi è il turno di di Zangrillo, il primario del San Raffaele di Milano, direttore delle sale di terapia intensiva, che ha dichiarato apertamente che il Coronavirus a livello clinico non esiste più, ovvie sono state le opposizioni dei media di qualche medico.

Forse il suo più grande errore è stato in diretta su Rai 3 do e ha espresso quanto detto detto nel video sotto.

Zangrillo a Rai 3

Sicilia, addio al coronavirus, pronti per il mare

Nelle ultime 24 ore in Sicilia sono stati fatti 1183 tamponi che hanno trovato esisto di un solo contagiato. Ciò significa che se i vecchi contagiati in isolamento domiciliare, rispettano le regole di rimanere in casa (ma anche le persone che gli stanno vicino), e questi ammontano a 914 domiciliati in casa, ciò significa che nessuno o quasi nessuno potrà essere contagiato.

Seppur grazie alle norme strane che l’Italia adotta, è probabile prendere ancora questo virus da chiunque arrivi in Sicilia senza obbligo di quarantena, cioè da qualsiasi europeo.

In tutto questo i decessi si arreatano anche ad uno, questo è un’altro segnale molto positivo, riuscendo a sottrarre anche altre 13 persone dal numero dei contagiati.

In Sicilia si potrebbe andare al mare senza alcun problema, seppur rimangono in vigore regole che sembrano più mirate a limitare la libertà che a contenere il virus.

Movimento gilet arancioni in Italia, rappresentato da Antonio Pappalardo

Antonio Pappalardo originariamente è un generale dell’arma dei carabinieri del 2° reggimento, laureato in giurisprudenza, nato il 25 maggio 1946 a Palermo.

Pappalardo durante gli anni nell’arma dei carabinieri, ha ovviamente conosciuto diversi sotterfugi italiani, carica mantenuta dal 1964 al 2006.

In seguito dopo essere andato in pensione si è letteralmente messo in politica, fondando diversi movimenti e mezzi partiti, mai realmente funzionali, è stato un deputato dell’XI legislatura e sottosegretario alle finanze del governo Ciampi.

Ha fatto parte dei seguenti gruppi politici, come fondatore per alcuni e come partecipante per altri:

  • PSDI
  • Movimento solidarietà democratica
  • Patto per l’Italia
  • Lega d’Azione Meridionale
  • Biancofiore
  • Partito dei Socialdemocratici
  • Movimento Liberazione Italia
  • Movimento Gilet Arancioni dal 2019 in poi

Come ben si può intuire fino ad ora Pappalardo non è uno del popolo, ma è una persona con le mani in pasta, che intanto percepisce una grossa pensione per il grado raggiunto nell’arma dei carabinieri, una grossa pensione per essere stato deputato anche se per breve periodo, e un’altra grossa pensione per essere stato sottosegretario nel governo Ciampi.

Diversi sono stati i tentativi di inserimento nella politica come sindaco o altre mansioni, ma il massimo che ha ricevuto è stato lo 0.13% di voti, da li il trasferimento in Tunisia, dove spostò anche la sua residenza, che come tutti sappiamo per noi italiani è una sorta di paradiso fiscale, visti i bassi costi delle tassazioni e la vicinanza comunque all’Italia.

Nel 1992 ricevette un avviso di garanzia dal comandante generale dei carabinieri Antonio Viesti. La motivazione sarebbe stata che avrebbe fatto battaglia per non far eleggere i comandanti generali dell’Arma dei Carabinieri dai partiti. Per questo reato fu condannato a 8 mesi di arresti, che furono scontati a 5 e in seguito azzerati perché secondo il giudice il fatto non costituiva reato.

Protestò anche contro l’aumento degli stipendi dei carabinieri. Tra le tante mansioni adottate, fu anche capo dei forconi, movimento nato in Sicilia contro le importazioni inutili, ma per ben 2 volte il movimento provò a cambiare le sorti, riuscì anche ad attirare allora un gran numero di persone, peccato che in entrambi i tentativi, tutto sfumò quando lo stato diede cifre per un totale di 200.000 euro divisi tra i capi gruppo, per smettere le proteste (soldi dati in teoria per alleviare i problemi per il quale lottavano, ma tutte queste proteste sfociano così, o si ottiene quel che si chiede, o si ottengono soldi per smettere di protestare). Infatti in Sicilia con i forconi non cambiò nulla, ma il movimento finì con un pugno di mosche in mano.

Per tutte queste mansioni, non sembrano affatto chiari gli ideali di Antonio Pappalardo, seppur riesca sempre ad attrarre un gran numero di compagni, è nonostante sia sempre pronto a cambiare bandiera per fare battaglia al governo.

Per il 30 maggio 2020 era prevista in Italia la prima manifestazione per protestare contro il governo attuale e all’occasione contro tutti i dissensi venuti negli ultimi 30 anni di politica italiana, lui scese in piazza con il suo gruppo movimento gilet arancioni, occupaando la piazza del Duomo a Milano, e riuscendo a portare in piazza un gran numero di manifestanti. La prossima manifestazione è prevista per il 2 giugno, dove anche il suo gruppo parteciperà.

Potrete leggere qualche altra informazione qui Chi è Antonio Pappalardo, dove all’interno trovate anche un video che stanno cercando di eliminare da tutte le memorie.

Continuano le proteste a Roma e in tutta Italia

Ecco una delle dirette live da Facebook

Il popolo è stanco di promesse non mantenute dal governo, è probabile che la situazione possa sfuggire dal controllo delle forze dell’ordine, che quasi vorrebbero unirsi al corteo, che sembrerebbe piccolo, ma in realtà è diviso in tanti piccoli gruppi, che cercano di accedere alla piazza del parlamento.

Quello che il popolo chiede è soltanto che venga rispettata la costituzione italiana, calpestata da oltre 20 anni, con politici non eletti dal popolo. È probabile che si scenda a compromessi in questi giorni, o che il governo si dimetta, il problema sarebbe chi prenderà il posto del governo Conte?

In Italia, realmente non esiste un partito che difende il popolo italiano, ne che sia di destra che sia di sinistra, orientamenti politici scomparsi da oltre 10 anni, perché l’unica cosa che cambia, è su quale lato del parlamento si siedono, ma le ideologie non cambiano. Abbiamo avuto tutti i partiti o quasi tutti al governo, e nessuno ha mai mantenuto le promesse.

Andrebbe anche ricordato, che proprio in questo periodo la Germania sta pensando ad uscire dall’Europa, in Italia esistono già diversi gruppi anti Europa, che ha visto l’Italia andare sempre più indietro, ci è stato imposto di non produrre più dai nostri terreni, di diminuire la pesca, stiamo svendendo il paese all’Europa, e questo i manifestanti stanno dimostrando oggi che non avverrà.

Adesso si teme anche che possano nascere scontri, poiché le forze dell’ordine non favoriscono la libera manifestazione di pensiero dei manifestanti, e molti italiani sono già sui treni e sui pullman verso Roma, ormai è questione di ore e a Roma ci sarà il caos, potrebbe esserci bisogno dell’intervento dei militari, ma per difendere chi? Il popolo o il governo?

Ovviamente loro sono pagati per difendere il governo, anche se sono consapevoli che l’intero sistema è marcio, ma non possono purtroppo schierarsi col popolo, vorrebbero, ma non possono. Anzi, se ai manifestanti va dato un grande merito, che è quello di tenere la calma e non aggredire la polizia, questa purtroppo questa mattina ha uscito la sua natura repressiva, schiacciando un gruppo di manifestanti disarmati e assolutamente pacifici, in queste ore, l’aggressione di una delle due parti può portare a gravi conseguenze.

Purtroppo il problema maggiore in Italia è che l’intero sistema è corrotto, moltissimi per intascare 10.000 euro affossano un paese intero, e la magistr non fa il suo lavoro, anzi. Lo ha già dimostrato con Silvio Berlusconi per esempio, che nonostante la miriade di illeciti se l’è cavata con qualche settimana di domiciliari nella sua Villa.

Quel che è peggio, è vedere la guardia di finanza, che invece di svolgere il suo lavoro di controllo sui giri illeciti di denaro, si ritrova a fare controlli per le mascherine e a bloccare i manifestanti davanti il parlamento. Questa è una vera follia, dimostra quanto il governo di incapaci stia mettendo qualsiasi forma di polizia contro il popolo. E questo non va bene, le polizie devono difendere i popoli, non i corrotti, il loro governo ha liberato mafiosi che negli anni passati hanno fatto strage dei loro stessi colleghi. Questo dimostra quanto al governo non gliene freghi nulla della polizia, trattata come guardia del corpo, piuttosto che come guardia nazionale.

Autorizzazione per manifestare, democrazia o dittatura?

In un paese “democratico”, bisogna chiedere l’autorizzazione per manifestare, e bisogna anche chiederla almeno una settimana prima, talvolta anche un mese prima, è una decisione da paese democratico?

Se il popolo vuole manifestare contro una legge, contro un governo (non eletto dal popolo da oltre 20 anni), come può chiedere l’autorizzazione quando la legge dice che siamo liberi di manifestare?

Sembra che non siamo affatto liberi di manifestare, se la costituzione è stata calpestata in questi mesi, privandoci della nostra libertà, questa continua a essere calpestata nel momento che le forze dell’ordine bloccano dei manifestanti.

Eppure L’articolo 21 della costituzione parla chiaro:

Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione.

La stampa non può essere soggetta ad autorizzazioni o censure.

Si può procedere a sequestro soltanto per atto motivato dell’autorità giudiziaria [cfr. art.111 c.1] nel caso di delitti, per i quali la legge sulla stampa espressamente lo autorizzi, o nel caso di violazione delle norme che la legge stessa prescriva per l’indicazione dei responsabili.

In tali casi, quando vi sia assoluta urgenza e non sia possibile il tempestivo intervento dell’autorità giudiziaria, il sequestro della stampa periodica può essere eseguito da ufficiali di polizia giudiziaria, che devono immediatamente, e non mai oltre ventiquattro ore, fare denunzia all’autorità giudiziaria. Se questa non lo convalida nelle ventiquattro ore successive, il sequestro s’intende revocato e privo d’ogni effetto.

La legge può stabilire, con norme di carattere generale, che siano resi noti i mezzi di finanziamento della stampa periodica.

Sono vietate le pubblicazioni a stampa, gli spettacoli e tutte le altre manifestazioni contrarie al buon costume. La legge stabilisce provvedimenti adeguati a prevenire e a reprimere le violazioni.

L’italia si sveglia protestando, manifestazioni in tutta Italia, ecco Palermo

Diretta da Palermo

In tutta Italia durante la quarantena sono state programmate delle manifestazioni con vari gruppi ideologici che stanno riuscendo ad andare d’accordo nel manifestare contro un governo di incapaci, che non ha saputo gestire in nessun modo “l’epidemia”, anzi l’ha alimentata.

Un governo capace solo a fare multe a qualsiasi forma di essere vivente, probabilmente per mantenere soltanto gli stipendi di una classe politica che ha saputo bloccare il lavoro dei cittadini, ma non è stata capace a sottrarsi un centesimo dai propri stipendi. L’attuale governo, con a capo il presidente Conte, degnissima persona, probabilmente il più umile e competente degli ultimi anni. Ma purtroppo ormai si sa, che essendo la classe politica in generale contro il popolo, e una classe politica che pensa solo al proprio tornaconto, non può che creare problemi anche a quei pochi che potrebbero governare degnamente.

L’italia ha bisogno di ripartire, l’Italia ha bisogno di tornare a valere in Europa senza essere trattata come l’ultimo “chiodo della carrozza”, l’Italia ha bisogno di azioni concrete. L’italia non ha bisogno di una politica che sanziona i cittadini perché camminando da soli non mettono la mascherina, o perché se vanno in spiaggia rischiano di infettare o essere infettati, questo termine deve sparire da tante bocche, che lo usano come se noi popolo fossimo gli “infetti” dalla malaria, dalla lebbra o da chissà quale malattia, dimenticando che questo è soltanto un virus influenzale di tipo aggressivo, che ogni anno provoca in Italia circa 10.000 morti. Che mettendo paura con i verbali, aumentando lo stress senza lavoro, respirando solo anidride carbonica con le mascherine che impongono, è normale diventare deboli a livello immunitario.

Molti hanno dimenticato che la democrazia italiana ha adottato regole da dittatura dragoniana, regole spietate contro il popolo. Oggi però il popolo è diviso in due, molti ancora credono nell’uso delle mascherine, molti ancora credono che il governo abbia agito bene, ma in realtà nulla è stato fatto bene.

Per tutti questi motivi e tanti altri, oggi il popolo si sta ribellando, e i numeri delle affluenze saranno destinati ad aumentare, perché se oggi è stata una dimostrazione, un punto di partenza, domani tanti altri vedranno che la gente sta facendo i fatti, e si unirà.

– Questa per esempio è La diretta da Roma

– Questa è la Diretta da Palermo

Questa la Diretta di un grande attivista italiano, del famoso gruppo Catena umana attorno al Parlamento

QuestabLa diretta della manifestazione a oltranza

Il governo non ha saputo respingere il coronavirus, allo stesso motivo potrebbe alimentarne la circolazione

Sembra chiaro per molti cittadini che le misure prese dal governo italiano, non siano state all’altezza di sospendere realmente la circolazione con qualsiasi paese potesse portare il virus in Italia. Infatti, l’Italia ha prontamente sospeso i viaggi di ritorno dalla Cina, ma non dai restanti paesi del mondo, era infatti possibile tornare dalla Cina prendendo voli non diretti, anzi, bisogna ringraziare la Cina che realmente ha sigillato la città di Wuhan escludendo qualsiasi forma di contatto con l’esterno. Infatti, i primi contagi in Italia, non sono arrivati dalla Cina.

Bene, oggi sta avvenendo di nuovo qualcosa di molto simili della seconda metà di gennaio.

Anzitutto il governo italiano, ha dato il consenso a poter venire dall’Europa verso l’Italia, senza bisogno di fare quarantena, una vera follia. Ma quel che è peggio, che nonostante il governo dovrebbe risarcire interamente le famiglie dei deceduti per esempio della Sicilia, che a gran voce chiedeva durante l’epidemia, di chiudere totalmente il porto di Messina, soluzione mai intrapresa, anzi, è stato denunciato e querelato il sindaco di Messina, il famoso ormai Cateno De Luca, stimato dall’intera regione, che per primo e con la sua presenza, si è opposto agli sbarchi verso la Sicilia, specie quelli non motivati. Sbarchi che comunque hanno portato alla fine ad una piccola epidemia anche in Sicilia, con 250 decessi circa.

Oggi ci sono regioni, come la Sicilia e come la Sardegna, che chiedono per i nuovi arrivati un tesserino sanitario, che sembrerebbe la soluzione più logica, del resto che senso ha avere fatti tutti i “controlli” per arrivare e non registrarli da nessuna parte?

Il governo italiano ha assolutamente proibito l’uso di questi tesserini. Nel mentre però la Sardegna non accetta nessun nuovo arrivo all’interno della sua regione se non muniti di tesserino sanitario, come Dice lo stesso governatore sardo in questo articolo

Dal primo luglio il fisco dichiara guerra ai contanti

Il fisco dal primo di luglio sarà pronto a controllare ogni “centesimo” di euro che girerà nelle tasche degli italiani, tutto molto prevedibile, se si considera che da anni si vuole togliere il contante e lasciare spazio soltanto alle carte di credito.

Il fisco adesso sta limitando l’uso di soldi contanti, in modo che qualsiasi pagamento dovrà passare dalle banche, in modo che questi potranno controllare a fondo ogni singolo pagamento.

Sono previste sanzioni da 3 mila a 50 mila euro per chi non adempirà alle regole del nuovo decreto fiscale. Una vera follia che piano piano sta prendendo forma, e che da anni sembra prendere forma, ma adesso sembra essere arrivata al punto di approvazione.

Il limite per l’utilizzo di contante, per non andare incontro alle sanzioni sopra citate, sarà di 2 mila euro al momento, ma è certo che questa soglia continuerà a scendere nei prossimi anni. Il fisco fa sapere che sono probabili anche controlli antecedenti alla data di cui sopra.

Questo in teoria serve ad evitare che vengano finanziate attività illecite, ma nella realtà, le attività criminali troveranno sempre un rimedio per le proprie attività, ma saranno i comuni cittadini a pagarne le reali conseguenze, per ovvie ragioni.

Minneapolis in ginocchio, le rivolte incendiano anche il commissariato

Dopo la morte di George Floyd, la gente sta protestando duramente contro i commissariati di polizia, a Minnepolis per esempio la scorsa notte hanno appiccato le fiamme al commissariato, mettendo in fuga i poliziotti del loro interno

Continua a leggere

Serie A, si riparte

Ufficialmente il 20 giugno ripartirà la serie A, per finire a settembre circa, non si sa ancora se per quest’anno i giocatori non faranno lo stop estivo.

Una cosa però è certa, molte squadre hanno perso milioni di euro, è alcune sono infatti in gravi condizioni economiche per ripartire.

La prima partita da giocare sarà Juventus-Milan, il 13 giugno alle 20-45, seguiranno Napoli-Inter il giorno dopo,

Per ulteriori info potete vedere qui Partite di serie a post coronavirus

Guarda “Lucio Battisti – Che vita ha fatto” su YouTube

Lucio Battisti

Un brano delicato, magistralmente scritto da Panella, con le musiche, innovative, del grande Lucio, dedicato ad una delle donne più belle e famose del xx secolo, Marylin Monroe, una donna che tanto ha amato i suoi amanti, senza che uno di essi, la riamasse.

Una vita sbagliata, la sua, finita tragicamente,in una camera d’albergo. La sua morte, avvelenata dai farmaci!!!, resta ancor oggi uno dei misteri piu irrisolti del secolo scorso. Come cita il brano “che vita ha fatto, se torna a nascere. Lei mi amo’, tu l’amasti io no, I verbi non coincidono. Già…. Buon ascolto amici

Tutti abbiamo avuto il coronavirus, ecco perché

Stando ai dati certi delle statistiche sui tamponi effettuati in Italia, si può fare una stima di quante persone abbiano preso il coronavirus, per semplicità faremo la stima a livello nazionale, anche se si può facilmente scendere nelle varie regioni.

Attenzione però, possiamo solo affidarci ai risultati reali dei tamponi, perché come ben si può immaginare, oltre i 231.584 casi positivi al tampone in Italia, ci sarebbero tantissimi casi al quale non è mai stato fatto il tampone e tantissimi non hanno avuto notevoli sintomi da dover andare in un’ospedale ad effettuare il tampone.

Se consideriamo adesso i dati certi, in Italia siamo 60 milioni di abitanti, che diviso 231.584 positivi, abbiamo 259 infetti per abitante. Ovviamente non si può fare una stima di quanti hanno avuto sintomi e hanno chiesto un tampone al quale non è mai stato fatto, o quanti hanno avuto pochi sintomi e non hanno mai chiesto un tampone, ma se facendo un’ipotesi molto probabile, ci fossero ulteriori 50.000 positivi, la media scenderebbe ulteriormente a quota 213 per abitante.

Adesso restando ai 259 casi per abitante certi, quanti di voi credono di non essere andati in contatto con un infetto? Tutti noi possiamo dire di avere almeno un’amico, o un parente che ha preso il coronavirus, nelle lunghe file ai supermercati, ai tabacchini, non pensate che siete entrati in contatto almeno con un’infetto? O non pensate che avete toccato almeno un’oggetto infetto?

Be sicuramente siete entrati in contatto con il virus, ma, avete sviluppato le difese immunitarie che vi hanno resi immuni, o comunque i vostri batteri vi hanno difeso dal virus. Del resto, come si fa a non prendere un virus? Mica lo vedete

Anche il presidente dei virologi italiani, contrario alle mascherine

Il presidente della società virologia italiana, Arnaldo Caruso, è contrario all’uso di mascherine, sanificazioni e distanziamento sociale.

La motivazione è che il virus ha diminuito notevolmente la sua forza, e i non ci sono più tutti quei contagi che potrebbero far esplodere nuove epidemie, almeno per l’estate. Nei tamponi non risulta più grande quantità di virus, come ben sappiamo, i tamponi reagiscono ad un colorante per sapere se sono positivi o meno ad un virus, e il colore che esce fuori non è più aggressivo come nei mesi passati.

Adesso si attende una possibile ricaduta estiva ma in forma molto lieve, o una ricaduta post-estate del quale non si potrà sapere se sarà più o meno aggressiva di quest’anno.

Gli ospedali però adesso sono pronti per una nuova ondata avrebbe detto il presidente dei virologi italiano, i posti in terapia intensiva prima erano 5.179 adesso con i vari stanziamenti economici diventeranno 11.091, più del doppio rispetto a quelli che abbiamo avuto finora, e in più si aggiungono altri 2.112 posti di preterapia intensiva.

Il virologo sostiene giustamente che il virus è stato si molto aggressivo, ma i tagli alla sanità, anche di personale, oltre che di attrezzature mediche, ha dato i suoi frutti purtroppo, e prima o poi questo disagio sarebbe arrivato, per questo motivo si sta lavorando per risanare qualcosa che negli ultimi 30 anni ha sempre avuto dei tagli.

La verità sul bonus bici

Purtroppo è una dura verità, ma abbiamo il dovere di diffondere il vero, è non il falso come molti amano fare pur di ricevere qualche visualizzazione nei propri articoli.

Da oltre un mese, si parla di un bonus del 60% fino a 500 euro, se acquistate una bicicletta, che poi si parla di bonus se acquistate una bicicletta o monopattino elettrico, e tra l’altro solo se rottamate un mezzo inquinante.

Tra l’altro in questa proposta, non si è mai parlato di biciclette normali, come se quelle non fossero pure ecologiche, che se proprio vogliamo dirla sono 100 volte più ecologiche di quelle elettriche. E sai perché? Semplice perché le batterie contengono piombo o litio, oltre che plastica e altri contatti tossici, e qualcuno deve pure produrli, in Nigeria producono moltissimi di questi pezzi, e infatti è il paese più inquinato del mondo.

Adesso svegliatevi, leggete sempre fesserie e ci credete come fossero la pura realtà, il governo ha bisogno di fare cassa, le tasse che paghiamo equivalgono alla metà del prezzo di qualunque bene, è facile per cui ritornare 500 euro se ne spendete 1000, come è anche facile spenderne 2-3000 per una bici elettrica per 500 euro di sconto.

Di fatto, non esiste alcun decreto ne alcuna legge, che garantisce questo bonus, è una proposta, ma nulla di certo. Tra l’altro, vi dicono acquistate dal 4 maggio che vi daremo lo sconto, ma se voi acquistate senza rottamare un mezzo inquinante, nessuno vi darà nulla.

È soltanto una proposta per lo stato incassare qualche miliardo di euro e fare girare un po l’economia, nascondendosi dietro un’argomento di notevole interesse, ma stai tranquillo, è solo per farti spendere ciò che hai, un vero rastrellamento.

Adesso smetti di cercare altri bonus bici, quando arriverà la manna dal cielo la vedrai senza neppure cercarla, è smetti di credere alle favole! Che in 4 mesi di favole te ne hanno dette tante.

Investire in borsa? Le crisi sono il momento migliore per iniziare

Quante volte avrai sentito parlare di trading? Tante volte immagino, basta che lo hai cercato una volta che presto vieni tempestato di pubblicità su Internet, Youtube, Facebook ecc, e ti capisco, finisci certe volte per odiarlo direttamente. Come ti capisco, è esattamente ciò che capitava spesso anche a me prima di iniziare, cercavo su internet come fare, e arrivavano chiamate da varie piattaforme per propormi la loro piattaforma, e sinceramente, se qualcuno deve mettermi premura per investire i miei soldi, che ho sudato lavorando, e dovrei investirli in qualcosa che non ho mai provato, mi scoccia.

Tra l’altro, se ti è mai passato per la testa di investire significa che vuoi crescere, e il dubbio che potresti perdere tutto, ti blocca, ti capisco bene. Ma ti aiuto a riflettere su alcune cose fondamentali, lasciandoti libero di decidere se vorrai iniziare o meno.

Anzitutto non credere assolutamente a chi ti dice che guadagni ciecamente, o la classica pubblicità investi 200 euro in azioni Amazon che diventano 2000 euro, e ancor più, se vuoi fare forex, quindi comprare e vendere valute, soprattutto se vuoi comprare monete virtuali, dovresti proprio sapere su queste ultime, che anche se hai visto tabulati dove chi ha investito in bitcoin 10 euro gli sono diventati 100.000, be devi crederci a metà.

(Ti parlo brevemente di quest’ultimo investimento, per tornare al trading).

Il mercato delle monete virtuali è il mercato più volatile che esiste, volatile significa che oggi parte con un valore di 1 euro arriva a 1000 e ricade anche a 1 centesimo, quindi devi essere proprio fortunato a ricavare qualcosa, o prevedere il futuro, ma sappi che i più famosi investitori stanno alla larga da questo mercato, se non per “buttargli” qualche migliaio di euro che hanno veramente in più. Ma attenzione, se investi 10 euro per esempio, e questi diventano il doppio, o anche 10 volte di più, cosa faresti? Li lasceresti? Non penso proprio. Quindi dimentica che potrebbero diventare milioni, oltretutto, sono monete virtuali, non esistono, sono apparse dal nulla, e possono sempre sparire. Chi lo sa poi se una nuova criptovaluta possa rifare il percorso del bitcoin.

Per darti un’idea del bitcoin per esempio, partendo dal 2016 circa, è salito e sceso continuamente.

Torniamo al trading, un mercato reale, dove puoi investire in qualunque società realmente esistente, non in società di fantascienza.

Hai sentito per esempio in questi giorni il petrolio che è arrivato a meno 35 dollari al barile? È stato effetto della crisi ovviamente.

Prezzo dell’oro in un’anno

Hai sentito l’oro com’è salito? Da 34 euro è arrivato a toccare quota 50 euro.

Prezzo dell’oro dal 1999 a oggi

Ovviamente non essendoci dentro, non hai sentito per esempio di quanto sono crollate le azioni delle compagnie aeree per esempio, eppure dovranno ripartire no?

Così come il petrolio, salirà sicuramente prima o poi, dopo la crisi epidemiologica, alla riapertura, vedi in Italia per esempio, siamo stati chiusi e nessuno ha fatto carburante, ma adesso ripartendo lo stiamo iniziando a fare, quindi, tornerà a salire perché tornerà ad essere consumato.

Bene, a questo punto dovresti già intendere quanto sia potuto crollare il mercato di molte azioni, azioni che prima dell’epidemia stavano a 100 euro, oggi sono scese a 30 euro per esempio, non pensi che acquistandole in questi casi in breve tempo avrai racimolato un bel guadagno? Del resto se metti i tuoi soldi alla posta quanto fruttano? L’1% all’anno? Metti 100 diventano 101, metti 1000 e diventano 1.010 euro, nemmeno per farlo.

Come vedi dai grafici, quando ci sono queste crisi, qualcosa si smuove sempre nel mercato azionario, sia in positivo che in negativo. Se cresce in positivo meglio per te se avevi già comprato, se crolla meglio per te, appena arriva al fondo circa, sarà il momento giusto per comprare.

Adesso ti allego il link qui sotto, per darti alcune informazioni, le più importanti riguardo La migliore piattaforma per iniziare a fare trading con 1 euro, che molti trascurano, non sapendo invece che è l’argomento più importante di tutto.

La migliore piattaforma per iniziare a fare trading con 1 euro

Vorresti investire in azioni ma non sai da dove iniziare? Come ti capisco, per fortuna ci sono io, che al contrario di tanti, sono qui per darti consigli utili, e cercando di essere più breve possibile.

Molti ti consigliano di fare trading, è normale. È normale perché è una possibilità di guadagno extra, che se ci sai fare, potrebbe anche diventare il tuo unico lavoro, come lo è per Warren Buffett, se non sai chi sia, ti consiglio di guardare il link sopra.

Al di la di questo, per investire nel trading (comprare azioni di società reali, finanziarle, talvolta, capitano società come Amazon che guadagnano tantissimi soldi, ma vorrebbero ampliare e hanno bisogno di ulteriori liquidità, e se tu gli “presti” soldi, loro te li ritornano con gli interessi, se riescono a sfruttarli bene, e del resto, se investi in società come Amazon, credi che mandino all’aria tutto?), bisogna cercare la piattaforma ideale per iniziare.

Una volta spinto dalla pubblicità, ho scaricato Plus500, interessante come demo, puoi provare con 50.000 euro virtuali, ma all’atto pratico con soldi reali, l’importo minimo per investire e per prelevare, per uno che vuole soltanto provare, è alto.

Un’altra volta ho voluto scaricare etoro, per carità, un’ottima piattaforma, la più pubblicizzata, la più usata, ma da professionisti, è sinceramente da principiante, mettere 250 euro minimo, ogni volta che vuoi caricare il conto, non sono mica noccioline, seppur, più investi più guadagni.

Poi però c’è una piattaforma, poco conosciuta, ma a mio avviso la migliore per iniziare, Revolut. Che dirti, è il conto che uso io ancora, nonostante credo di non essere più un principiante.

I vantaggi di Revolut sai quali sono soprattutto? Che puoi investire anche 1 euro, ovviamente il mio consiglio se vuoi iniziare, è provare magari con 10 euro, seppur siano pochi, non rischi molto se li perdi, ma puoi farti un’idea su come continuare ad investire.

E visto che nessuno me lo aveva detto prima, voglio anche darti un piccolo consiglio in più, devi saperlo. Su Revolut puoi acquistare solo azioni americane, ma poco importa se non siano europee o italiane, ricordati però che le migliori azioni del mondo, sono americane. Trovi anche Amazon per esempio, o comunque anche qualche azione cinese, o azioni legate al mercato europeo.

Devi inoltre sapere una cosa, su Revolut ci sono 3 tipi di abbonamenti, uno standard, totalmente gratis, paghi soltanto dopo le prime operazioni di acquisto o vendita azioni, (ti consiglio questo standard per provare), poi c’è il contro Premium, gratis per le prime 8, o metal con azioni gratuite illumitate. Premium costa comunque 8 euro al mese, mentre il conto metal 14.

Inoltre puoi investire sia in oro che in criptovalute, ma puoi anche fare forex, cioè provare a guadagnare col cambio valute, ma te lo consiglio dopo che avrai imparato un po a fare trading.

A questo punto dovrai soltanto mettere i tuoi fondi nelle società che più ti convincono, non puntare a caso, cercale in internet se è il caso, per sapere la loro storia per esempio, o studia il loro andamento, fatti un’idea su quali società cresceranno o meno.

Infine, essendo operazioni su borsa americana si potrà investire in dollari, potrai cambiare qualsiasi moneta in dollari sul sito stesso, ovviamente si paga una piccolissima commissione, che poco importa, si parla di 3-4 centesimi a cambio, anche le banche trattengono commissioni su questo, non puoi evitarle.

Adesso se vuoi non ti resta che provare, ti raccomando, se non sei un’esperto, non puntare migliaia di euro a prima volta, fai esperienza entro i tuoi limiti.

Frecce tricolori anche a Palermo

Le frecce tricolore italiane stanno facendo il giro d’Italia, come segno di vicinanza dopo l’emergenza da covid-19. Sono previste per domani 27 maggio le frecce tricolore a Palermo e a Cagliari. Gireranno solo nei capoluoghi d’Italia, potrete vedere qui le date per le altre località https://www.balarm.it/news/un-abbraccio-partito-da-milano-le-frecce-tricolori-tornano-a-palermo-ecco-quando-118279.

A Palermo arriveranno nel pomeriggio, e potranno ammirarsi dal Foro Italico, vi raccomando non mancate, se volete vedere gli orari per le altre località pptrete vederli qui http://www.rainews.it/dl/rainews/media/Da-Codogno-a-Palermo-il-Giro-d-Italia-delle-Frecce-Tricolori-ddf2058e-f7dd-422e-a2dd-6b3cd50ab167.html#foto-1.

Nel mirino dei governi i soldi in nero

Dopo l’emergenza coronavirus, che ha provocato una profonda crisi economica, i governi si ritrovano senza più soldi, è a pagarne le conseguenze saranno tutti coloro che avranno movimenti di denaro non dichiarati.

Il problema riguarda sia i lavoratori in nero, come spesso capita per colf e badanti, che ricevendo stipendi non dichiarati potrebbero finire in tribunale assieme al datore di lavoro, questa volta pagando serie conseguenze il datore di lavoro, anche se tendenzialmente è risaputo, che al dipendente lavorare in nero purtroppo conviene di più, per tutta una serie di motivi. Basti pensare al fatto che i governi fanno tutto ciò proprio per tassare gli stipendi e ogni forma di liquidità.

Altro grave problema per molti, deriva dalla decisione del governo di verificare ogni singolo movimento di denaro, esattamente tramite severi controlli fiscali. L’ufficio delle imposte prende periodicamente i tabulati dei versamenti fatti tramite banca e tramite posta, è vorrà saperne la motivazione di tali spostamenti. E se non si trova una valida motivazione sarà un problema sia per chi li manda che per chi li riceve, rischiando di finire in Corte di Cassazione.

Al momento non si sa ancora se riguarderà anche piccole cifre o se le indagini avranno inizio da cifre sostanziose, ma è certo che hanno già iniziato. Ogni forma di liquidità dovrà essere tassata.

L’unico modo per difendersi sarà quello di sostenere che tali bonifici siano per donazioni e i risarcimenti, o vincite al gioco, che sono già tassati in partenza.

I titoli “coronavirus” che andranno avanti fino a dicembre

Ormai è chiaro, da oltre due mesi in Italia sentiamo solo notizie di covid-19, come se non esistesse più nulla. Ma quando inizieranno a cambiare questi titoli?

Sarebbe ora di parlare anche di altro, visto che il Coronavirus ci sta lentamente lasciando, oggi per esempio a Bergamo non ci sono stati deceduti, in molte regioni non ci sono nuovi contagi, per cui che senso ha continuare a mettere paura alla gente?

Hanno creato un mostro, e con l’aiuto dei media è diventato anche un’alieno chr si impossessa di voi, ci è stato detto non curatevi se avete sintomi, rivolgetevi a noi… Gli ospedali in questo periodo si sono svuotati, perché invece di farci controllare, giustamente abbiamo preferito lasciare le sale d’attesa vuote.

Dall’inizio quando il virus era in Cina, abbiamo visto tantissimi video di gente che moriva o crollava in strada, mentre era in piedi, ma dove sono finiti quei video? È possibile che la Cina essendo molto avanti nel creare video abbia inventato video del genere per guadagnare con le visualizzazioni? Perché questi crolli non li abbiamo più visti in nessun’altra parte del mondo?

La Sicilia vorrebbe mettere il libretto sanitario per chi deve venire, ma è stato negato, come tantissime altre sono state le negazioni, perché non dimentichiamo tutti i lombardi che in preda al panico scappavano con i treni verso il sud, ma è lo stato dov’era per bloccarli?

C’era io divieto di spostamento da un comune all’altro, ma giornalmente a Villa San Giovanni c’erano turisti provenienti da tutta Europa per entrare nell’isola, perché non è stato negato il transito a queste persone? Perché lo stato italiano non ha mai dato il consenso a quanto chiesto dalla Sicilia?

Adesso impongono anche la mascherina obbligatoria, di non poter sostare in spiaggia, ma queste privatizzazioni a cosa servono? Se non ci sono nuovi infetti e i vecchi infetti sono tutti in quarantena a casa, da chi dobbiamo tutelarci previo in verbale da 500 euro?

E in un momento di stop lavoro, lo stato cosa ha fatto? Niente, ha solo rovinato tanta povera gente, gente al quale è stato sequestrato il mezzo, gente al quale sono stati fatti verbali di tipo allucinante.

Ma questo accanimento contro il popolo, a che pro?

Se il popolo italiano si svegliasse, sarebbero guai.

Perché quindi questi titoli di terrore proseguiranno fino a dicembre? Semplice sia perché i tg hanno preso gusto a mettere terrore al popolo, sia perché economicamente sono gli argomenti più seguiti, e infine, perché lo stato di allerta è stato posticipato fino a dicembre.

Brunotti, questa volta gli finisce male, ricoverato dopo in video di spaccio a Milano

È successo a Milano al famoso Vittorio Brumotti, di striscia la notizia.

Si trovava a Porta Venezia, piazza centrale di Milano, a bordo della sua bicicletta, mentre filmava un gruppo di spacciatori, come sempre con megafono alla mano, quando questi hanno pensato di aggredirlo al volto con pietre, facendolo svenire e perdere conoscenza.

Si sarebbe risvegliato in ospedale ha raccontato, dove è stato curato, è avvenuto oggi intorno alle 18.30, trasportato col codice verde dell’ambulanza in ospedale. Sul luogo sono intervenuti anche i carabinieri.

Noi crediamo che Brumotti dovrebbe fare il suo lavoro, ed evitare di rischiare la vita solo per aumentare il suo stipendio.

Guarda qui il video Brumotti aggredito a Milano

Giovanni Falcone VIVE

Giovanni Falcone 18/5/1939-23/5/1992

Giovanni Vive tra noi, un magistrato come pochi, come Paolo Borsellino, Rocco Chinnici, Cesare Terranova, Pietro Scaglione e altri, tutti atrocenemente trucidati dalla mafia, e dallo stato. Magistrato di grande carisma, e di grande attaccamento al dovere, al punto di sgominare l’intera Cupola mafiosa siciliana. Un magistrato laaciato solo come Paolo, da uno stato inerme, complice di in sistema di potere all’interno dei palazzi di governo, un magistrato ma soprattutto un uomo!!!! L’uomo che, assiene ai suoi colleghi come già citati, hanno avuto il coraggio, pur sapendo di correre il rischio di essere uccisi, di condurre un indagine che ha riempito fascicoli interi, migliaia di pagine contro cosa nostra, rinunciando per anni alla loro vita privata, prima, e alla loro esistenza dopo. Egli come gli altri, vivono in noi palermitani, siciliani, italiani e gente di tutto il mondo, le Loro idee, camminano sulle nostre gambe, questo abbiamo imparato da loro, e questo è il motto di tutti i siciliani contro tutte le organizzazioni criminali. Giovanni, chiese, e ottenne, l’aula bunker a Palermo, per il processo contro migliaia di mafiosi, ottenendo, non solo decine di ergastoli, centinaia di condanne, decine di conversioni, ma ha anche ottenuto la condanna al carcere duro il famoso 41 /bis. Per ottenerlo ci son voluti anni, e trattative ( il famoso papello, cioè la trattativa stato//mafia) ma alla fine riuscì ad ottenerlo, con un grande sacrificio che però non pote’ godere e gioiere. il 23 maggio del 1992,infatti Giovanni Falcone, assieme alla moglie Francesca Morvillo, e tre uomini della scorta, Antonio Montinaro, Rocco Dicilio, e Vito Schifani, furono ATROCEMENTE assassinati da un ordigno esplosivo, comandato a distanza, lungo l’autostrada Trapani/Palermo, all’altezza dello svincolo di Capaci, a pochi km dalla città, dopo un rientro (suggerito da chissà chi, da Roma ndr). Fu un giorno che tutti i siciliani onesti, non dimenticheremo mai,

Capaci 23/5/1992

Lo scenario che si presentò agli occhi dei soccorritori, fu atroce, descritto come un attentato di guerra, straziante il dolore di chi vide, per primi, quelle scene, staziante fu il giormo dei lori funerali da parte di tutti i cittadini

Scena della strage.

Falcone rimase ferito, ma gravissimo, fu trasportato in ospedale dove morì soltanto poche ore dopo. Rintonano ancora, dopo anni, nelle nostre orecchie, nelle nostre menti, le sirene, le edizioni straordinarie di quei momenti. Morì un magistrato, morì un uomo, morì un palermitano, da lì a poco il 19 luglio 1992, anche a Paolo Borsellino e 4 agenti della scorta, toccò la stessa fine in una strada di Palermo, una come tabte, una domenica pomeriggio afosa, torrida in Via D’Amelio si consumò l’ennesimo massacro. Non morirono invano, le loro inchieste, la loro tenacia il loro coraggio, fece sì, che lintera organizzazione mafioso, fosse sgominata, decimata, frantumata. Oggi a ricordo della morte di Giovanni, i palermitani stendono un lenzuolo bianco ai balconi di casa, per dire GRAZIE GIOVANNI, GRAZIE PAOLO, GRAZIE ROCCO, GRAZIE CESARE, GRAZIE PIETRO E TUTTI GLI UOMINI DI POLIZIA, CARABINIERI, FINANZIERI E POLITICI PER AVER DATO LA LIBERTÀ AD UNA TERRA INGRATA.

Da nord a sud, le mani della procura sul covid, tramano gli indagati

Con il calo dei contagi, anche le procure stanno cominciando a lavorare alle indagini, su chi ha gestito l’emergenza covid-19 e chi per lucrare ha portato a 33.000 decessi in Italia, mettendo gli ospedali in una situazione di caos molto elevata.

Le indagini sono iniziate già da citca 1 mese, a Palermo hanno rastrellato una banda di 10 persone, tra cui direttori di Asp e assessori, come descritto in questo Articolo, manager anti tangenti che incassa tangenti sanitarie. Le procure avevano già annunciato di dover fare chiarezza sull’elevato numero di cremazioni, senza chiedere i dovuti consensi ai parenti, parenti spariti e ritrovati scritti nelle liste dei deceduti per covid, i troppi deceduti delle rsa ecc.

In tutte le regioni d’Italia le procure sono a pieno lavoro, in particolare in Lombardia, nelle città di Bergamo, Mantova e Cremona, le città più colpite. Tra queste risulterebbero illeciti al momento nelle Rsa, Il Pil Albergo Trivulzio e la Fondazione Don Gnocchi.

Numerosi indagati sono anche sui governi regionali e provinciali. Nello specifico le Rsa, dovranno rispondere al fatto di non aver adibito sale Covid all’interno delle strutture, come la delibera dell’8 marzo chiedeva.

Il Procuratore generale di Brescia Guido Rispoli, avvisa “nessun colpevole ne uscirà indenne”. Infatti nel mirino ci sarebbero già impiegati ospedalieri di tutti i livelli e personale sanitario di vario genere. Le denunce esposte durante questi mesi, da parte soprattutto di parenti delle vittime sono tantissime, su molte bisogna ancora iniziare a lavorare. Oltre gli infetti non seguiti, abbandonati e se stessi nelle proprie abitazioni, tra familiari. Una strage di vite che si poteva veramente limitare.

Va anche ricordato, che molti si sono infettati negli ospedali non covid, senza mai essere entrati in contatto con reparti di malattie infetti.

Per ulteriori notizie potrete leggere qui una delle fonti di ansa.it.

Strage, un’aereo si schianta tra i palazzi

Con 99 passeggeri bordo un’aereo di linea pakistano, non è riuscito ad arrivare alla vicina pista di atterraggio. Avrebbe riferito alla torre di controllo che aveva guasti tecnici a bordo, le piste erano comunque libere per l’atterraggio. Purtroppo si sa ancora poco sull’incidente, anche se il governo pakistano ha fatto sapere che le indagini dovranno essere aperte tempestivamente, al fine di sapere cosa possa aver causato il grave incidente.

Sul luogo sono accorsi vigili del fuoco e militari per delineare la zona d’impatto ed evitare che possano macchiarsi eventuali tracce.

Nel mentre potrete guardare qui il video del fumo nero che esce in mezzo alle strade di Karachi.

Video dal Pakistan

Guarda ulteriori aggiornamenti

Sicilia 4 contagiati, ma ulteriori ottime notizie

In Sicilia il numero dei contagiati è calato continuamente ormai da oltre un mese, nonostante la riapertura, segno che la riapertura sarebbe anche potuta avvenire prima, e che probabilmente, gli studi metereologici sull’epidemia di questa influenza potrebbero avere avuto ragione.

Gli studi metereologici, hanno appurato circa 2 mesi fa, che questo virus si ambienta bene in luoghi compresi tra 5 e 13°. Per lo stesso motivo è probabile che le temperature quasi estive della Sicilia abbiano debellato lentamente il virus, che ad oggi ha portato 4 soli contagiati nuovi in tutta la regione, e ZERO DECESSI per il terzo giorno di fila.

Ieri sono stati trovati 7 positivi, su una media giornaliera di 2000 tamponi, 2083 solo nelle ultime 24 ore. Rimangono in terapia intensiva 9 persone, una in meno di ieri che sarebbe uscita dalla sala intensiva.

Adesso sarà normale avere dati come a Trapani, Agrigento e Ragusa con zero persone ricoverate. E tra l’altro a Trapani per esempio oggi ci sono stati 0 nuovi contagiati. Adesso il trend continuerà sicuramente, ma ae posso dare un consiglio, non buttate via le mascherine, conservatele per il post-estate.

Arrestato manager anti-tangenti per mazzette negli appalti della sanità

La malavita dei corrotti, che lucra sulla sanità e su tamtissimi altri settori non si ferma mai, neppure davanti un’epidemia che semina morte.

Il problema maggiore però parte dalla magistratura, che ad un’uomo come Antonino Candela, Palermitano, intercettato in diverse occasioni a sostenere la malavita, per ultima una chiamata dopo si diceva “io sono il capocondominio della sanità”, dirigente dell’Asp di Trapani, gli sono stati dati gli arresti domiciliari. Questo la dice lunga dello stato in cui viviamo. Invece di arrestare per tantissimi lunghi anni, la gente che provoca morte e disservizi, in un sud già martoriato dallo stato che manda sempre meno fondi.

Da uomo vero anti-tangenti e ometto corrotto, da uomo sotto scorta è passato a non avere più la scorta. Probabilmente rimanere sotto scoeta gli faceva bene, almeno che queste mazzette non le prendesse già da prima.

Del resto si sa cosa gira intorno a certi appalti, non siamo mica stupidi, appalti ospedalieri solo per pochi, appalti agli aeroporti solo per pochi, appalti ai porti, nelle strade, tutto rigorosamente in una ristretta cerchia di persone.

Antonino Candela, ex manager dell’Asp di Palermo, attuale coordinatore dell’emergenza coronavirus nella regione Sicilia.

Assieme ad altre 9 persone, è stato arrestato, in seguito ad 4 appalti incaricatigli nel 2016 per 600 milioni di euro.

Nello specifico gli appalti erano per la manutenzione di attrezzi sanitari elettronici e per pulizia negli ospedali.

La guardia di finanza questa mattina, è venuta a capo dei tasselli mancanti per poter sgominare la banda, anche se ormai le mazzette saranno ben conservate. La gdf ha dovuto credere a stento a tutte le vicissitudini del capo anti-tangenti, che avrebbe intascato diverse mazzette, tra cui una da 260 mila euro. Ritornatagli indietro tramite imprenditori che si erano aggiudicati l’appalto.

Solamente due persone della banda sono finite in carcere, il resto tutti ad arresti domiciliari.

Tra gli indagati non poteva mancare la mano di qualche politico, che è sempre il tramite principale per assegnare appalti, si tratta infatti del deputato regionale Carmelo Pullara, eletto candidato nella lista Musumeci presidente. Oggi è presidente della commissione anti-mafia e presidente della commissione sanità in Sicilia. Questo avrebbe sollecitato la candidatura di una ditta e favorito l’aggiudicazione di una delle gare d’appalto in questione.

Un vero shock sul campo sanitario, che si trova in queste ore destabilizzato più di prima, si spera infatti che ben presto potranno essere rimpiazzati gli arrestati con gente onesta, gente che non manda indietro il nostro sud ma che lo aiuta, farsi le ville è bello, la bella vita anche, camminare con una bella auto, ma bisogna essere intelligenti lavoratori, non stupidi ladri.

Vaccino anti covid-19 pronto

Il vaccino anticovid è già nei laboratori, sono diversi i vaccini di vari paesi, pronti per essere testati sugli animali.

È guerra su chi dovrà lanciare per primo, il vaccino anti covid, al momento la contesa è tra Stati Uniti, Cina ed Europa. Tutti in preda alla corsa, per un vaccino che varrà miliardi dollari, ai parla addirittura che potrebbe risollevare l’economia del paese che per prima riuscirà a metterlo nel mercato.

Ma a che prezzo verrà lanciato sul mercato più velocemente possibile?

Si presuppone che i paesi sopra citati stiano facendo la corsa, per evitare il ritorno di questo virus dopo l’estate. Di contro ci sarebbe la Cina che vorrebbe rimediare al problema creato nel mondo, dall’altro ci sarebbero gli Stati Uniti che stanno pagando il prezzo di morti più alto, inoltre ci sarebbe l’Europa, che a livello mondiale vuole rimanere in testa alla classifica per le sue utili scoperte.

Ma attenzione, bisogna fare chiarezza, su quali sono i tempi minimi per poter lanciare un vaccino dopo i test, altrimenti finisce per provocare più danno che altro.

Non dimenticare a igienizzare i condizionatori, leggi

Igienizzare i condizionatori è sempre un trattamento consigliato, che non tutti fanno, però quest’anno sarebbe un buon consiglio farlo.

Se non lo sai, nei filtri dell’aria condizionata risiedono virus e batteri, che grazie all’umidita che si mantiene, riescono a rimanere vivi molto a lungo. Non per caso molte persone smontano i filtri dei propri condizionatori cercando di pulirli il più possibile, anche se spesso oltre a togliere la polvere che risiede, non si vanno ad eliminare i batteri e i virus che si ci depositano.

Se consideri che lo split in casa o il compressore delle auto risucchiano ari per raffreddarla, prende aria da un grande raggio, soprattutto nelle auto.

E in questo periodo è fondamentale con l’epidemia che c’è stata, essere sicuri e spendere appena 12 euro per un’igienizzante. Perché non dimenticate che il virus può risiedere nei filtri dei condizionatori molto a lungo, finendo per essere intrappolato ora ed uscire con le temperature a lui ottimali.

Se vuoi ti posso consigliare questo spray da 12 euro di Amazon, io l’ho già preso e ti assicuro che è veramente facile da utilizzare, oltre l’odore di pulito che lascia. Talvolta dalle prese d’aria dei condizionatori esce cattivo odore, che grazie a questo spray potrete debellare. Il link di sopra è per una bomboletta, se volete acquistarne due potrete risparmiare 7.50 euro, non male. Eventualmente il link per prenderne due è questo 2 spray igienizzanti.

Fatemi sapere se lo prendete come vi trovate, io sinceramente credo di prenderlo ogni anno visto il prezzo è visto anche il buon odore che lascia.

Ztl a Palermo, buone notizie sullo stop

Da giorno 18 assieme alla riapertura alla fase 3 si sarebbe dovuti tornare anche la ztl, famosa e tanto odiata da commercianti e cittadini periferici, oltre che chi la paga tendenzialmente sono chi deve lavorare in centro e gli abitanti del centro, tanto da non capire neppure che senso abbia.

Uno spiraglio di buona notizia arriva, la ztl resterà sospesa fino al 31 luglio, anche se sicuramente queste misure europee ripartiranno comunque. Per cui non ci sarà da cantare vittoria a lungo.

In Sicilia non bastano i tamponi per trovare nuovi contagi

Ultime 24 ore 3.181 nuovi tamponi fatti in Sicilia.

Si limitano a 8 i nuovi contagiati delle ultime 24 ore in tutta la regione. Su 109.195 tamponi sono risultati positivi 3.411, di questi sono ancora positivi 1.509 persone, mentre 1.633 sono guarite, arrivando così tra ancora e infetti e guariti a 3.142 dei 3.411 positivi, mentre 269 dei 109.195 tamponi sono deceduti, di cui uno nelle ultime 24 ore.

Degli attuali positivi 124 sono ricoverati mentre 11 sono in terapia intensiva (12 fino a ieri, 1 in meno perché purtroppo dalla terapia intensiva non ce l’ha fatta).

1.385 sono invece in isolamento a casa, anche se resta ancora poco chiaro su chi controlla l’isolamento di queste quarantene, visto che i possibili positivi potrebbero uscire senza che nessuno lo sapesse.

Se vuoi veramente “proteggerti” dai verbali per la mascherina ecco la soluzione

I verbali continuano, qualsiasi pericolo è un verbale covid ormai.

Le mascherine adesso sono obbligatorie ovunque, e le scelte sono due adesso. Non importa mettere una mascherina efficace contro i virus, altrimenti dovresti indossare delle ffp3 ermetiche, per cui o acquistate delle mascherine economiche come queste che vi elenco qui sotto, oppure andrete in contro a delle inutili sanzioni.

Siate liberi di scegliere, ma riparate la persona che vi potreste trovare davanti, mantenendo per esempio una certa distanza. In ogni caso per la distanza al momento non ci sono verbali. C’è solo l’obbligo della mascherina. Per chi vuole evitare di ricevere verbali e portarli in seguito da un avvocato e trovarsi o a pagare il verbale o a pagare un’avvocato, il mio consiglio è di acquistare le mascherine chr trovi qui sotto. Ho scelto per te le più economiche qui:

Tutte e 3 le tipologie sono pubblicizzate da Amazon, per cui se avrete Amazon prime potreste anche risparmiare i soldi della spedizione oltre che i tempi.

Se non hai ancora provato Amazon prime, sappi che con questo link, potrai provarlo gratis per un mese, e sarai libero di toglierlo quando vorrai. Si ricorda che la prova potrai farla solo per una volta, dopo il mese di prova pagheresti 4 euro al mese ma avendo tutte le spedizioni gratuite, quindi utile per chi acquista spesso su Amazon.

Conaiglio mio è aquista uno dei pacchetti sopra e ti metti al sicuro, anche se non vorrai usarla almeno la puoi portare sempre con te, e tenerti pronto ad usarla. Anche perché adesso ci sono, ma con i nuovi obblighi potrebbero sparire nuovamente, e finiresti per pagare caro per averne 1.

È caos sulle mascherine obbligatorie

In Italia ormai si sa, abbiamo fatto un po ridere a livello mondiale per le misure adottate, qualcuno addirittura ha fantasticato che qualche altro paese ci seguisse, una vera bugia questa, visto che nessun paese ha mai chiuso come l’Italia.

In Svezia per esempio senza alcuna misura di contenimento si è rimasti con una percentuale molto più bassa di decessi, questo dovrebbe far capire quanto i lockdown siano stati forse più dannosi che altro. Eppure il governo italiano è riuscito a comprare il parere di molti cittadini, ma non di tutti. Che trovano assurdo adesso l’obbligo della mascherina se dall’Europa potranno arrivare turisti senza fare neppure la quarantena, oltre che quando sarebbe dovuta essere obbligatoria non ne esistevano mascherine, poi qualcuno è riuscito a produrle o ad importarle, e adesso l’uso ne è diventato obbligatorio.

Vediamo un’attimo la lista dei contagi e dei nuovi decessi in Italia, per capire se è normale adottare misure uguali in tutta Italia (anche se in Sicilia chi impone le mascherine è lo stesso che, ai beni culturali della Regione, ha messo contro il volere dei siciliani un assessore della Lega).

Elenco contagi e deceduti in Italia

Nuovi contagiati e nuovi deceduti

  • Lombardia +175 +24
  • Piemonte +72 +20
  • Emilia Romagna +35 +13
  • Veneto +9 +9
  • Toscana +13 +5
  • Liguria +32 +12
  • Lazio +39 +6
  • Marche +11 +0
  • Campania +11 +3
  • Puglia +7 +1
  • Trentino +13 +0
  • Sicilia +7 +0
  • Friuli Venezia Giulia +7 +1
  • Abruzzo +7 +3
  • Alto Adige +1 +1
  • Umbria +0 +0
  • Sardegna +0 +1
  • Valle d’Aosta +1 +0
  • Calabria +0 +0
  • Molise +11 +0
  • Basilicata +0 +0

Intanto da questo primo schema verrebbe da dire, perché la Basilicata, la Calabria e l’Umbria vengono trattate come la Lombardia? Non sarebbe un peccato riaprire quasi tutto ma con l’uso delle mascherine, e poi in queste regioni portano il virus dall’esterno? Lo stesso varrebbe anche per tutte le altre regioni a basso contagio.

La nostra idea è sempre, dall’inizio dell’epidemia, quella di chiudere totalmente ogni regione, senza se e senza ma. Adesso ponetevi una domanda, perché pensate che le mascherine e il distanziamento abbia funzionato bene? All’inizio veniva fatto il verbale a chiunque fosse fuori, in giro per le strade non c’era nessuno eppure i contagi salivano vertiginosamente, non si capiva neppure come arginare il problema (per i poveri), neppure esistevano le mascherine, tanto che qualcuno andava al tabacchi o altrove mettendo la magliettina o il foulard davanti le vie respiratorie.

Eppure i contagi sono diminuiti, hanno riaperto un minimo, per la fondamentale attività motoria, e i contagi continuano a diminuire. Adesso pensate si ai medici morti per il Coronavirus, lo hanno preso anche con le tute ermetiche, con maschere ermetiche, eppure alcuni sono deceduti, pensate che voi possiate respingere un virus con un pezzo di seta davanti la bocca?

Sapete che moltissimi medici, hanno lavorato senza vedere la luce del sole per tantissimi giorni e sotto stress? Questo perché la mancanza di posti letto, la mancanza di personale li ha poveretti mandati in caos, abbiamo accolto aiuti dalla Cina, dalla Russia, dall’Albania, da Cuba, quando sono andati tutti via perché il virus aveva iniziato la discesa, abbiamo portato anche migliaia di volontari italiani, nelle zone più colpite, e contagi e deceduti hanno continuato a diminuire.

Be dovrebbe essere logico adesso il motivo dei medici deceduti, non hanno avuto neppure il tempo di mettersi il camice, costretti a mettere dello scotch per sigillare le parti aperte tra manica e guanti, tipo cose da terzo mondo. Lo stress, come quello che lo stato ha provocato in questi mesi a tutti, fa diminuire le difese immunitarie, come sono crollate quelle dei medici in servizio. La vitamina d che si assume in prevalenza grazie al sole, quest’ultimo è quello che vi riesce a mettere il sorriso in viso e la sua mancanza vi mette tristezza, è stato proibito a noi cittadini così come ai medici, che per non andare a casa dai familiari, sono rimasti spesso in ospedale a non vedere un briciolo di sole, ecco perché anche i medici sono morti.

Guardate quanti medici di ospedali non covid sono morti, pensate che quelli non siano andati in contatto con infetti? Ve fino a 3 giorni fa a Palermo un caso covid era in ortopedia in un ospedale non covid. Immaginate in quante città sia avvenuto questo.

Credete veramente che il virus stia rallentando grazie al nostro sforzo? Non pensate che stia perdendo forza da solo? Magari pensarlo, non si è costretti a crederlo. Alcuni studi sostengono che il virus si attacca di più nelle zone più inquinate, se così fosse sarebbe bene riaprire senza auto inquinanti al momento, poi può essere che la Lombardia non sia veramente la Regione più inquinata d’Italia… E gli esperti che hanno studiato il clima dove il virus ha fatto presa? Che andrebbe nei luoghi compresi tra i 5 e i 13°? Potrebbe incidere pure? Se guardiamo l’Africa che non ha avuto contagi…penso di si, ma, non ci sarebbe da stranizzarsi se questo virus adesso arrivi in luoghi come il Canada o in alcune zone della Russia, dove si registreranno queste temperature adesso.

Perché allora la mascherina adesso è obbligatoria ovunque e durante il picco no? Semplice, perché oggi c’è un’esubero di mascherine di tela, e bisogna venderle. Nessuno pensa che a ottobre potrebbero essere nuovamente utili, finendo per non averne di nuovo quando serviranno.

Oltre che l’uso obbligatorio, è un pretesto per effettuare ulteriori verbali, visto che i tanto attesi fondi dall’Ue non arrivano.

Perché è inutile la mascherina?

  • Fa mancare l’aria, creando problemi di respirazione
  • Non è ermetica, per cui passa tutto
  • Vi fa respirare quantità di anidride carbonica maggiori
  • Col caldo al quale siamo abituati può fare abbassare la pressione
  • Il virus ha perso forza da oltre un mese
  • Lo abbiamo preso tutti i quasi, senza renderci conto, quindi abbiamo sviluppato le difese immunitarie
  • Il clima non è più adatto ai virus
  • A livello di contagi in alcune regioni, non c’è nessuno o quasi nessuno che possa contagiare altre persone
  • Non potete difendervi dal virus in nessun modo, almeno che non vi chiudete in casa con 6 mesi di scorte alimentari

Purtroppo ci sarà ancora chi crederà alle favole, saranno gli stessi che non hanno mai ricevuto un’assurdo verbale per coronavirus, gente che purtroppo non ha un’idea propria su questa “normale” influenza stagionale.

Basta chiudervi in casa per 2 mesi per iniziare a soffrire di qualunque patologia, gli stessi che vi impongono la mascherina sono gli stessi che non hanno mantenuto l’ordine emanato.

Ciao se ti va di guadagnare qualche soldino realmente, leggi l’articolo qui sotto. Dipende tutto da te

Ciao sai che qualcuno è disposto a pagare ciò che a te non serve più? O ciò che tu potresti trovare dove vuoi e vendere anche in blocco a chi rivende?

Molti per esempio fanno trasporti, traslochi o sbarazzi, e non avendo spazio o tempo vendono in blocco a qualcuno disposto a comprare per rivendere a sua volta.

Ma se non fai nessuno di questi lavori, posso comunque darti qualche piccolo consiglio. Perché non cerchi qualcuno che deve togliere arredamenti o qualsiasi altra cosa e ti metti d’accordo con chi comprerebbe queste cose? Troverai sicuramente qualcuno interessato.

Se sei di Palermo o in Sicilia, ho i contatti giusti per te. Puoi rivolgerti o direttamente alla pagina Facebook qui sotto Il Nuovo Mercato Dell’usato, o puoi chiedere direttamente ai contatti qui sotto. Saranno lieti di darti tutte le informazioni che cerchi. Fidati, il guadagno è assicurato per te. Ecco i Contatti al quale puoi chiedere.

Facci sapere cosa ne pensi, e aiuta chi potrebbe fare comodo guadagnare qualcosina inviando questo articolo a chi credi sia più invogliato a farlo.

Ciao ti interessano oggetti vari usati? Iscriviti alla mia pagina Facebook

Ciao sei uno di quelli che gli piace girare nelle varie bancarelle, magazzini, negozi di merce usata varia? Bene tu sei alla ricerca di oggetti vari noi siamo alla ricerca di Mi Piace per fare crescere la nostra pagina, ci daresti una mano?

Ci troviamo a Palermo, guarda la nostra pagina per farti un’idea e lascia un bel Mi Piace.

Il Nuovo Mercato Dell’usato

Nel dettaglio abbiamo mobili usati moderni e antichi, oggettistica varia, vintage, divani, insomma un po di tutto.

I tagli per sostenere un mercato globale al collasso

In venti anni e anche più abbiamo assistito più a tagli che a finanziamenti, più a privatizzazioni che a pubblicazioni, queste ultime da un lato importanti perché i beni pubblici vengono talvolta trascurati mentre quelli privati vengono tenuti in perfetto stato per ovvie ragioni.

Le scuole pubbliche, ricevono sempre più tagli, invece di essere sovvenzionate per lavori di restauro e risparmio energetico, come l’installazione di impianti fotovoltaici, eppure con tutti i tagli che ricevono, quanti tetti abbiamo sentito cadere nelle scuole? Dove ci sono stati i vostri figli li sotto, eppure nessuno ha mai detto nulla. Avete preferito mandare i vostri figli nelle scuole private se li volevate al sicuro, ma non tutti si possono permettere la scuola privata, e poi come si può paragonare l’insegnamento di una scuola pubblica con una privata?

Quanti tagli abbiamo visto negli anni, a pensioni, sussidi, stipendi, eppure sapete quanta gente si è ridotta alla fame? Avete visto video di italiani che vanno a cercare scarpe nella spazzatura e cibo nei mercati quando i fruttivendoli lasciano per terra la frutta andata a male, eppure nessuno ha mai detto nulla. Quante volte avete visto italiani dormire nelle auto o ancora peggio al freddo in strada, eppure a parte qualche servizio di volontariato che gli porta una coperta e una tazza di tè caldo caldo non vedo altro. Eppure vediamo stranieri che vengono messi in quarantena su grandi navi da crociera, o in hotel, con vitto e alloggio pagato. Vedete il cara di Mineo, il più grande dei centri di accoglienza d’Europa, adesso è stato chiuso per via della breve politica anti immigrati della Lega, con servizi di polizia che ancora oggi fanno servizio li, per controllare che nessuno occupi questo mega villaggio super attrezzato, struttura del quale noi paghiamo ancora l’affitto per tenerla chiusa, una volta tolti gli stranieri perché non viene data agli italiani disagiati che vivono in strada? Eppure nessuno vede quella povera gente in strada, non contano nulla.

Quanti tagli abbiamo avuto nelle strade e autostrade? Vedendo ponti crollare come se non fossero più utili, vedete l’autostrada Palermo Catania, nessuno si lamenta, eppure diversi sono stati i governi, anche quello attuale, sempre amato, o amato un po di meno con gli ultimi folli decreti, eppure ha fatto ricostruire il ponte Morandi in meno che non si dica, e il ponte della Palermo Catania dov’è? Nessuno si lamenta, e i ponti continuano a crollare per non ricevere alcuna manutenzione, ci sono ponti che stanno per crollare, ci passate sopra consapevoli del pericolo, ma cosa aspettate? La strage?

Quanti tagli sul lavoro? Con sempre soliti aumenti di tasse, tasse sopra tasse, vedete l’energia elettrica quanta ne sciupate e quanta ne pagate, e pensate che nelle attività commerciali costa quasi il doppio, e sul 100% circa il 70% sono tasse, quante volte sentite dire che abbiamo una pressione fiscale del 65%? Capite cosa significa? Paghiamo l’iva sul pane che mangiamo, paghiamo l’Iva su tutto, talvolta costretti a chiudere, chi ha i soldi trasferisce le proprie ditte, le proprie fabbriche all’estero, per risparmiare e guadagnare sempre di più, e chi soldi non ne ha? O chiude o si suicida, ma perché nessuno li guarda queste cose?

Quante volte avrete sentito parlare di tagli alla sanità? Andate in ospedale pubblico per una radiografia e viene segnata tra un’anno, ma se sotto banco passate la carta di 100 euro si aprono le porte del paradiso. Preferite andare in un’ospedale privato per alcune operazioni, pensando che siano più efficienti di un’ospedale pubblico, ma forse non sapete che quando ci sono complicanze vi devono portare in uno pubblico perché è più attrezzato in teoria. Vediamo più ospedali chiusi per lavori in corso che aperti. Quante volte avete visto scarafaggi e animaletti vari negli ospedali? Letti rotti? Medici mancanti? Eppure poche volte vi lamentate se non con il capo reparto, siete mai scesi nei depositi degli ospedali? Hanno montagne di letti da migliaia di euro accantonati in disuso per non far riparare una ruota da 50 euro, eppure non vi lamentate.

Oggi però vi dicono che ci sono 30.000 morti solo in Italia per un’influenza stagionale aggressiva, ma come mai in molti paesi non ha provocato così tante vittime? Vedete la Cina, in quanto tempo ha costruito due ospedali da mille posti letto ciascuno attrezzati di tutto punto per l’epidemia? Sono anche riusciti a non fermare l’economia, perché hanno tenuto il virus dentro la città di Wuhan, e come hanno fatto? Vi fanno vedere le fosse comuni in America, ma lo sapete che in America la sanità è privata? Per cui chi non si può permettere le cure muore.. Vi fanno vedere la Spagna, con tanti decessi, ma non lo sapete che in Europa la Spagna è messa economicamente quasi come l’Italia? Quindi con alto tasso di disoccupazione e tagli su tutti i settori. Se mettiamo insieme i decessi di questi pochi stati, formano più della metà dei decessi avuti, perché in Italia così tanti? Semplice è un paese anziano, dove i giovani non trovano lavoro e se ne vanno in altri paesi, ma questo nessuno lo guarda, nessuno fa niente.

Però oggi con 30.000 decessi solo in Italia vi vogliono far capire che il problema sia il virus, che il problema siamo noi che dobbiamo obbligatoriamente usare mascherine che non possono proteggere neppure da un virus, perché la moda del sapere la differenza tra una ffp0 ffp1 ffp2 ffp3 è passata di moda, e vi fanno mettere un pezzo di lenzuolo in viso. E voi siete convinti di essere protetti, protetti se state a casa, ma nel mentre se uscite vi fanno sanzioni spaventose, solo per fare cassa e non per riinvestire questi soldi nella precaria sanità che hanno divorato. Perché non guardate la la Germania? Che non taglia ma finanzia, perché non guardate la Svezia senza lockdown? Perché non guardate altri mille stati che senza lockdown hanno sempre continuato a lavorare senza problemi.

Ne oggi è arrivato il momento che caro popolo vi dovete svegliare, perché i nostri tagli sono la nostra vita, i nostri tagli, sono l’aumento di stipendio di una massa di incapaci che vi governa. Che con la sanità ha toccato il fondo e ve la vuole far pagare a voi. Perché loro non si assumeranno mai nessuna responsabilità.

E siccome hanno paura che vi svegliate, continuano a mettere decreti che continuano a limitare la nostra libertà, qualcuno riesce anche a esserne soddisfatto, nel mentre però non siete mai stati così limitati, non siete più liberi di manifestare perché venite sanzionati. Sanzioni anche per chi manifesta il bisogno di tornare a lavorare.

Adesso dovete svegliarvi, o sarà troppo tardi. Le cure ci sono, nessun uomo benestante è morto, perché questo è il virus dei poveri.

Guarda questo video per avere un’idea i tagli in tutti i settori

Reddito di emergenza per isee sotto 15.000 euro

Si attende ormai da un giorno all’altro l’entrata in vigore per la domandina del reddito di emergenza, solo in Sicilia ci saranno 700 mila richieste secondo la CGIL.

Bisogna essere cittadino residente in Italia, il reddito di aprile deve essere inferiore alle 800 euro mensili richiedibili nel reddito di emergenza, il patrimonio mobiliare deve essere inferiore a 10.000 euro, o fino a 5 mila euro per componente familiare, purché non si superi il tetto massimo di 20.000 euro. L’isee deve essere inferiore a 15.000 euro all’anno.

La domandina si potrà presentare nei Caf o nei Patronati.

La domanda dovrà essere presentata entro il mese di giugno 2020.

Sarà compreso tra 400 e 800 euro in base al nucleo familiare.

Il portabici per auto perfetto

Ciao se sei arrivato qui è perché anche tu stai cercando un buon portabici per la tua auto. Bene anche io ho dovuto ricorrere a questa nuova soluzione in vista dei nuovi blocchi stradali.

Questo che ti propongo è il migliore come qualità prezzo, l’ho preso anche io e ti assicuro che è veramente una bomba.

Comodissimo lo monti e lo smonti in 2 minuti, non graffia la tua macchina, e anche se non ha i ganci per posare la bicicletta come per altri, anche se gli altri l’hanno in plastica, e avere la paura di perdere la bici in autostrada non è proprio il massimo. Con questo metti le bici come vuoi facendole passare il telaio dentro i due tubi e le puoi legare sia insieme che separate per distaccarle, ti servirà appena un cordino anche di tipo elastico volendo.

Per me è perfetto, che non uso spesso la bici e con appena 28 euro sei sicuro di portare la bici sempre con te.

Fammi sapere cosa ne pensi, ti ho lasciato il link direttamente di Amazon qui sotto.

Portabici per auto Amazon

Siamo vicini a una nuova strage dei nostri mari, ecco perché

Durante il lockdown, abbiamo assistito a un risanamento della natura, che non abbiamo mai visto dai tempi della prima industrializzazione, cioè nel 1800. Oggi man mano vedo già i mari inquinarsi nuovamente nei vari porti, sia perché i proprietari di imbarcazioni fanno lavori di manutenzione, sia perché con il lockdown tutti puliscono nello stesso periodo le proprie barche ecc, e vivendo in una zona che si sta riaprendo e in una zona costiera, lo noto più di tanti altri. Ma oggi al di là di questo, che sembra il problema minore, cresce una grande preoccupazione per il fattore petrolio, scopriamo insieme perché.

Sparse nelle varie zone petrolifere del mondo, a causa del lockdown imprevisto, c’è la più grande tiserva di petrolio della storia riposta in 240 milioni di barili nelle navi, anche se si è fatto l’impossibile, a costo di mettere questi barili in offerta, e addirittura alcune compagnie hanno pagato affinché facessero spazio, anche perché tutte queste navi cariche non hanno avuto nemmeno dove scaricare, finendo per intasare le coste e i porti.

Qualcuno vede segnale di ripresa per lo smercio del greggio, ma va considerato che ci sono luoghi ad alto numero di popolazione che sono ancora chiusi, e nei luoghi che stanno riaprendo, non si lavora conunque a pieno regime, basti vedere l’assente traffico nelle zone riaperte. Per cui ancora è lunga la strada per poter smerciare questo petrolio, e non si sa ancora (molto probabile), se dopo l’estate ci sia un ritorno del lockdown, in Italia per esempio è stato prorogato lo stato di emergenza di altri 6 mesi.

Secondo diversi economisti e investitori, ci sarebbero due possibilità una che rimarrà a lungo fermo e una che riprenderà presto lo smercio. Chi avrà ragione tra le due parti?

Il peggio è che il greggio potrebbe tornare a prezzi sopra la media pre lockdown, perché è più costoso tenerlo riposto sulle navi che tenerlo sulla terraferma (i quali depositi sono già pieni). È anche probabile invece che per riprendere il commercio rimanga invece a basso prezzo a lungo, al momento è difficile farne previsioni, e anche difficile per gli investitori mettere i propri risparmi.

Va anche ricordato, che i consumi di greggio sono diminuiti sia per il calo di spostamenti via terra, sia per il calo di traffico in mare, come le crociere, sia per il calo del traffico aereo, tutti e tre vie di comunicazione, è certo che non ripartiranno subito a pieno ritmo.

Fortunatamente va anche ricordato che, anche se all’inizio c’è stato un po di malinteso tra le maggiori compagnie produttrici, si è riuscito poi ben presto ad arrivare all’accordo per diminuirne la produzione, visto che diversi paesi, soprattutto in America, erano completamente stracolmi di greggio da non sapere più dove metterlo finendo per arrivare al famoso meno 30 dollari al barile, fortunatamente l’Opec si è riunita il mese scorso è hanno tagliato parecchio la produzione dal 1° di maggio.

Mai prima d’ora si era assistiti ad un’uso così eccessivo di navi deposito, sia di petrolio, sia di nafta e kerosene (queste dur potrebbero anche evaporare lentamente) addirittura anche navi stracariche di metano sono tutte ferme.

Sparse nei mari ci sono 225 navi deposito piene, con 240 milioni di barili a bordo.

Ma sorge spontanea adesso una domanda, quanto siamo vicini ad una strage di riversamento di greggio in mare? I normali incidenti possono capitare, e purtroppo ne sono capitati, ma tutte queste navi ferme, con tutto questo carico a bordo, che spesso si trovano in mari molto agitati, quanto sono pericolose per l’ambiente? Non sarebbe ora di tagliare seriamente la produzione di una buona percentuale? Purtroppo siamo in una situazione critica, poiché le petroliere sono per lo più a noleggio, per cui ormai bisognerà sfruttarle seppur sperando nelle riaperture, che comunque ancora non arrivano in modo massiccio.

Presto potremmo ritrovarci con qualche costa nel mondo, invasa dal petrolio, quando potrebbe avvenire? Sarà un’incidente provocato per riscuotere almeno dalle assicurazioni?

Nulla si può prevedere con certezza, ma per gli amanti della natura, sappiamo che ci sono 240 milioni di barili che galleggiano in mare…

Speriamo bene, auguriamoci che quel poco che la natura ha conquistato in due mesi non lo riperda in pochi giorni, anche se già incidenti inquinanti in pochi giorni ce ne sono stati tanti.

18 maggio evviva si riparte, ma con tanta paura.

Gioire o soffrire?


Il tanto sospirato giorno della ripartenza, o quasi, è arrivato, il 18 maggio si rimette in moto un po’ tutto. Evviva, finalmente, ma quanta paura…

Ripartono i negozi, certo, ma tanti hanno già chiuso i battenti prima ancora di riaprire, troppe tasse, troppe utenze da pagare non utilizzate, affitti da pagare anche stando chiusi, e non certo per ferie. Si potrà prendere un caffè al bar, seguendo tutte le normative di sicurezza, non si potrà consumare cibo all’interno, quanta gente tornerà a far colazione al bar? Nessuno, quindi bar in ginocchio, anche in questo campo, molti preferiscono non riaprire, piuttosto che riempirsi ulteriormente di debiti. I lidi balneari riapriranno, ma anche qui, dovendo rinunciare ad almeno il 50% della clientela, pagando ugualmente i bagnini, gli addetti alla sorveglianza, tasse di concessione ecc, hanno preferito non riaprire. Poi ci sono gli operai in cassa integrazione forzata, fifficilmente potranno tornare al loro posto di lavoro, non prima quantomeno, che le varie aziende si riprendano parzialmente dalla crisi. E poi c’è la paura, quella che ancora colpisce tanta gente, paura di uscire, paura di incontrare persone, a dir loro, sospette di essere portatori del virus. E poi i viaggi, al momento vietati all’estero, ma si potrà viaggiare, almeno per i prossimi 15 giorni solo all’interno della propria regione, dopo di ché, si potra visitare l’Italia da nord a sud, anche qui, tanta gente preferisce la nostra terra, piuttosto che rischiare oltralpe. Ed infine, e non per ultimo, la paura, paura di tornare indietro, paura del ritorno del virus, che, con ogni propabilita’, purtroppo, ricomparera’ al primo freddo, a ottobre /novembre probabilmente, paura di tornare tutti a casa, a rivivere quei giorni di paura. In buona sostanza, sarà una ripartenza all’insegna della paura.